Come preparare i taralli con la pasta madre

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

I taralli sono pietanza tipica di una regione del sud Italia, ovvero la Puglia. Le versioni più canoniche dei taralli sono salate e sono condite con del peperoncino o dei semi di finocchio. In questa guida vedremo proprio come poter preparare i taralli con la pasta madre, così da avere una lievitazione naturale.

27

Occorrente

  • 1 pizzico di sale fino integrale
  • 1 cucchiaio di semi di finocchio
  • 25 ml di vino bianco
  • 75 ml d'acqua
  • 200 ml d'acqua
  • 50 ml di olio extravergine
  • 100 gr di farina 0
  • 120 gr di pasta madre solida
  • 350 gr di farina 0
37

Prima di tutto occorre spezzare e amalgamare la pasta madre con dell'acqua in una ciotola piuttosto capiente. Versiamo gradualmente la farina e impastiamo fino a che il lievito madre ritornerà alla consistenza originaria. Quindi dividiamo in due parti uguali e riponiamone una all'interno di un barattolo, per conservarla in frigorifero. L'altra parte invece copriamola con un semplice telo e lasciamola riposare per circa sessanta minuti, questa la utilizzeremo per l'impasto.

47

All'interno della ciotola con la pasta madre fresca inseriamo la semola di grano duro, il vino bianco e l'olio extravergine d'oliva. Quindi iniziamo a impastare aggiungendo gradualmente l'acqua e quindi la farina. Aggiungiamo anche un cucchiaio di semi di finocchio e aggiustiamo di sale. Lavoriamo il nostro impasto con una certa energia, in modo da renderlo piuttosto elastico. Qualora fosse necessario, durante la procedura, aggiungiamo ancora farina e acqua. Potremmo optare anche per del peperoncino in sostituzione dei semi di finocchio.

Continua la lettura
57

Riponiamo tutto l'impasto nella ciotola, e copriamo con un telo di cotone un po' inumidito. Collochiamo la ciotola al riparo da possibili sbalzi termici e correnti d'aria. Lasciamo lievitare il nostro impasto fino a quando non si sarà raddoppiato. Per cui lasciamolo in lievitazione per tutto il tempo necessario.

67

Dopo la lievitazione, brevemente lavoriamo l'impasto su una spianatoia. Stacchiamo dei pezzetti di volta in volta e diamo forma a dei serpentelli dalla lunghezza di circa 5/6 centimetri e dallo spessore di poco più di mezzo centimetro. Quindi chiudiamo, quasi a formare un anello, sovrapponendo le estremità. Premiamo sulla giunzione per dare forma ai nostri taralli.

77

A questo punto possiamo portare a ebollizione una pentola piena d'acqua e lessiamo leggermente i taralli. Quindi scoliamoli in uno scolapasta, non appena riaffioreranno a galla. Predisponiamo la carta forno su due o tre teglie e collochiamo su di esse i taralli scolati. Inforniamoli in forno preriscaldato a 175 gradi per mezzora, fino a che non raggiungeranno la giusta doratura. Al termine della cottura possiamo attendere il loro raffreddamento prima di poterli gustare o servire.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Lievito madre: come rinfrescarlo

Per poter preparare alcuni tipi di alimenti, come pane, pizza o simili, è necessario utilizzare il lievito. Esso è facilmente reperibile in qualsiasi supermercato, ma è possibile realizzarlo anche per conto proprio e con elementi naturali e genuini.Il...
Consigli di Cucina

Consigli per preparare la pasta frolla montata

La pasta frolla montata è uno dei composti più utilizzati dai pasticceri. La pasta frolla montata viene usata per la preparazione di dolci secchi, come biscotti, crostate e simili. Preparare la pasta frolla montata non è affatto difficile. Possiamo...
Consigli di Cucina

Come preparare la pasta di grano saraceno

Oggi le esigenze speciali nel campo dell'alimentazione sono diventate numerose e molto differenziate, per preservare la propria forma fisica oppure la propria salute. In particolare, per quanto riguarda le persone che affrontano ogni giorno la celiachia,...
Consigli di Cucina

5 ripieni per la pasta fresca

Tutti noi siamo amanti della pasta fresca. Preparare la pasta fresca in casa, in famiglia, è sempre stata una tradizione tramandata da madre in figlia. Possiamo inoltre realizzare tante meravigliose ricette con la pasta fresca, preparando dei condimenti...
Consigli di Cucina

Consigli per una pasta frolla fragrante

La pasta frolla è un ingrediente gustoso, sano e genuino con il quale è possibile preparare numerose pietanze, dolci oppure salate. Con una buona pasta frolla, infatti, è possibile realizzare una golosa crostata, da farcire con il cioccolato o la marmellata,...
Consigli di Cucina

10 modi di farcire al pasta brisè

La pasta brisè è un'invenzione davvero eccezionale, poiché è una pasta che si compra già pronta e si presta a tantissimi ricette, sia salate che dolci, veloci e semplici da preparare. Trova d'accordo grandi e piccini in quanto la sfoglia si amalgama...
Consigli di Cucina

Come fare la pasta frolla agli agrumi

Come tutti sapranno, la pasta frolla si utilizza per preparare crostate, biscotti e pasticcini. Nel dettaglio all'interno di questo tutorial vi mostrerò la ricetta della pasta frolla agli agrumi. Si tratta di una versione profumata ideale da farcire...
Consigli di Cucina

5 varianti della pasta sfoglia

La pasta sfoglia è ideale in quanto rappresenta la base per tanti tipi di dolci o di torte salate. La preparazione è piuttosto semplice, poiché richiede soltanto l'amalgama di farina, acqua e burro. In riferimento a ciò, vale la pena sottolineare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.