Come preparare i canederli tirolesi

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

I canederli tirolesi sono un piatto tipico del Tirolo ed affondano le loro radici in tempi antichi, quando i contadini utilizzavano ciò che avevano per procacciarsi un buon pranzo. I canederli sono infatti delle palline di pane ripiene di speck e formaggio e cotti nel brodo di carne. Oggi la ricetta ha subito diverse mutazioni, ed è possibile farcirli con molti ingredienti diversi dagli originali. Ciò che è rimasto invece intatto è il loro apporto energetico. Sono infatti un piatto molto calorico, ragion per cui è adatto soprattutto nei periodi autunnali ed invernali. Oggi vi mostreremo come preparare i canederli tirolesi.

27

Occorrente

  • 100 g. pane raffermo
  • 200 ml di latte
  • 50 g. di pane grattugiato
  • 50 g. di farina
  • 400 g. di carne di manzo in un solo pezzo
  • 100 g. di speck
  • 50 g. di salsiccia
  • 1 uovo
  • 2 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • 1 carota
  • 1 cipolla
  • 1 foglia di alloro
  • noce moscata
  • prezzemolo
  • sale e pepe
37

La preparazione di questa pietanza è abbastanza lunga ed elaborata e parte dalla cottura del pezzo di carne la sera prima. Ponete un pezzo di carne (deve essere un unico pezzo di circa 400 gr) in una pentola e copritelo con dell'acqua salata. Fate cuocere il pezzo per circa 2 o 3 ore aggiungendo anche una carota pelata, una cipolla e qualche foglia di alloro. Lasciate poi a riposare per tutta la notte. Il mattino seguente fate dei pezzetti di pane raffermo e inzuppatelo nel latte caldo, aiutandovi con una forchetta per permettere un assorbimento migliore.

47

Tritate finemente con un coltello la carne di manzo che avete fatto bollire la sera prima, lo speck (ne servono 100 grammi), la salsiccia (ne serve 50 grammi), il prezzemolo e aggiungete il tutto mescolando nella terrina del pane. Unite una grattata di noce moscata, l'uovo intero e il parmigiano grattugiato. Mi raccomando di non esagerare con il formaggio per coloro che non mangiano e non sopportano il sapore forte del parmigiano. Impastate a mano incorporando un cucchiaio alla volta di pangrattato e farina in modo da ottenere un impasto molto corposo. A questo punto potete formare i canederli, ovvero palline della dimensione di un uovo e passarle nella farina.

Continua la lettura
57

In questo modo si dovrebbero ottenere circa venti canederli. Togliere le verdure dal brodo della carne ed eliminare eventualmente il grasso che, condensandosi, avrà formato in superficie una patina bianca. Mettere a riscaldare il brodo e quando bolle immergervi i canederli e cuocerli per un quarto d'ora. Servire in piatti fondi assieme al brodo. Ricordate che questo è un piatto tipico invernale, quindi è consigliabile servirlo in delle serate fredde. Come accompagnamento è consigliato un vino rosso corposo, che ben si sposa con questo piatto. Una variante del piatto riguarda l'aggiunta di parmigiano: per coloro i quali non lo gustano, è possibile farne a meno nell'impasto, magari aggiungendo un pizzico di sale in più. Buon appetito!

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Come preparare i canederli vegani

Tipici del Trentino Alto Adige, i canederli si possono considerare degli gnocchi di pane, di dimensione simile a quella delle classiche polpette. I canederli tradizionali si fanno con la mollica di pane, di solito raffermo. L'impasto base dei canederli...
Primi Piatti

Come preparare i canederli di semolino

Cucinare è un qualcosa di molto bello e di divertente, in particolar modo se realizziamo in cucina dei piatti buoni e gustosi. Ci sono molti piatti buone e spesso sottovalutati, come ad esempio i canederli al semolino. Una sorta di gnocchi morbidi e...
Primi Piatti

Come preparare i canederli gratinati al pesto di noci

Se non temete i piatti calorici e amate la tradizione culinaria trentina, questa ricetta fa per voi. I canederli gratinati al pesto di noci si presentano come piatto unico, ricco sia di carboidrati che di proteine e grassi. Sono apprezzati particolarmente...
Primi Piatti

Come preparare i canederli di polenta ripieni di formaggio

Se siete alla ricerca di un gustoso piatto autunnale da servire in tavola durante la prossima cena in famiglia, ecco a voi i canederli di polenta ripieni di formaggio. Questa specialità è adatta per scaldare le serate più fredde ed è ottima gustata...
Primi Piatti

Ricetta: gnocchetti tirolesi agli spinaci con panna e speck

Per stuzzicare il palato dei nostri commensali con una ricetta davvero speciale, perché non lasciarci ispirare dal profumo intenso della montagna? Un preparazione, quella degli gnocchetti tirolesi, profondamente radicata nella cultura gastronomica di...
Primi Piatti

Come fare gli gnocchi tirolesi

I caratteristici gnocchi tirolesi, chiamati anche Spätzle in lingua tedesca, rappresentano un piatto tipico dell'Alto Adige e del Tirolo. Si differenziano dagli gnocchi di patate perché hanno ingredienti diversi e una forma più allungata e irregolare....
Primi Piatti

Come fare i canederli allo speck

Come tutti sappiamo, i canederli sono un piatto tipico della cucina tirolese e dell'Alto Adige. È un piatto di antiche origini, saldamente ancorate al mondo montanaro e contadino. La filosofia del piatto è quella di "non buttare via nulla". Infatti...
Primi Piatti

Ricetta: canederli agli spinaci

I canederli, o knödel come vengono chiamati in Germania, sono grossi gnocchi fatti di pane, latte, uova e altri ingredienti, vengono serviti in un brodo caldo o asciutti, conditi con un po' di burro. Nella cucina tedesca i canederli sono estremamente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.