Come preparare il gelato crudista alla frutta

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Oggi giorno, un po' in controtendenza con la sfrenata evoluzione tecnologica, si ricerca la naturalezza, specie in cucina e per tutto ciò che riguarda l'alimentazione. Non sono poche, infatti, le persone che decidono di avvicinarsi alla cucina cosiddetta "vegana". Sempre più richiesta sta diventando la "raw food", ossia una sorta di moda che vede i cibi consumati al naturale e senza cottura, ossia crudi. Alcuni recenti studi avrebbero dimostrato che la cucina crudista meglio si adatterebbe alle esigenze degli uomini, nati come consumatori di frutta. Senza voler estremizzare, ma cogliendo i consigli e le ricette che ne derivano da questo tipo di cucina, vogliamo proporvi una ricetta gustosa e rinfrescante: il gelato crudista alla frutta, meglio ancora se realizzato con frutta di stagione freschissima. Di seguito vediamo come preparare questo gelato naturale.

25

Occorrente

  • frutta di stagione a scelta 300 g
  • 1 cucchiaio di succo di cocco disitratato
  • 1 cucchiaino di sciroppo d'agave
35

Preparare e congelare la frutta

La ricetta con le dosi riportate è indicata per 2 persone, occorrerà 1 giorno per congelare la frutta e un'ora per preparare il gelato. Acquistiamo della frutta fresca di stagione, mentre lo sciroppo d'agave è possibile reperirlo in erboristeria. Laviamo la frutta (nella nostra ricetta mele e banane) stando attenti a eliminare eventuali parti marce, sbucciamola, tagliamola a fette e sistemiamola in un piatto. Per le mele bisognerà eliminare il torsolo, mentre per le banane occorrerà rimuovere i filamenti ed eventuali zone annerite e troppo mature, e tagliarle a fettine non troppo spesse. Lasciamo la frutta a surgelare per un giorno interno.

45

Mixare gli ingredienti nel frullatore

Trascorsa la giornata di congelamento, riprendiamo le nostre mele e banane surgelate e mettiamole all'interno di un frullatore, aggiungendo il succo di cocco, lo sciroppo d'agave e a piacere frutta secca come mandorle o granella di nocciole. Chiudiamo bene il frullatore e facciamolo lavorare alla massima velocità per almeno 2 minuti, tempo necessario per far raggiungere al composto la giusta consistenza cremosa.

Continua la lettura
55

Decorare e servire il gelato

A lavorazione ultimata il gelato sarà già pronto per essere servito. Utilizzando delle coppette, meglio se in vetro e magari tenute in freddo per un'oretta in frigorifero, così da mantenere il gelato ancora più fresco e per garantire una maggior tenuta dopo averlo realizzato, passiamo a riempirle. Una volta sistemata la crema ottenuta nelle nostre coppe, decoriamo come meglio preferiamo, con pezzetti di frutta fresca, granella di frutta secca oppure con scagliette di cocco o persino con una spolverata di cacao. Servire e consumare immediatamente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Dolci

Come preparare un gelato artigianale

Eccoci qui, pronti a realizzare il buonissimo gelato artigianale, di cui tanti di voi sono veramente ghiotti. Cercheremo di capire come poter preparare un gelato artigianale, comodamente in casa nostra ed utilizzando anche la nostra voglia di fare. Iniziamo...
Dolci

Come preparare il gelato di riso

Evitare di mangiare prodotti lattiero-caseari non significa dover rinunciare alla prelibatezza di un buon gelato. È possibile fare con le proprie mani un gustosissimo gelato a basso contenuto di grassi, senza lattosio ed utilizzando come ingrediente...
Dolci

Come preparare la charlotte di gelato

In questo articolo vogliamo cercare di capire come poter preparare la charlotte di gelato. La charlotte è un dessert estivo della pasticceria classica, che può racchiudere o la crema o il gelato all'interno di un involucro costituito dal pane o dai...
Dolci

Come preparare il gelato all'arancia vegano

Cosa c'è di meglio di un buon gelato, per refrigerarsi nelle stagioni più calde? Magari all'arancia, con il tipico e gradevole sapore di questo agrume. Ma il gelato, oltre agli zuccheri ed ai vari gusti di base, contiene il latte e le uova. E spesso...
Dolci

Come preparare il gelato senza uova e latte

La scelta di un'alimentazione completamente esente da ingredienti di origine animale, induce molti a pensare che questo implichi diverse rinunce sul fronte del gusto. Il gelato, ad esempio, potrebbe essere, secondo l'immaginario comune, un alimento da...
Dolci

Come preparare il gelato caldo

L’idea del gelato caldo è nata molti anni fa per sorprendere i conviviali dopo i pasti principali. L'idea di presentare in tavola un gelato appena estratto dal forno è parecchio originale e potrebbe tutt'oggi sorprendere i vostri ospiti. La nascita...
Dolci

Come preparare il gelato alla melagrana

L'alimento che simboleggia meglio l'estate è certamente il gelato, uno squisito dessert perfetto anche durante l'inverno. Nella stagione estiva si può comunque assaporare di più, in quanto contrasta il caldo e disseta. Il gelato si possibile realizzarlo...
Dolci

Come preparare il gelato banane e pinoli in casa

Con l'arrivo dell'estate torna la calura tipica di stagione. Ognuno di noi affronta l'afa dei mesi estivi in modo diverso. Chi ha la fortuna di vivere in un'isola o vicino alla costa, può rinfrescarsi al mare. C'è chi si reca in montagna, per godere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.