Come preparare il clafoutis alle pesche

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
Come preparare il clafoutis alle pesche
17

Introduzione

Il clafoutis alle pesche è un delizioso dolce della tradizione francese. Oltre ad essere molto gustoso, il clafoutis non presenta grandi difficoltà, anzi è di facilissimo realizzazione. Per questo motivo, ma non solo, è perfetto anche da realizzare all’ultimo minuto. Nella seguente guida, passo dopo passo, illustreremo il procedimento per capire come preparare al meglio il clafoutis alle pesche.

27

Occorrente

  • 3 uova
  • 500 g di pesche (gialle o bianche)
  • 40 g di farina
  • 250 ml di latte fresco
  • 60 g di zucchero a velo per l'impasto
  • 40 g di zucchero a velo per le pesche
  • zucchero semolato q.b.
  • 30 g di burro
37

Il clafoutis alle pesche è un dolce veloce da preparare: la prima cosa dunque da fare è accendere il forno a 200°C. In secondo luogo imburrate uno stampo; optante per uno stampo rotondo dal diametro di 23-25 centimetri. Questo dolce non va sformato, ma servito direttamente in tavola nel suo stampo di cottura: importante quindi è sceglierne uno che si presta meglio allo scopo. Proseguiamo la preparazione sbucciando e denocciolando le pesche. Ora tagliatele a fette non troppo sottili, e disponetele a raggiera nello stampo, con la parte interna rivolta verso l’alto. Cospargetele poi con i 40 grammi di zucchero a velo setacciato. Il modo in cui disporrete gli spicchi delle pesche influirà molto sull'aspetto estetico del prodotto finale.

47

In una ciotola, sbattete le tre uova. Aggiungete poi della farina e dello zucchero a velo e, con l’aiuto di una frusta, amalgamate bene il tutto. Una volta ottenuto un composto liscio ed omogeneo, aggiungete, un poco alla volta, del latte fresco. Se desiderate, potete aggiungere un cucchiaio di brandy o del cognac. Continuate a mescolare con la frusta. Ora che avete ottenuto la pastella desiderata, versatela sulle pesche nello stampo. Infornate il dolce per 40 minuti. A cinque minuti dalla fine, cacciate il clafoutis alle pesche e spolveratelo con abbondante zucchero semolato. Rimettete il dolce in forno e posizionate la funzione grill. In questo modo lo zucchero diventerà caramellato.

Continua la lettura
57

Terminata la cottura, potete servire il vostro buonissimo dolce direttamente in tavola. Il clafoutis prevede che ogni commensale possa servirsi direttamente dallo stampo. Gustate il dolce tiepido. Potete conservare il vostro clafoutis per tre o quattro giorni; se avete un’alzata, copritelo con un coperchio di vetro. Se l’idea di servirvi direttamente dallo stampo non vi aggrada, potete scegliere uno stampo a cerniera purché abbia sempre i bordi bassi: in questo modo potrete sfornare il dolce e servirlo. Ricordate infine, che a seconda dei gusti, potete utilizzare anche altra frutta per la preparazione di questo dolce.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Sostituite 100 ml di latte con panna fresca per ottenere un clafoutis più saporito e corposo.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Dolci

Come preparare il clafoutis di uva bianca al profumo di cannella

Preparare dei dolci con le proprie mani è uno degli hobby più divertenti e creativi. Ci permette di realizzare qualcosa di sempre nuovo e diverso in poco tempo. E sicuramente rappresenta anche un modo semplice di far qualcosa per gli altri. Offrire...
Dolci

Come preparare il clafoutis con prugne e albicocche

Ecco a voi la ricetta per preparare il clafoutis con prugne e albicocche: si tratta di un dessert semplice di origine francese, da gustare al cucchiaio, perfetto per concludere in bellezza una cena fra amici o da servire agli ospiti la domenica pomeriggio....
Dolci

Come preparare i clafoutis alla crema di cannella

È ormai risaputo che il burro, le uova, la farina e lo zucchero sono ingredienti quasi sempre utilizzati in pasticceria. Tuttavia, il modo in cui vengono lavorati e a seconda delle opportune dosi, danno risultati diversi. Se si conoscono alcuni tipi...
Dolci

Clafoutis alle pere e mandorle

La fantasia in cucina ha prodotto nel tempo un'infinità di preparazioni culinarie. Anche nella realizzazione dei dolci ci si potrà sbizzarrire, creando gustosissime varianti. È il caso del clafoutis, detto anche clafoutis. Si tratta di un dolce da...
Dolci

Come preparare le pesche caramellate

Nella ricetta che segue scoprirete come preparare le pesche caramellate, ideali per torte e crostate. Il procedimento utilizzato per le pesche si può applicare anche ad altri tipi di frutta. Caramellate dadini di pere, mele o ananas, infilate i pezzetti...
Dolci

Come preparare la bavarese alle pesche

Preparare un dolce è sempre un buon modo per sorprendere i propri ospiti alla fine di un pasto. Esistono ricette più o meno elaborate che ci consentono di portare sulle nostre tavole un buonissimo dessert. Una di queste riguarda la preparazione della...
Dolci

Come preparare le pesche sciroppate

Cerchiamo, insieme a voi, cari lettori e lettrici, il miglior metodo per preparare uno squisito dessert: le pesche sciroppate. Preparare tale piatto autonomamente è molto facile come anche veloce (oltre che essere decisamente più economico rispetto...
Dolci

Come preparare le pesche ripiene

Le pesche ripiene sono un dessert semplice e gustoso da preparare. Inoltre la pesca è un frutto che contiene numerose vitamine ed è anche molto dietetica, nel senso che 100 g di prodotto apportano soltanto 32 calorie, ma una singola pesca fornisce il...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.