Come preparare il liquore alla salvia

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

I liquori fanno spesso la loro comparsa sulla tavola degli italiani e per molti, sono diventati uno sfizio irrinunciabile, da concedersi rigorosamente al termine di qualsiasi pranzo o cena.
Fra le loro varianti, particolarmente apprezzati sono gli amari fatti in casa con ingredienti assolutamente naturali ottenuti dalla macerazione di erbe, spezie o agrumi anche combinati fra loro per realizzare mix originali e gustosi. Le ricette a disposizione sono diverse e molteplici ma, fra le più famose e apprezzate, spicca certamente quella del liquore alla salvia. Ecco, quindi, una breve guida su come preparare questo sfizioso liquore in modo semplice, veloce e pratico anche per i meno esperti in cucina.

25

Occorrente

  • circa 40 foglie di salvia
  • 400 g di zucchero
  • ½ litro d’alcool alimentare 90°
  • ½ litro acqua
  • la buccia di 2 limoni (facoltativo)
  • una manciata di chiodi di garofano (facoltativo)
35

Procuratevi della salvia freschissima, solitamente una quarantina di foglie dovrebbe essere sufficienti per dare la giusta intensità di sapore. Naturalmente, è fondamentale utilizzare salvia fresca, preferibilmente non trattata, non surgelata e ancora meglio biologica.

45

Lavate le foglie accuratamente sotto l'acqua corrente fredda. Una volta pulite per bene, asciugatele una per una, servendovi di uno strofinaccio da cucina o di qualche foglio di carta assorbente. Tamponate con estrema delicatezza le foglie, evitando sfregamenti troppo forti che possono far perdere l'intensità dell'aroma. Trasferite le foglie in una bottiglia o in un barattolo di vetro con una chiusura ermetica, aggiungete circa mezzo litro d'alcool a 90° ed eventuali aromi aggiuntivi (qualche foglia di alloro, timo ecc.). Molti utilizzano anche le bucce di limone, prive della pellicina interna amarognola, per dare all'infuso un sapore ancora più intenso. A questo punto, chiudete il contenitore e lasciate macerare per almeno due settimane, avendo cura di agitare la bottiglia quando le erbe si saranno depositate sul fondo.

Continua la lettura
55

Trascorsi i giorni necessari, fate sciogliere lo zucchero nell'acqua a fuoco bassissimo e attendete che quest'ultimo si addensi formando una sorta di sciroppo. Spegnete la fiamma e attendete il completo raffreddamento. Una volta freddo, aggiungete il tutto all'interno del barattolo o alla bottiglia contenente l'alcol.
Ed ecco pronto il vostro liquore alla salvia.
Ricordate, che affinché la raffinazione lo renda ancora più piacevole al palato, è preferibile lasciarlo riposare ancora per un mese, in un luogo buio e asciutto e prima di consumarlo filtrarlo accuratamente con l'aiuto di un colino. Per servirlo, aggiungete in un bicchiere qualche foglia di salvia fresca.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Come preparare il liquore allo zenzero

Lo zenzero è molto usato nella cucina italiana. Dai primi piatti ai dolci, offre un sapore aromatico molto simile a quello del limone. Un uso molto particolare dello zenzero è quello che lo vede protagonista in un liquore dal gusto forte e deciso, quello...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore alla panna e fragole

Per concludere un buon pranzo o una buona cena, generalmente si offre ai propri ospiti un buon liquore che aiuta la digestione delle pietanze appena consumate. Esistono moltissimi tipi di liquori e generalmente in questi casi preferiamo acquistarli già...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore alla mela

Ideale da gustare a fine pasto, come rinfrescante digestivo o anche prima del pasto come aperitivo ghiacciato, il liquore alla mela non è particolarmente difficile da preparare. Il gusto delicato ma non invadente della mela lo rende anche perfetto per...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore di mirto

Il liquore di mirto è un tipico liquore della regione sarda, ottenuto a partire da una pianta arbustiva spontanea che ricopre gran parte del territorio naturale di questa regione: il mirto. Nei semplicissimi passi successivi di questa breve guida, in...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore alla banana

Il liquore è un alcolico molto forte che spesso si usa per accompagnare i dolci dopo cena. Proprio per la sua caratteristica di essere fortemente alcolico non è sempre gradito da tutti.Esistono moltissimi gusti di liquori e moltissime gradazioni. Ad...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore al melograno

Il melograno è un frutto che si presta molto bene ad essere consumato fresco, sia per preparare deliziosi piatti a base di carne, ma anche per realizzare dei liquori molto buoni. Se siete interessati a volete preparare un buon liquore con le vostre mani,...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore di more

Agli appassionati di liquori e grappe fatte in casa ecco l'ultimo ritrovato del gusto: il liquore di more. Forse non se ne è sentito parlare abbastanza negli ultimi tempi... Sarà perché è una novità, ma il suo gusto è sicuramente unico e prelibato....
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore di mirto bianco

La Sardegna è una regione che ha tanto da offrire, sotto ogni punto di vista: dai paesaggi incontaminati ai reperti archeologici, dall'ospitale folklore ad una enogastronomia ricca e variegata, non c'è persona al mondo che non possa amare un po' di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.