Come preparare il liquore all'amarena

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'amarena, conosciuta anche come "visciola" o "marasca", è una varietà più acidula della ciliegia, ma non per questo meno gustosa. Il suo utilizzo è molto frequente in cucina, in particolar modo per tutto ciò che riguarda dolci e creme, come ad esempio per la preparazione di sciroppi, marmellate e liquori. Proprio quest'ultimo, il liquore aromatico all'amarena, ha un gusto molto particolare e ricercato che lo rende adatto ad ogni occasione: potete infatti preparare il liquore per servirlo dopo una cena in compagnia di amici oppure regalarne una bottiglia per natale... È sempre molto apprezzato! Vediamo quindi come preparare il liquore all'amarena.

26

Occorrente

  • 1 kg di amarene
  • 500 gr di zucchero semolato
  • 500 gr di alcool
  • Barattoli ermetici
  • Imbuto
  • Garze
  • Bottiglie
36

La preparazione del liquore è piuttosto semplice e non richiede uno sforzo particolare. Innanzitutto dovete montare la frutta che deve essere necessariamente fresca e senza nessuna macchia: queste caratteristiche sono fondamentali per la buona riuscita del liquore. Un altro fattore di fondamentale importanza è la buona pulizia dei contenitori, barattoli e di tutto ciò che verrà a contatto con la frutta. Scegli le amarene migliori per il tuo liquore, lavale per bene e poi riponile in un colapasta, coprile con un panno da cucina per farle asciugare. Cerca di maneggiare con cura le amarene, sono molto delicate.

46

Nel frattempo occupati della preparazione dei contenitori dotati di chiusura ermetica: lavali per bene e poi devi sterilizzarli, facendoli bollire (coperchi compresi) per circa dieci minuti in acqua calda. Quando saranno sterilizzati mettili capovolti su di un canovaccio per farli asciugare bene. Prepara sul tavolo da lavoro la dose giusta di zucchero e alcool a 90° e tienili da parte. Adesso, con un paio di forbicine ben affilate taglia il picciolo alle amarene, lasciandone circa un centimetro, e sistemale a poco a poco nei barattoli. Fatto ciò, devi aggiungere lo zucchero semolato e l'alcool. Avvita per bene i tappi e scuoti un po' i barattoli per far assestare tutto il contenuto. Infine, riponili in un luogo fresco e asciutto e lasciali macerare per circa tre mesi, curandoti di scuoterli e capovolgerli di tanto in tanto.

Continua la lettura
56

Passato questo tempo, prendi i barattoli e scuotili. Procurati le bottiglie che devono contenere il liquore. Per inserire il liquore nelle bottiglie ti servono un imbuto e una garza (che metterai all'interno) per poi filtrare a poco a poco il liquore. Si tratta di un procedimento che richiede molta attenzione. Una volta trasferito il liquore tappa le bottiglie, attacca l'etichetta con la data e conservale in dispensa per qualche mese prima di consumarne il contenuto. Le amarene che sono avanzate possono essere messe nelle bottiglie (se il collo della bottiglia lo permette) e servite insieme al liquore per dare quel tocco di originalità in più. Il procedimento è un po' lungo ma il successo e il gusto finale è garantito!

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Lavare e asciugare accuratamente i contenitori

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Come preparare il liquore allo zenzero

Lo zenzero è molto usato nella cucina italiana. Dai primi piatti ai dolci, offre un sapore aromatico molto simile a quello del limone. Un uso molto particolare dello zenzero è quello che lo vede protagonista in un liquore dal gusto forte e deciso, quello...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore alla panna e fragole

Per concludere un buon pranzo o una buona cena, generalmente si offre ai propri ospiti un buon liquore che aiuta la digestione delle pietanze appena consumate. Esistono moltissimi tipi di liquori e generalmente in questi casi preferiamo acquistarli già...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore alla mela

Ideale da gustare a fine pasto, come rinfrescante digestivo o anche prima del pasto come aperitivo ghiacciato, il liquore alla mela non è particolarmente difficile da preparare. Il gusto delicato ma non invadente della mela lo rende anche perfetto per...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore di mirto

Il liquore di mirto è un tipico liquore della regione sarda, ottenuto a partire da una pianta arbustiva spontanea che ricopre gran parte del territorio naturale di questa regione: il mirto. Nei semplicissimi passi successivi di questa breve guida, in...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore alla banana

Il liquore è un alcolico molto forte che spesso si usa per accompagnare i dolci dopo cena. Proprio per la sua caratteristica di essere fortemente alcolico non è sempre gradito da tutti.Esistono moltissimi gusti di liquori e moltissime gradazioni. Ad...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore al melograno

Il melograno è un frutto che si presta molto bene ad essere consumato fresco, sia per preparare deliziosi piatti a base di carne, ma anche per realizzare dei liquori molto buoni. Se siete interessati a volete preparare un buon liquore con le vostre mani,...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore di more

Agli appassionati di liquori e grappe fatte in casa ecco l'ultimo ritrovato del gusto: il liquore di more. Forse non se ne è sentito parlare abbastanza negli ultimi tempi... Sarà perché è una novità, ma il suo gusto è sicuramente unico e prelibato....
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore di mirto bianco

La Sardegna è una regione che ha tanto da offrire, sotto ogni punto di vista: dai paesaggi incontaminati ai reperti archeologici, dall'ospitale folklore ad una enogastronomia ricca e variegata, non c'è persona al mondo che non possa amare un po' di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.