Come preparare il liquore al miele

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Preparare i liquori in casa ha il beneficio di avere un prodotto di qualità, fatto con ingredienti di cui si conosce l'origine, oltre ad avere il grande vantaggio di poterseli fare soddisfacendo al meglio i propri gusti ed il proprio palato. Leggendo i successivi passaggi troverete le istruzioni per preparare un dolcissimo liquore al miele, ottimo per guarnire gelati o torte. Diamo inizio a questa guida su come preparare il liquore al miele.

26

Occorrente

  • 260 ml di alcool per liquori
  • 540 ml di acqua
  • 300 grammi di miele
  • la buccia di 1 arancia
  • la buccia di 1 limone
  • 1 stecca di cannella
  • 2 chiodi di garofano
36

Procuratevi un barattolo di vetro della capacità di almeno 600 cc. Prendete poi un limone ed un'arancia, dei quali dovendo utilizzarne la buccia, sarebbe ideale fossero provenienti da coltura biologica. Inoltre avendo la funzione di profumare il nostro liquore, sarebbe preferibile scegliere quelli di Sicilia. Tagliate loro la pelle facendo attenzione a non asportare anche la parte bianca, che amarognola, rovinerebbe il risultato finale. Lavate per bene sotto acqua corrente le bucce ed asciugatele con un canovaccio pulito.

46

I profumi degli agrumi ora devono esser fatti macerare per diffondersi nell'alcol. Tagliate quindi a pezzetti le bucce e mettetele nel barattolo, ricopritele con 260 ml di alcol etilico per liquori e con 240 ml di acqua. Chiudete ermeticamente il barattolo e mettetelo in un posto al buio e al fresco per almeno due settimane (ma tre sarebbe meglio!) in modo che le bucce rilascino nel liquido il loro aroma. Di tanto in tanto scuotete il barattolo per miscelare bene l'infuso.

Continua la lettura
56

Trascorso il periodo di "isolamento", in una ciotola sciogliete 300 gr di miele con 300 ml di acqua tiepida. Mescolare bene fino a quando il miele si è ben amalgamato con l'acqua. Prendete adesso un barattolo per conserve della capacità di 1 litro e mezzo e versate la soluzione di acqua e alcol profumata di agrumi unita a quella di miele appena fatta. Completate con una stecca di cannella e 2 chiodi garofano (danno molto profumo); agitate e lasciate in infusione ancora per un'altra settimana sempre al fresco ed al buio.

66

Trascorsi sette giorni, munitevi di un imbuto ricoperto da un tovagliolo di cotone a trama fitta e versate dentro una bottiglia il liquore. Fate attenzione ad eliminare tutti i residui delle spezie e chiudete ermeticamente la bottiglia, lasciandola riposare per due o tre mesi prima di consumarlo. Vedrete che bontà! Sarà ottimo per accompagnare un dolce, da sorseggiare a fine pasto, come base per la bagna di una torta (non destinata ai bambini ovviamente!), come base per una salsa da gelato.
Con questo quarto e ultimo passo chiudiamo la guida su come preparare il liquore al miele.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Come preparare il liquore alla mela

Ideale da gustare a fine pasto, come rinfrescante digestivo o anche prima del pasto come aperitivo ghiacciato, il liquore alla mela non è particolarmente difficile da preparare. Il gusto delicato ma non invadente della mela lo rende anche perfetto per...
Analcolici

Ricetta: liquore con erba luigia

Assaporare un ottimo liquore dopo aver pranzato o dopo cena è un ottimo modo per concludere il pasto. Esistono liquori di vario tipo, alcuni dei quali preparati mescolando ingredienti molto diversi tra loro, e non sono poche le persone che, attraverso...
Vino e Alcolici

Ricetta: liquore fatto in casa

Il liquore fatto in casa non è una ricetta che necessita di una grande esperienza culinaria. In questo caso, dovrete solo recarvi in campagna e raccogliere qualche ciuffo di finocchio selvatico secco. Una volta raccolto, andrà fatto seccare per poi...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore limoncello

Tutti conosciamo il popolare limoncello, il liquore preparato utilizzando la scorza di agrumi provenienti dalla Campania, ma tipico anche di altre regioni d'Italia come Sicilia e Calabria. Ad ogni modo, tradizione vuole che questa bevanda tradizionalmente...
Vino e Alcolici

Liquore alla frutta fatto in casa

Chi non conosce la bontà del liquore alla frutta fatto in casa? Si tratta di una prelibatezza semplice da realizzare che si presta bene a essere consumata nel periodo di Natale e comunque soprattutto nei mesi invernali. Profumatissimo agli agrumi, questo...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore alla salvia

I liquori fanno spesso la loro comparsa sulla tavola degli italiani e per molti, sono diventati uno sfizio irrinunciabile, da concedersi rigorosamente al termine di qualsiasi pranzo o cena.Fra le loro varianti, particolarmente apprezzati sono gli amari...
Vino e Alcolici

Ricetta: limoncello

Tra i liquori più amati e gettonati, sicuramente il limoncello occupa una posizione di notevole rilievo. Conosciuto ed apprezzato in tutto il mondo, la sua prima comparsa sul mercato avvenne agli inizi del 1900 in una trattoria della Costiera amalfitana....
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore all'alloro

L'alloro è una pianta aromatica estremamente conosciuta ed apprezzata, e sono molteplici gli utilizzi che se ne possono fare, tra i quali, quelli maggiormente noti riguardano l'ambito della cucina. In questa guida proprio con la pianta di alloro illustriamo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.