Come preparare i gamberi in pastella

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Se stiamo pensando di organizzare un pranzo o una cena molto speciale con tutti i nostri amici e parenti dovremo, prima di tutto, cercare di preparare delle pietanze molto particolari che possano soddisfare tutti i nostri invitati. Se siamo alle prime armi con il mondo della cucina e non sappiamo che piatti preparare, potremo provare a cercare su internet fra le moltissime ricette esistenti, quelle che più ci piacerebbe provare. In questo modo, per riuscire a preparare pietanze sempre nuove, non dovremo fare altro che seguire tutte le indicazioni riportate all'interno di queste guide ed in pochissimo tempo riusciremo ad ottenere dei risultati perfetti, sorprendendo i nostri invitati. Nei passi successivi, in particolare, vedremo come fare per riuscire a preparare dei gustosissimi gamberi in pastella.

26

Occorrente

  • 15 gamberi acqua tiepida
  • 100 g di farina
  • 1 uovo
  • 2 cucchiai di olio
  • acqua tiepida
  • sale e pepe q.b.
36

Operazioni preliminari

Per prima cosa sgusciamo i gamberi, priviamoli del filo nero intestinale presente sotto la coda aiutandoci con un bastoncino di legno, laviamoli con cura e asciughiamoli delicatamente con un canovaccio da cucina pulitissimo. Lasciamo la buccia del gambero solo nella parte terminale vicino alla coda, dal punto di vista visivo, questo migliorerà il nostro risultato finale dopo l'operazione di frittura.

46

Preparazione della pastella

Prepariamo la pastella mettendo in una ciotola i vari ingredienti: farina, olio, tuorlo di uovo, acqua tiepida, sale e pepe quanto basta. Mescoliamo il tutto evitando di creare grumi e aggiungiamo l'acqua tiepida fin quando otterremo una pastella non molto densa. Facciamo riposare il nostro preparato per 20 minuti. Da parte montiamo a neve l'albume dell'uovo, che aggiungeremo nella pastella facendo amalgamare il tutto.

Continua la lettura
56

Frittura dei gamberi

Mettiamo dell'olio extravergine in una padella a scaldarsi; raggiunta la temperatura, immergiamo il gambero nell'olio, girandolo di tanto in tanto in modo che si possa dorare in tutte le sue parti. Una volta fritto, mettiamolo in un piatto con carta assorbente in modo da fare assorbire l'olio in eccesso. Prima di servire, non dimentichiamoci di aggiungere un pizzico di sale. Per la frittura è preferibile usare l'olio extravergine per il suo sapore, ma certamente potremo usare anche olio di oliva o olio di semi di girasole. Affinché la nostra frittura abbia il migliore aspetto, si consiglia di immergere il gambero nell'olio bollente con molta delicatezza, in modo da evitare il distacco della pastella dal corpo. A questo punto non ci resta che provare subito a preparare i nostri gustosissimi gamberi in pastella, seguendo tutte le indicazioni riportate nei passi precedenti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Antipasti

Come preparare la pastella al nero di seppia

La pastella è un alimento molto facile e veloce da realizzare. Questo ingrediente è un elemento indispensabile in cucina se si ha intenzione di preparare dei piatti a base di frittura. Esistono diverse tipologie di preparazione della pastella, è possibile...
Antipasti

Come preparare i funghi fritti in pastella

Per iniziare una cena o un pranzo al quale avete invitato parenti e amici, non c'è niente di meglio che un antipasto a base di funghi fritti in pastella. Esistono tanti tipi di pastella nel mondo e moltissime varietà di funghi: questa ricetta prevede...
Antipasti

Come preparare i filetti di baccalà in pastella

I filetti di baccalà in pastella sono una tipica pietanza della cucina laziale. È un piatto gustoso che richiede pochi ingredienti e una semplice preparazione.È uso comune mangiare il baccalà come antipasto per la cena della vigilia di natale oppure...
Antipasti

Come preparare la pastella per i fritti

È ormai risaputo che l'alimentazione giornaliera deve essere sempre varia, ricca di frutta, verdura, pesce e carne. Anche il fritto ricopre un ruolo importante nel metabolismo umano. Non bisogna però abusarne, in quanto la frittura è ricca di colesterolo,...
Antipasti

Come preparare le cozze in pastella

Sono numerose le ricette gastronomiche che riguardano le cozze. Non bisogna mai dimenticare che è pericoloso mangiare le cozze crude. Anche se condite con aceto o limone, le cozze non vanno mai mangiate crude. È fondamentale che avvenga sempre una cottura...
Antipasti

Come preparare gli anelli di calamari in pastella

Molto simile al totano, il calamaro si distingue da esso per il colore bianco-rosato punteggiato di rosso o di bruno e dalla forma delle pinne poste nella parte terminale che, il più delle volte, oltrepassano la metà del corpo. Il calamaro viene pescato...
Antipasti

Come preparare i gamberi al lardo

Se volete colpire i vostri ospiti con un antipasto delicato ma allo stesso tempo gustoso, eccovi in questa breve guida la ricetta giusta perfetta per ogni occasione. I gamberi al lardo sono una ricetta davvero semplice e veloce, ideale per creare un antipasto...
Antipasti

Come preparare gli spiedini di bacon, pescatrice e gamberi

Siete alla ricerca di un piatto semplice ma gustoso? Ecco a voi la ricetta che vi spiega come preparare dei gustosi spiedini a base di bacon, rana pescatrice e gamberi sgusciati. Le dosi indicate sono per quattro persone ma se volete abbondare, raddoppiate...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.