Come preparare il Bitter

tramite: O2O
Difficoltà: media
Come preparare il  Bitter
17

Introduzione

In commercio si possono trovare molteplici tipologie di bevande che si distinguono fra loro in base alla tipogia ed alle caratteristiche. Dunque troviamo quelle alcoliche e analcoliche, lisce ed infine miscelate con i cocktail realizzate con essenze, frutta, aromi naturali; inoltre possono derivare dalla trasformazione e dall'infusione di sostanze vegetali. La produzione può variare da pochi minuti a svariati mesi o anni di invecchiamento. Tra le tante troviamo il bitter, un amaro che raggruppa essenze naturali ed alcol. Nella guida che segue vedremo alcuni consigli semplici ed intuitivi su come preparare il bitter che, oltre ad essere gustato tal quale, può costituire un'ottima base di partenza per realizzare alcuni cocktail, in particolare aperitivi.

27

Occorrente

  • Essenze
  • Frutta
  • Aromi naturali
  • Soluzione Idro-alcolica
37

Caratteristiche del bitter

Innanzitutto va detto che il Bitter è una bevanda alcoolica dal gusto prevalentemente amaro ottenuta dall'infusione di varie sostanze vegetali, comunemente utilizzato sia come bevanda che come digestivo. Il motivo di questo impiego deriva dalle sue proprietà eupeptiche. Per la preparazione del bitter occorre seguire un preciso metodo di fermentazione e rispettare rigide tempistiche per quanto concerne la "miscelazione e macerazione" delle erbe e degli aromi naturali.

47

Infusione e distillazione

La preparazione del bitter avviene in due fasi, l'infusione e la distillazione. Nella fase di infusione le erbe e le radici vengono macinate, polverizzate e successivamente immerse in una soluzione idro-alcolica. Successivamente la soluzione viene lasciata macerare per un periodo variabile, solitamente di alcuni mesi. Ultimata la macerazione la soluzione ottenuta viene fatta decantare affinché assuma un certo grado di limpidezza.

Continua la lettura
57

Tipologie di bitter presenti sul mercato

Esistono moltissime tipologie di bitter che assumono nomi molto spesso derivati dal nome della miscela utilizzata per la realizzazione. Per esempio l'angostura è un bitter realizzato dalla fermentazione della corteccia della Cusparia febrifuga, una pianta sudamericana, con aggiunta di chiodi di garofano, radice di genziana, cardamomo, essenza di arance amare e china. L'orange bitter viene preparato con estratto di arancia amara in soluzione particolare mentre il peach bitter si ottiene con l'estratto di pesca fatto macerare in soluzione idroalcolica. Esistono poi in commercio bitter realizzati con essenza di carciofo, di rabarbaro, oppure con mix di varie erbe di montagna.

67

Consigli per servire un perfetto bitter

Generalmente i bitter vengono serviti lisci oppure con l'aggiunta di vino bianco frizzante come aperitivo. Lo "Spritz" è uno dei più conosciuti ed apprezzati, un classico senza tempo e segue questa ricetta a base di vino bianco, ghiaccio e una fettina di aracia per guarnire. I cocktail sono consentiti soltanto se il bitter impiegato ha gradazione alcolica compresa fra i 16 e 18 gradi mentre i bitter con gradazione maggiore, fra i 26 e i 35 gradi, sono serviti unicamente lisci, solitamente molto freddi e con aggiunta di ghiaccio. Il bitter viene realizzato con puro alcool oppure utilizzando alcool di vino e in quest'ultimo caso si ottiene da una precedente distillazione di uva a cui segue l'iter di "macerazione" assieme a varie erbe aromatiche.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Servirli freddi e con ghiaccio

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Come preparare il cocktail orange passion

Immaginate di dover preparare un aperitivo o un'apericena per una serata con gli amici, magari per festeggiare una piccola novità in famiglia o soltanto per ritrovarsi dopo tanto tempo. Accanto alla preparazione dei tanti piccoli piatti di antipasti,...
Vino e Alcolici

5 cocktail da aperitivo

Sta arrivando l'estate e cosa c'è di meglio di un aperitivo in compagnia degli amici si sempre?Magari senza dover andare sempre al bar si può improvvisare la preparazione di un cocktail nella propria terrazza e dare il via ad un inizio serata diverso...
Analcolici

Come fare un cocktail con il Campari

il Campari, tipico bitter italiano dal colore rosso rubino e dal sapore intenso, ha una lunga storia. Ampiamente diffuso all'estero, in ben 190 Paesi, è il prodotto di punta del Gruppo Campari dal 1860. Si ottiene dall'infusione in acqua ed alcol di...
Vino e Alcolici

Come preparare il Negroni

Il Negroni è un cocktail di colore rosso intenso. Questa varietà nasce quasi per caso. Il conte Camillo Negroni, stufo di ordinare il solito Americano all'ora dell'aperitivo, chiese al barista di aggiungerci un po' di selz. L'idea fu magnifica ed il...
Vino e Alcolici

Come preparare un Campari orange

Con la bella stagione le giornate si allungano e l'ora dell'aperitivo è più calda. Prendersi un minuto di relax, gustando una squisita bevanda fresca come un Campari Orange è una delle migliori idee per restare rilassati. Questo aperitivo freschissimo...
Vino e Alcolici

Cocktail: toro seduto

Il cocktail conosciuto con il nome di "Toro Seduto" non è altro che una bevanda alcolica, costituita principalmente da Red Bull. Questa bevanda è ultimamente molto utilizzata sia per composti alcolici, sia analcolici, e questo è possibile grazie al...
Consigli di Cucina

5 cocktail a base di menta

Uno degli elementi naturali che più di tutti viene utilizzato come ingrediente per realizzare deliziosi cocktail e squisiti analcolici risponde al nome della Menta. La menta è particolarmente utilizzata, sopratutto sotto forma di sciroppo, per creare...
Vino e Alcolici

Come preparare un cocktail Sazerac

Con molte probabilità, per molti italiani il Sazerac rappresenta un'incognita. Per gli americani, invece, è senza ombra d dubbio il re dei cocktail. Nasce negli Stati Uniti, precisamente a New Orleans. Inizialmente non si trattava di un vero e proprio...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.