Come preparare il Grog

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Che cosa fare quando si sente molto freddo e non ci si riesce a scaldare? La soluzione è un bel grog caldo.
Il Grog, per chi non lo conoscesse, è uno di quei cocktail così antichi che ha ormai innumerevoli varianti, tante che è quasi impossibile risalire alla ricetta originale.
La ragione è che ci sono tanti ingredienti in questa bevanda, e dal momento che è passata, nel corso degli anni, da barista in barista, molte cose sono andate perse, altre si sono aggiunte, spesso sono state male interpretate o semplicemente personalizzate.
Il Grog ha origini inglesi, era usato, freddo come dissetante per i marinai, e caldo come anti influenzale o semplicemente per contrastare il freddo e affrontare le gelide notti in mezzo al mare.
Quando i viaggi in mare duravano mesi, era il modo migliorare per conservare l'acqua immagazzinata sulle navi e l’unica fonte di vitamina c per i marinai.
Questo cocktail risale alla metà del 1700 ed era tipicamente un mix di rum, acqua, melassa, limone e cannella.
Oggi è molto usato per riscaldarsi dopo lo sci, magari davanti a un bel camino acceso.
Io vivo a Palermo, non scio, a dicembre ci sono quindici gradi, non ho un camino… ma lo bevo lo stesso.
Detto ciò, oggi vi spiegherò come preparare il Grog, quello originale, esattamente come veniva fatto nel 1750.

25

Occorrente

  • 60 ml di rum scuro
  • 15 ml di succo di limone
  • 1 cucchiaino di miele
  • 120 ml di acqua bollente
  • un pizzico di cannella
  • 1 fettina di limone
35

La scelta del rum

L’ingrediente principale del grog è il rum il quale ha un gusto molto particolare.
In commercio ve ne sono di diversi tipi, bianco, oro, scuro, invecchiato, speziato, ecc.
Il più indicato per questa ricetta è quello scuro, sfortunatamente è anche il più costoso, ma ne vale veramente la pena.
Il rum scuro è denso, con un leggero profumo di caramello e un sapore intenso.
Si sposa perfettamente con gli altri ingredienti.

45

Preparazione

Prendete un pentolino e mettete a scaldare un bicchiere di acqua o poco meno do 200 ml. Lavate il limone, sarebbe meglio usarne uno biologico, tagliatelo a metà, mettete da parte una fettina e spremete il resto. Ora prendete un bicchiere abbastanza grande e dotato di manico, ricordatevi che il grog va bevuto bollente, quindi tenetelo presente quando scegliete il bicchiere.

Continua la lettura
55

Miscelazione

Mettete nel bicchiere il succo del limone, il miele, la cannella e il rum. Date una prima mescolata e lasciate insaporire un paio di minuti.
Molti lo lasciano riposare anche un’ora, perché l'alcol con lo zucchero del miele aumenti d’intensità.
Finita la siesta, versate lentamente l’acqua bollente e rimescolate lentamente aiutandovi con un cucchiaino. Aggiungete la fettina di limone che avevate messo da parte, sedetevi e godetevi il profumo e il sapore del grog.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Come preparare il liquore alla mela

Ideale da gustare a fine pasto, come rinfrescante digestivo o anche prima del pasto come aperitivo ghiacciato, il liquore alla mela non è particolarmente difficile da preparare. Il gusto delicato ma non invadente della mela lo rende anche perfetto per...
Vino e Alcolici

Come preparare un liquore di carrube

Le carrube, tipiche del mediterraneo, sono dei baccelli scuri simili ai fagiolini che si ottengono dall'albero di carruba. Al loro interno contengono dei semini che vengono principalmente impiegati per produrre farina ma, non tutti sanno che, possono...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore al melograno

Il melograno è un frutto che si presta molto bene ad essere consumato fresco, sia per preparare deliziosi piatti a base di carne, ma anche per realizzare dei liquori molto buoni. Se siete interessati a volete preparare un buon liquore con le vostre mani,...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore alla panna e fragole

Per concludere un buon pranzo o una buona cena, generalmente si offre ai propri ospiti un buon liquore che aiuta la digestione delle pietanze appena consumate. Esistono moltissimi tipi di liquori e generalmente in questi casi preferiamo acquistarli già...
Vino e Alcolici

Come preparare il cocktail Mint Julep

Il Mint Julep è un cocktail molto semplice e veloce da preparare, traducibile in Italiano come "giulebbo alla menta", sebbene ben poco conosciuto con tale nome. Si tratta di una bevanda molto dolce e fresca dal delicato aroma di menta e il forte impatto...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore al miele

Preparare i liquori in casa ha il beneficio di avere un prodotto di qualità, fatto con ingredienti di cui si conosce l'origine, oltre ad avere il grande vantaggio di poterseli fare soddisfacendo al meglio i propri gusti ed il proprio palato. Leggendo...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore alla liquirizia

La liquirizia è una pianta perenne, le cui proprietà digestive, diuretiche, antinfiammatorie, espettoranti e protettivi della mucosa gastrica sono conosciute fin dall'antichità. La virtù che ha maggiormente contribuito alla sua diffusione è rappresentata...
Vino e Alcolici

Come preparare un Gin Tonic

Quando arriva la stagione estiva non c'è niente di meglio che godersi un delizioso cocktail in compagnia per rinfrescarsi dal caldo afoso. Ne esistono al giorno d'oggi tantissimi tipi, ognuno dei quali ha il proprio sapore e i propri specifici ingredienti....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.