Come preparare il Kefir alla banana

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Ci sarà sicuramente capitato, almeno una volta, di voler preparare qualcosa di diverso dalle solite pietanze, ma di non sapere mai cosa cucinare. Su internet, infatti, sono presenti moltissime ricette adatte ad ogni gusto e scegliere non è mai una impresa molto facile. Tuttavia grazie a questa risorsa potremo riuscire a preparare pietanze sempre nuove, fino a trovare quelle che più preferiamo. In questa guida, in particolare, vedremo come fare per riuscire a preparare un gustosissimo kefir alla banana.

26

Occorrente

  • 500 ml latte intero
  • 2 cucchiai di granuli di kefir
  • 1 banana matura
  • 1 cucchiaio di miele
  • 2 recipienti di vetro
  • 1 barattolo con coperchio
  • 1 colino
36

Per iniziare, versare mezzo litro di latte a temperatura ambiente (preferibilmente latte fresco e intero in modo da avere uno yogurt più denso e cremoso) in un recipiente di vetro. Fare attenzione a non riempirlo troppo, perché durante la fermentazione il volume raddoppierà. Versare due cucchiai di granuli di kefir e lasciare fermentare in un luogo possibilmente buio e a temperatura ambiente, per almeno 24 ore, coprendo con della carta da cucina (o della garza) tenuta ferma per mezzo di un elastico.

46

Trascorse le 24 ore il siero apparirà visivamente separato dal caglio. È possibile, a questo punto, procedere in due modi differenti. Si può, con un cucchiaio, mescolare il siero al caglio e poi far passare attraverso un colino; si otterrà, in questo caso, uno yogurt pronto da bere, dal sapore piuttosto acido. In alternativa, servirsi sempre di un colino per separare il siero dal caglio (il primo potrà successivamente essere usato per fare della ricotta), utilizzando due recipienti. In questo caso lo yogurt risulterà meno acido e più denso. Per queste operazioni sarebbe meglio non usare colini o cucchiai di metallo, perché questo materiale ha il difetto di uccidere i fermenti lattici. Una volta posto il caglio in una ciotola togliere i granuli di kefir.

Continua la lettura
56

Successivamente, prendere la banana, tagliarla a pezzettini e mescolarla al kefir con l'aggiunta di un cucchiaio di miele. Il kefir pronto può essere consumato subito, oppure essere conservato in frigorifero in un contenitore dotato di coperchio, dove potrà mantenere inalterate le sue caratteristiche per circa una settimana.

66

A questo punto, la nostra guida è finalmente giunta al termine e dopo aver letto con attenzione tutte le indicazioni riportate nei passi precedenti e aver acquistato tutti gli ingredienti necessari presso un qualsiasi supermercato, potremo finalmente provare a preparare questo gustosissimo kefir alla banana che ci lascerà sicuramente soddisfatti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Analcolici

Come preparare il banana coffee shake

Sovente, la frutta si abbina ad altri ingredienti per preparare degli ottimi dolci che contengano sostanze anche nutritive, oltre ad essere gustosi e sfiziosi. La banana, ad esempio, viene solitamente accompagnata al cioccolato e preparata in veste di...
Analcolici

Come conservare il kefir d'acqua

Spesso sentiamo dire che la migliore bevanda, la più dissetante, è l’acqua in genere.Esiste però una bibita, non molto conosciuta, che risulta essere altrettanto dissetante, idratante e può vantare inoltre svariate proprietà benefiche per il nostro...
Analcolici

Come preparare un frullato di banana e pesca

La frutta fresca com'è ormai scientificamente provato, è uno degli alimenti principali per stare bene in salute, tanto è vero che in quasi tutte le diete viene consigliata come integratore. Nello specifico quella frullata è considerata un vero toccasana,...
Analcolici

5 frullati con la banana

Il frullato di frutta è un drink salutare, benefico per l'organismo, e un vero e proprio elisir di bellezza. Realizzato con ingredienti genuini, fornisce al corpo energia di pronto utilizzo contro l'astenia ed il caldo, vitamine e sali minerali per riacquisire...
Analcolici

5 cocktails analcolici estivi da preparare in casa

Voglia di estate, voglia di cocktail! Anzi, nel caso della nostra guida, voglia di cocktails analcolici!!I cocktails analcolici non hanno nulla da invidiare a quelli che contengono alcol. Freschi, esotici, colorati, i cocktail analcolici azzerano la sete...
Analcolici

Ricette di cocktails alla frutta

Nell'immaginazione di tutti noi, con l'estate che arriva, non c'è niente di meglio che sorseggiare un ottimo cocktail in spiaggia, oppure ad un party in giardino in compagnia dei nostri amici più cari. Vi vogliamo insegnare la preparazione di tre ricette...
Analcolici

Come preparare il latte di avena

Negli ultimi anni, con l'affermarsi e la diffusione di moltissimi tipi di alimentazione, dalla vegetariana, alla vegana e così via, sono entrati a gamba tesa, nell'elenco degli alimenti più consumati, molte alternative al classico e tradizionale latte...
Analcolici

5 idee per preparare drink analcolici

Si avvicinano le feste natalizie e, tra giorni di festeggiamenti e appetitosi pasti con i parenti, incontrerete tantissime persone a voi care. In questa semplice e breve (ma allo stesso tempo utile ed interessante) guida, vi illustrerò 5 simpatiche idee...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.