Come preparare il gratin di baccalà al gruyere

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il gratin di baccalà al gruyere è un secondo piatto gustoso, perfetto da servire assieme alla polenta calda o con crostini di pane tostati in forno. Scegliete ingredienti di ottima qualità se desiderate ottenere un risultato finale eccellente. La preparazione di questo piatto non è affatto complicata ma è necessario avere un po' di tempo libero a disposizione per pulire la verza, privare il baccalà delle lische e per portare a termine tutti gli altri passaggi indispensabili per la buona riuscita della preparazione. Leggendo attentamente la guida qui riportata, non vi risulterà complicato comprendere come preparare il gratin di baccalà al gruyere.

25

Occorrente

  • 500 g di baccalà già ammollato
  • una piccola verza
  • una cipolla
  • 150 ml di panna fresca
  • 60 g di gruyere
  • noce moscata
  • 2 cucchiai di pangrattato
  • burro
  • olio extravergine d'oliva
  • sale
  • pepe
35

Per prima cosa prendete la verza e sfogliatela accuratamente. Eliminate le foglie secche o sciupate e lavate bene quelle rimaste. Prendete quattro foglie grandi e sbollentatele per quattro o cinque minuti in acqua salata. Prelevatele con una schumarola e, dopo averle scolate, lasciatele raffreddare su un telo di cotone pulito. Intanto affettate finemente a coltello le foglie di verza rimaste.
Prendete il baccalà ed eliminate tutte le lische che eventualmente sono rimaste nella polpa. Per facilitare questa operazione potete adoperare una pinzetta per le ciglia. Tagliate a pezzi di medie dimensioni il pesce e cuocetelo al vapore per una ventina di minuti senza aggiungere nient'altro.

45

Sbucciate la cipolla e sminuzzatela finemente a coltello. Trasferitela in una padella, aggiungete due cucchiai di olio extravergine d'oliva e mettete il tutto sul fuoco a fiamma vivace. Fate soffriggere bene la cipolle e, non appena inizierà a colorirsi, aggiungete anche le striscioline di verza. Amalgamate con un cucchiaio di legno e lasciate cuocere per cinque o sei minuti mescolando spesso dopodiché salate e insaporite con una generosa macinata di pepe.

Continua la lettura
55

Versate la panna in una ciotola, unite il gruyere grattugiato e mescolate accuratamente. Aggiungete una grattugiata di noce moscata e poco pepe. Imburrate accuratamente le pareti interne di una pirofila e sistemate sul fondo le quattro foglie di verza sbollentate. Ricoprite con la verza stufata assieme alla cipolla poi sistemateci sopra il baccalà diviso a pezzetti con le mani. Ricoprite il tutto con la crema di panna e gruyere e cospargete la superficie con il pagrattato. Preriscaldate il forno a 180°C e, appena avrà raggiunto la temperatura indicata, infornate la pirofila. Dopo circa 20 minuti di cottura, il vostro gratin di baccalà al gruyere sarà pronto da portare in tavola.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesce

Come preparare il baccalà con salsa al lime

Le tiepide sere d'estate sono la cornice perfetta per una cena all'aperto. La dolcezza dell'aria, il profumo dei fiori e la magica danza delle lucciole possono essere l'ispirazione per una serata davvero indimenticabile. Per stupire il palato dei nostri...
Primi Piatti

Come preparare la salsa di baccalà

Nel periodo della Quaresima (quello che precede la meravigliosa Pasqua), in tutti i Paesi cattolici, è risaputo che nel periodo precedente non si mangia la carne. Nella seguente pratica e dettagliata guida esposta nei passaggi successivi, vi spiegherò...
Antipasti

Ricetta: alici al gratin

Il gratin è un metodo di cottura dei cibi tramite il quale si realizza, sulle vivande, una croccante patina esterna più o meno spessa. E contestualmente, gli alimenti rimangono piuttosto morbidi al loro interno. La tecnica del gratin si applica solitamente...
Pesce

4 secondi piatti con il baccalà

Il baccalà è un pesce molto saporito a cui è possibile accostare tanti ingredienti e fare molti abbinamenti. In questa breve guida voglio proporvi quattro secondi piatti a base di baccalà. La prima ricetta sono delle saporite e croccanti “crocchette...
Antipasti

Come preparare la tortiera di baccalà e patate

Se volete proporre in tavola un piatto gustoso che possa piacere a grandi e piccini, provate a preparare questa tortiera di baccalà e patate. È ottima da gustare sia calda che fredda in ogni stagione dell'anno. È semplice da realizzare e il risultato...
Pesce

Come preparare il baccalà in crema di caciotta

Per servire in tavola il baccalà in una veste golosa e sfiziosa, perché non provarlo accompagnato da una morbida crema di caciotta? Due sapori intensi e robusti, che mixati danno vita ad un piatto saporito e originale. Una ricetta che propone il baccalà...
Pesce

Baccalà alla livornese: ricetta tradizionale

La ricetta tradizionale del baccalà alla livornese è conosciuta in tutta Italia e ha molte varianti. La pietanza, in ogni sua sfumatura, riesce a deliziare comunque il palato. I sapori semplici e mediterranei hanno fatto di questo piatto un vero e proprio...
Pesce

Teglia di baccalà con patate

Il baccalà fino a qualche anno fa veniva considerato un piatto umile, tipico dei poveri. È un alimento ipocalorico, ricco di sali minerali, proteine ed Omega 3. Lo trovi in commercio già ammollato oppure secco. Il baccalà è un pesce molto versatile...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.