Come preparare i canederli vegani

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Tipici del Trentino Alto Adige, i canederli si possono considerare degli gnocchi di pane, di dimensione simile a quella delle classiche polpette. I canederli tradizionali si fanno con la mollica di pane, di solito raffermo. L'impasto base dei canederli trentini prevede anche l'utilizzo di latte, burro e uova, ingredienti non adatti a chi segue un regime alimentare vegan. Ecco allora una ricetta per preparare i canederli vegani, senza ingredienti contenenti proteine di origine animale. La versione proposta risulta ugualmente saporita e gustosa, grazie anche all'aggiunta degli spinaci freschi. Ecco come procedere per portare in tavola i canederli vegani in brodo.

27

Occorrente

  • Per il brodo: 1 litro e 1/2 di acqua; 1 cipolla; 1 carota; 1 costa di sedano.
  • Per l'impasto: 250 gr di spinaci freschi già puliti; 1 spicchio di aglio; 220 gr di pane raffermo; 160 ml di latte di soia; pangrattato q.b.; olio, sale, pepe, noce moscata q.b.
37

Preparare il brodo

Per prima cosa iniziate a preparare il brodo. Tagliate in due una cipolla bianca e abbrustolitela in un tegame con un filo d'olio extravergine. Ripassatela a fiamma media, in modo che risulti leggermente bruciacchiata. Versate quindi un litro e mezzo di acqua e aggiungete la costa di sedano e la carota, già privata della buccia. Fate sobbollire il brodo per i canederli per circa 20 minuti. Lasciatelo sul fuoco a fiamma bassa, con coperchio socchiuso. Trascorso il tempo di cottura indicato, filtrate il brodo vegetale con un colino. Tenetelo in caldo coperto.

47

Creare l'impasto dei canederli

Occupatevi ora dell'impasto dei canederli vegani. Soffriggete uno spicchio di aglio intero assieme a due cucchiai di extravergine. Una volta imbiondito, l'aglio si potrà rimuovere. Saltate le foglie di spinaci nel soffritto di olio profumato all'aglio. Ripassate gli spinaci per pochissimi minuti, in modo che mantengano il loro colore verde brillante. Lasciateli intiepidire a temperatura ambiente. Intanto, potete preparare la base dei canederli vegani, usando solo ingredienti vegetali.

Continua la lettura
57

Preparare la base dei canederli vegani

Tagliate il pane raffermo prima a fette e poi a cubetti. Ponete i dadini di pane in una terrina capiente e lasciateli in ammollo con il latte di soia. Nel frattempo tritate al coltello gli spinaci, oramai freddi. Unite gli spinaci al pane ammorbidito. Date una mescolata. Insaporite l'impasto dei canederli vegani con una generosa grattugiata di noce moscata. Mescolate ancora e regolate di sale e pepe secondo il vostro gusto. Amalgamate per bene il composto. Prima di formare i canederli, asciugate l'impasto con del pangrattato.

67

Ultimare il piatto e servire ben caldo

Per la quantità di pangrattato, regolatevi in base alla consistenza della massa. Il composto base dei canederli deve risultare piuttosto compatto. Formate i canederli e disponeteli su una spianatoia. Lasciateli riposare per circa mezzora. Portate a bollore il brodo vegetale e cuocete i canederli per dieci minuti. Non mescolateli, per evitare che possano disfarsi. Servite i canederli vegani con abbondante brodo e portateli in tavola ancora fumanti.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per fare i canederli vegani asciutti, sbollentateli in acqua salata. Poi ripassateli in padella con del burro di soia.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Come preparare i canederli tirolesi

I canederli tirolesi sono un piatto tipico del Tirolo ed affondano le loro radici in tempi antichi, quando i contadini utilizzavano ciò che avevano per procacciarsi un buon pranzo. I canederli sono infatti delle palline di pane ripiene di speck e formaggio...
Primi Piatti

Come preparare i canederli gratinati al pesto di noci

Se non temete i piatti calorici e amate la tradizione culinaria trentina, questa ricetta fa per voi. I canederli gratinati al pesto di noci si presentano come piatto unico, ricco sia di carboidrati che di proteine e grassi. Sono apprezzati particolarmente...
Primi Piatti

Come preparare i canederli di polenta ripieni di formaggio

Se siete alla ricerca di un gustoso piatto autunnale da servire in tavola durante la prossima cena in famiglia, ecco a voi i canederli di polenta ripieni di formaggio. Questa specialità è adatta per scaldare le serate più fredde ed è ottima gustata...
Primi Piatti

Ricetta: canederli in brodo tirolesi

In questo articolo siamo pronti a proporre a tutti i nostri lettori, la realizzazione di una nuova ricetta che è tipica delle regioni del Nord Italia ed in particolar modo del Trentino Alto Adige. Stiamo parlando dei famosi canederli, detti anche Knodel.Nello...
Primi Piatti

Come fare i canederli allo speck

Come tutti sappiamo, i canederli sono un piatto tipico della cucina tirolese e dell'Alto Adige. È un piatto di antiche origini, saldamente ancorate al mondo montanaro e contadino. La filosofia del piatto è quella di "non buttare via nulla". Infatti...
Primi Piatti

Ricetta: canederli agli spinaci

I canederli, o knödel come vengono chiamati in Germania, sono grossi gnocchi fatti di pane, latte, uova e altri ingredienti, vengono serviti in un brodo caldo o asciutti, conditi con un po' di burro. Nella cucina tedesca i canederli sono estremamente...
Primi Piatti

Canederli alla ricotta

I canederli sono uno dei dei cibi più buoni che esista. Anche se all'inizio possono avere un aspetto poco rassicurante, ci si rende conto del loro valore solo dopo averli assaggiati. In sintesi si possono definire simili a degli gnocchi di pane raffermo...
Primi Piatti

Ricetta: i canederli di formaggio

I canederli di formaggio è uno dei piatti più buoni tipici dell'Alto Adige. Questa ricetta ha origini molto antiche ed è molto apprezzata nell'arte culinaria italiana. Può essere gustata in numerose variati e combinazioni possibili; speck, funghi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.