Come preparare e servire un Martini

tramite: O2O
Difficoltà: media
Come preparare e servire un Martini
15

Introduzione

Il Martini, è uno dei cocktail più famosi e popolari in tutto il mondo. Esso viene consumato solitamente come aperitivo e viene servito generalmente assieme a nocciolie, patatine o pop corn a seconda dei gusti. Esistono diverse versioni di questo cocktail, a seconda degli ingredienti utilizzati e della preparazione attuata. Gli ingredienti per la preparazione di un Martini non sono molti, ma ciò nonostante è necessaria per la preparazione una certa attenzione, nonchè manualità ed esperienza. In questa guida è illustrato come preparare e servire questo popolare cocktail senza incorrere in errori comuni.

25

Occorrente

  • Gin London Dry
  • Vermouth
  • Fettine di Limone o Arancia
  • Cubetti di Ghiaccio
  • Olive dissossate
  • Stuzzicadenti
  • Mixinglass
  • Coppa da cocktail
  • Bicchieri da cocktail
35

La versione più famosa e gustata dai bevitori di tutto il mondo per quanto riguarda il Martini, è il Martini Dry. Esso ha un particolare e unico gusto secco, che lo rende perfetto sia per un aperitivo., che come digestivo, sopratutto se prima di berlo è stata consumata una pietanza riccha di grassi e calorie. Munitevi degli ingredienti necessari per la preparazione, che in questo caso sono due, Il Gin London Dry ed il vermouth. Per quanto riguarda il primo, esso è particolarmente adatto, in quanto conferisce all'alcolico quel senso di secco. Per il vermouth, invece, utilizzate in particolare un Martini Extra Dry. Create delle proprorzioni di 8/10 per quanto riguarda il Gin London Extra Dry e di 2/10 invece per il vermouth.

45

Versate una dozzina di cubetti di ghiaccio, appena preparati e quindi assolutamente cristallini, nel Mixinglass. Aggiungete il Martini e mescolate intensamente per qualche secondo. A questo punto, aggiungete il Gin e continuate a mescolare in maniera energetica per un'altra manciata di secondi. A questo punto, attendete che il Martini si sarà raffreddato, quindi procedete con l'eliminazione del ghiaccio e versate il cocktail, passandolo prima attraverso un colino, in un'apposita coppa, che avete riempito precedentemente per 3/4 di cubetti di ghiaccio. Ovviamente, prima di completare l'intero processo, assicuratevi di aver eliminato completamente l'acqua formatasi a causa dello sciglimento degli stessi cubetti di ghiaccio.

Continua la lettura
55

Decorate i bicchieri in cui servirete il cocktail con delle fette di arancia o limone, stando attenti a non incorporare all'interno anche la parte bianca, che risulterebbe troppo acida ed aspra. Potete anche dare un tocco di eleganza servendo questo cocktail con delle oilve dissossate, infilate in degli stuzzicadenti e immerse nella bevanda. Il vostro Martini sarà pronto per essere servito e deliziare anche gli ospiti più esigenti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Come si prepara un Martini Royale

All'interno della presente guida, andremo a occuparci di cocktail. Nello specifico, come avrete ben compreso dal titolo della nostra guida, andremo a spiegarvi in pochi passi Come si prepara un Martini Royale.Durante un pranzo speciale è sempre buona...
Vino e Alcolici

Creare un perfetto Cocktail Martini

Nella seguente guida che vi esplicheremo immediatamente nei passaggi che seguiranno, indicandovi come potrete creare un perfetto Cocktail Martini. Esso ha potuto avere un successo enorme in tutto il mondo, in quanto è la bevanda preferita del celebre...
Vino e Alcolici

Servire un vino a tavola

Anche se molti pensano che non sia assolutamente importante, in realtà servire un buon vino in tavola nella maniera giusta, è sicuramente un gesto e un comportamento gradito da parte di un ospite. Servire bene un vino in tavola, è sicuramente segno...
Vino e Alcolici

Come servire un Moscow Mule

Rinfrescante, dissetante, dall'interessante retrogusto intenso e piccante dato dallo zenzero: il Moscow Mule è uno dei più richiesti cocktail dell'estate 2017, nonostante sia uno dei più classici di sempre. Ma non basta saper scegliere gli ingredienti...
Vino e Alcolici

Galateo: 5 errori da evitare nel servire i cocktail

A chi di voi non è venuto in mente di organizzare un aperitivo a base di Cocktails? Certo non è un' impresa facile soprattutto se si vuole seguire l'etichetta, ossia il galateo. Cercherò di avvalermi della mia e di varie esperienze nel servizio per...
Vino e Alcolici

Come servire e accompagnare il brandy

Al termine di una gustosa e saporita cena in compagnia, non c'è nulla di meglio che accomodarsi in salotto e sorseggiare insieme ai propri amici un drink o un amaro. Esiste un vero e proprio galateo che prevede che agli uomini vengano offerti alcolici...
Vino e Alcolici

Come servire il vino alla temperatura giusta

Il vino, una prelibatezza alla quale difficilmente rinunceremmo nella nostra cultura, è un alimento che si deve conservare alla giusta temperatura, che varia a seconda della tipologia. Tante persone sono convinte che si serva sempre freddo, ma in realtà...
Vino e Alcolici

Come servire e accompagnare il vino passito

I vini passiti e liquorosi, ideali al termine del pasto per accompagnare solitamente dolciumi e pasticceria secca, sono differenti dagli altri sia per la maggiore percentuale di alcool che per il sapore dolce e "fruttato" determinato dall'utilizzo di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.