Come preparare il lievito madre

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Il lievito madre è un lievito del tutto naturale, di fatti è la tipologia di lievito che viene realizzato direttamente in casa, con dei semplici e piccoli accorgimenti e pochissimi ingredienti che in seguito descriveremo all'interno di questa guida. Ma soprattutto, se conservato come si deve, è praticamente "eterno", proprio per il processo chimico che andremo tra poco a spiegare. Leggiamo quindi la guida di seguito per saperne di più su questo argomento, di fatti in questa guida andremo a spiegare come è possibile preparare il lievito madre e conservarlo per molto tempo con le dovute accortezze.

24

Prima di tutto è importante conoscere quali sono gli ingredienti necessari per la sua preparazione: 100 gr. Di farina di tipo 0; 50 gr. Di acqua, 2 cucchiai di miele. Per quanto riguarda il rimpasto occorrono 100 gr. Di farina di tipo 0, 50 gr. Di acqua tiepida. Ma vediamo come procedere: cominciamo con l'impastare gli ingredienti iniziali come l'acqua, la farina e il miele. Alla fine, formiamo una palla, che andremo ad incidere con una croce sulla parte superiore, e porremo in un contenitore di vetro. Lasciamo riposare il tutto per circa due giorni. A questo punto l 'impasto dovrà raddoppiare di volume. Ricordatevi che la temperatura ideale di conservazione è intorno ai 22 gradi centigradi e inoltre sono preferibili i posti privi di luce.

34

Al secondo giorno bisognerà togliere 100 grammi del preparato che avremo messo a riposare; il resto possiamo metterlo via. Mettiamo i 100 grammi tagliati dentro una ciotola e sciogliamoli insieme a 50 grammi di acqua tiepida. Con il liquido ottenuto, andremo ad impastare altri 100 grammi di farina. Questo procedimento va effettuato ogni due giorni. Il lievito madre, resiste a temperatura ambiente senza rimpasto per un paio di giorni. Si può in alternativa conservarlo in frigo, dove riesce a mantenersi perfetto anche dieci giorni.

Continua la lettura
44

È importante sapere come mai il lievito madre non cessa mai di essere buono. Quando prepariamo la base con il miele, impastandolo con la farina, andiamo a creare una vera e propria reazione chimica. Quando si va a rimpastare il lievito madre con la farina, non si fa altro che fornire cibo ai batteri prodotti in precedenza. Secondo questo principio, il lievito madre, se rimpastato regolarmente, risulta eterno. Inoltre, più il lievito madre è "vecchio", più è buono è bene che si sappia che non va a male, ma migliora sempre di più! Per cui una volta letto il procedimento e utilizzato delle particolari accuratezze, non vi resta che provare ed avere il lievito madre sempre pronto ogni qualvolta vi serve!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Antipasti

Come cucinare gli spinaci senza perdere il contenuto di ferro

L'alimentazione è uno dei fattori che contribuisce maggiormente al buon funzionamento del nostro corpo. Una dieta scorretta è, infatti, spesso la causa di svariate problematiche, disturbi e, in taluni casi, anche di vere e proprie patologie. È quindi...
Consigli di Cucina

3 modi per conservare lo zenzero

Lo zenzero è una pianta erbacea di origine orientale, da cui si estrae la radice che, poi è proprio quella che generalmente viene utilizzata. In ambito culinario lo zenzero è una deliziosa spezia che tende ad arricchire i nostri piatti, ma è possibile...
Carne

Come preparare il brodo di manzo

Il brodo è una tra le principali preparazioni di base della cucina nostrana, è utilizzato per la realizzazione di tantissimi piatti ed è estremamente semplice da cucinare. Per esempio, può essere utilizzato nella cottura di risotti e arrosti di carne,...
Antipasti

Come conservare il prosciutto cotto

Se decidete di fare un cena con degli amici ed acquistate del prosciutto cotto in abbondanza per fare un gustoso antipasto, può sorgere il problema di come conservarlo correttamente per evitare che vada a male. Il prosciutto è un salume ottenuto a seguito...
Antipasti

Come conservare il salame

Coloro che amano la buona tavola cercano di non far mancare mai nessun alimento sulla propria tavola. I salumi, in particolar modo, si prestano per molti sfiziosi antipasti e fanno parte di quella che è la tradizione gastronomica del nostro paese. Solitamente,...
Consigli di Cucina

Stampi per il ghiaccio: 10 usi alternativi

Negli ultimi anni gli stampi del ghiaccio hanno assunto le più svariate forme e misure. Spesso vengono lasciati nei mobili, tirati fuori solo in estate quando si ha bisogno di ghiaccio fresco per le proprie bibite. Qui di seguito, 10 usi alternativi...
Consigli di Cucina

Come conservare il nero di seppia

Il nero di seppia è un liquido di colore molto scuro che viene estratto dalle vesciche o sacche delle seppie. Il colore scuro del nero di seppia è dovuto al contenuto di melanina. Spesso nel passato si utilizzava per scrivere come inchiostro naturale....
Pesce

Come pulire e cuocere un polpo

Se pulire e cuocere il polpo vi sembra un'impresa impossibile, sono sicura che leggendo questa guida cambierete idea: infatti la pulizia di questo mollusco è davvero semplice e non richiede poi così tanti accorgimenti. Già che ci siamo vedremo anche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.