Come preparare i gueffus, dolci sardi

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

I gueffus, sono dei dolci sardi tipici davvero squisiti e composti da mandorle. La ricetta specifica consente di preparare un dolce versatile ed adatto per qualsiasi occasione, ed è molto semplice da elaborare, anche se richiede un processo sequenziale ben preciso. In riferimento a ciò nei passi successivi sono elencati metodi e tecniche appropriate su come preparare i gueffus.

26

Occorrente

  • Zucchero 300 gr
  • Mandorle tritate 300 gr
  • Acqua di fiori d'arancio 50 m
  • Maizena 1 cucchiaino
  • Carta velina colorata
  • Limone (scorza grattugiata)
36

Innanzitutto come prima cosa occorrerà prendere le mandorle tritate e porle all'interno di una ciotola. A questo punto si potrà passare ad aggiungere lo zucchero e un cucchiaino di maizena. Dunque si dovrà versare il composto in un tegame antiaderente, assicurandosi di aver accesso il fornello con una fiamma medio bassa. Dopo aver versato anche l'acqua con i fiori d'arancio e lo zucchero, quando quest'ultimo sarà completamente sciolto, potrete osservare che si sarà creato uno sciroppo denso. Proprio in questo momento dovrete aggiungere la scorza del limone grattugiata, per poi mescolare con un cucchiaio.

46

A questo punto si può procedere con l'aggiunta delle mandorle precedentemente tritate allo zucchero e alla maizena. Prima di mescolare il tutto, è opportuno aspettare almeno una decina di secondi, in modo da lasciar raffreddare. Successivamente si dovrà mescolare il composto per altri dieci minuti circa ed una volta che l'impasto sarà uniforme e senza grumi, si potrà finalmente togliere il tegame dal fuoco. Dopo essersi assicurati che l'impasto è completamente freddo, si potrà procedere con la creazione di palline della grandezza di una noce che poi vanno appoggiate su un foglio di carta da forno per farle riposare. Terminata questa operazione, in una ciotola si dovrà aggiungere dello zucchero, all'interno del quale verranno fatte rotolare le palline, in modo da ricoprirle interamente. Terminata la loro creazione preparate l'involucro. Per fare ciò si dovrà prendere della carta velina di diversi colori oppure la carta crespa. A questo punto dovrà essere tagliata in vari rettangoli usando le forbici per creare sulle estremità le frange.

Continua la lettura
56

Adesso su ogni rettangolo di carta, si dovrà avvolgere una pallina e richiudere su entrambi i lati, conferendole una simpatica forma tipica di una caramella. Ovviamente si dovrà ripetete il passaggio per ogni singolo gueffus, con l'accortezza di utilizzare di volta in volta diversi colori di carta. A questo punto, la ricetta può definirsi del tutto completata e i dolcetti sardi pronti per essere assaggiati e giudicati.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Dose per 30 Gueffus

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Dolci

Come preparare i pardulas sardi

I dolci sono la passione di tutti, grandi e piccoli, chiunque mangia ogni giorno almeno un dolce e ne ha uno suo preferito. Ne esistono moltissimi e per tutti i gusti. In questa guida spiegheremo come preparare i pardulas sardi, attraverso pochi e semplici...
Dolci

Dolci sardi: come fare le seadas

Oggi andremo a conoscere un dolce tipico della tradizione sarda impareremo come fare le Seadas. Anticamente questa ricetta veniva considerata un piatto unico, per via dei 2 ingredienti principali miele e formaggio, e delle dimensioni, infatti avevano...
Dolci

Come preparare dolci senza lattosio

I dolci sono quella parte del pasto che merita sempre un piccolo spazio di riserva nel nostro stomaco. Anche gli intolleranti al lattosio, però, dovrebbero avere l'opportunità di godersi un buon dessert. Per questo motivo, quando invitiamo qualcuno...
Dolci

Come preparare i dolci con vincotto

Il vino cotto è un alimento che viene utilizzato per la realizzazione dei dolci; nella maggior parte dei casi i dolci con il vino cotto sono preparati a Natale. Questi tipi di dolci hanno un retrogusto simile al miele e il sapore è come i mostaccioli....
Dolci

Come preparare le frittelle dolci di zucchine

Tutti conosciamo il sapore dolce delle zucchine, ma pochi le usano per preparare dei dolci. In realtà esistono alcune ricette tradizionali, come quelle sarde, in cui invece sono la base per delle golose frittelle, buone a fine pasto o per un aperitivo....
Dolci

Come preparare la glassa effetto neve per dolci natalizi

Arriva il periodo natalizio vogliamo preparare dei dolci sfiziosi così da rendere la nostra tavola colorata e fantasiosa, vediamo come preparare la glassa effetto neve per dolci natalizi. Prepariamo un dolce semplice come per esempio dei biscotti che...
Dolci

Come preparare le frittelle dolci senza uova

Le frittelle dolci senza uova, sono una variante più leggera delle frittelle classiche. Realizzarle senza uova, è utile per chi è intollerante a questo ingrediente, o per chi desidera realizzare qualcosa di buono, ma allo stesso tempo leggero. La preparazione...
Dolci

Come preparare dolci senza latte

L'intolleranza al lattosio è sempre più diffusa, sopratutto tra i giovani. Chi adora i dolci e non può rinunciarvi per colpa del lattosio, deve sapere che esistono tantissime ricette di dolci che non prevedono il latte. In alternativa, esistono anche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.