Come preparare il liquore al finocchietto selvatico

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Il liquore al finocchietto selvatico è un deliziosa bevanda che si ricava dalla macerazione dei semi e delle parti fibrose dell’omonima pianta. Dalle spiccate proprietà digestive e diuretiche, questa bevanda è ideale per terminare pasti particolarmente abbondanti o fungere da aperitivo, grazie alla fresca morbidezza dei suoi aromi. In questa guida scopriremo come preparare in casa il liquore aromatizzato al finocchietto.

25

Occorrente

  • 1 litro di alcool a 95°
  • 1 litro di acqua
  • 850 grammi di zucchero bianco
  • 1 mazzetto di finocchietto selvatico (circa 50-60 fiori)
  • 1 recipiente a chiusura ermetica
  • cotone idrofilo
35

Il finocchietto selvatico è una pianta spontanea, tipica della macchia mediterranea e riconoscibile per i suoi fusti, verdi e ramificati, che possono raggiungere i due metri d’altezza. Durante l’estate, i fusti danno vita a caratteristiche ombrelle dai fiori gialli che, con l’approssimarsi della stagione autunnale, si trasformano in frutti di colore grigio, comunemente chiamati “semi". In cucina, i semi sono ampiamente utilizzati come aromi per insaporire numerose pietanze (dalle carni ai formaggi, dal pesce alla pasta) e per la preparazione di infusi e tisane tonificanti. Per preparare il liquore al finocchietto sono, invece, necessari tutte le parti della pianta matura che deve essere raccolta nel periodo compreso tra Agosto e Settembre.

45

Cominciate la preparazione, lavando accuratamente i fusti e le foglie del vostro mazzetto di finocchietto e distaccatene i semi che andrete poi a macinare. In seguito, mettete i fusti, le foglie e i semi pestati all’interno di un recipiente a chiusura ermetica e aggiungete l’alcool a 95°. Chiudete e lasciate macerare per non meno di 30 giorni, disponendo il recipiente in un luogo fresco e, di tanto in tanto, avendo cura di agitarlo delicatamente per facilitare il rilascio delle essenze.

Continua la lettura
55

Dopo un mese, procedete a preparare un semplice sciroppo sciogliendo lo zucchero bianco in acqua. In seguito, bollite lo sciroppo per pochi minuti e lasciatelo raffreddare. Nel frattempo, aprite il recipiente, che contiene i finocchietti macerati nell’alcool, e svuotatelo completamente all’interno di una capiente bacinella. Utilizzando le mani, eliminate le foglie e i fusti di maggiori dimensioni ed, in seguito, filtrate le parti più piccole facendo uso di uno strato di cotone idrofilo. E’ importante che il processo di filtrazione venga ripetuto almeno due o tre volte per eliminare ogni residuo. Una volta freddo, aggiungete lo sciroppo all’alcool aromatizzato e mescolate per qualche minuto prima di imbottigliare. Infine, lasciate riposare in frigo per altri 30 giorni e servite il vostro liquore al finocchietto selvatico rigorosamente freddo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Come preparare il liquore allo zenzero

Lo zenzero è molto usato nella cucina italiana. Dai primi piatti ai dolci, offre un sapore aromatico molto simile a quello del limone. Un uso molto particolare dello zenzero è quello che lo vede protagonista in un liquore dal gusto forte e deciso, quello...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore alla panna e fragole

Per concludere un buon pranzo o una buona cena, generalmente si offre ai propri ospiti un buon liquore che aiuta la digestione delle pietanze appena consumate. Esistono moltissimi tipi di liquori e generalmente in questi casi preferiamo acquistarli già...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore alla mela

Ideale da gustare a fine pasto, come rinfrescante digestivo o anche prima del pasto come aperitivo ghiacciato, il liquore alla mela non è particolarmente difficile da preparare. Il gusto delicato ma non invadente della mela lo rende anche perfetto per...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore di mirto

Il liquore di mirto è un tipico liquore della regione sarda, ottenuto a partire da una pianta arbustiva spontanea che ricopre gran parte del territorio naturale di questa regione: il mirto. Nei semplicissimi passi successivi di questa breve guida, in...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore alla banana

Il liquore è un alcolico molto forte che spesso si usa per accompagnare i dolci dopo cena. Proprio per la sua caratteristica di essere fortemente alcolico non è sempre gradito da tutti.Esistono moltissimi gusti di liquori e moltissime gradazioni. Ad...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore al melograno

Il melograno è un frutto che si presta molto bene ad essere consumato fresco, sia per preparare deliziosi piatti a base di carne, ma anche per realizzare dei liquori molto buoni. Se siete interessati a volete preparare un buon liquore con le vostre mani,...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore di mirto bianco

La Sardegna è una regione che ha tanto da offrire, sotto ogni punto di vista: dai paesaggi incontaminati ai reperti archeologici, dall'ospitale folklore ad una enogastronomia ricca e variegata, non c'è persona al mondo che non possa amare un po' di...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore di more

I liquori sono delle preparazioni particolarmente impegnative e vanno fatti seguendo alcune regole precise. Sono piccoli sorsi di bontà che contengono essenze, zucchero, aromi e frutta. Ma occorre ricordare, che vanno bevuti con moderazione. Poiché...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.