Come preparare il liquore di mirto

Tramite: O2O 22/08/2018
Difficoltà: facile
18

Introduzione

Come preparare il liquore di mirto

Il liquore di mirto è un tipico liquore della regione Sardegna, ottenuto a partire appunto dalla pianta del Mirto, una pianta arbustiva spontanea che ricopre gran parte del territorio naturale di questa regione. Il mirto è anche presente in altre regioni italiane, poiché si tratta di una pianta tipica Mediterranea, quindi è facile trovarla nel sud Italia, spesso conosciuta come Mortella.
Il liquore di Mirto si prepara sfruttando le sue bacche, frutti tondi più piccoli delle ciliegie, e di un colore sfumato che passa dal nero al blu, con tinte di violaceo.
Il liquore di Mirto si presta molto bene sia come aperitivo che come digestivo di fine pasto; inotre, viene anche impiegato come ingrediente di particolari prodotti della pasticceria tipica sarda, come i cioccolatini.
Se siete appassionati della preparazione di liquori e volete cimentarvi anche nella preparazione del Liquore di Mirto, allora questa guida fa per voi: nei semplicissimi passi successivi spiegheremo dettagliatamente come preparlo, così potrete servirlo ad amici e parenti che sicuramente apprezzeranno il suo sapore unico.

28

Occorrente

  • 300 g di bacche di mirto
  • 300 g di alcool 95°
  • 250 ml di acqua
  • 250 g di zucchero
  • 2 boccacci
  • Imbuto
  • Garza per filtrare i liquori
  • Bottiglia per liquori
38

Preparazione delle bacche

Il liquore di mirto è ottenuto attraverso la macerazione alcolica delle sue bacche: quindi, come primo passo occorre reperire la materia prima, ossia i frutti.
Per farlo potrete recarvi presso un fruttivendolo di fiducia e comprarne di fresche, oppure potrete raccoglierle voi stessi se avete degli alberi a disposizione: il periodo in cui i frutti maturano va dal mese di novembre al mese di gennaio.
Una volta ottenute le bacche, dovrete sciacquarle abbondantemente per eliminare ogni impurità presente sulla superficie: asciugatele con un pa nno asciutto prima di procedere con la fase di macerazione!

48

Macerazione delle bacche

Il passo più importante e delicato nella preparazione del Liquore al Mirto è rappresentato dalla macerazione delle sue bacche.
Riponete le bacche all'interno di un recipiente ermeticoprecedentementee lavato ed asciugato: lasciate le bacche intere, senza tagliarle nè spremerle.
Di conseguenza, aggiungete la giusta dose di alcol, chiudete il recipiente e lasciateloo in "infusione" per un periodo di 60 giorni.
Conservate il contenitore in una stanza priva di eccessiva umidità, possibilmente in un mobile in modo che non vi arrivi direttamente la luce del sole, condizione che andrebbe ad altarare l'alcol.
Ricordate di andare ad agitare il boccaccio almeno una volta al giorno.

Continua la lettura
58

Filtrare l'alcol

Trascorso il periodo dei 60 giorni, potrete notare subito che, dopo la macerazione, le bacche di mirto avranno aumentato il loro volume.
In un primo momento occorre filtrare il liquido, quindi procuratevi un altro boccaccio lavato ed asciugatoo, e ponetevi sopra un imbuto con una garza per filtrare i liquori: cosí, svuotate tutto il liquido fino ad ottenere l'alcol aromatizzato.
Le bacche di mirto saranno gonfie perché avranno trattenuto una certa quantità di alcol, che andrebbe persa se voi gettaste le bacche; quindi, sarà necessario spremerle, ed otterrete un succo denso ed aromatico che dovrete anch'esso filtrare ed aggiungere all'alcol.

68

Preparare lo sciroppo

In ultima battuta occorre preparare lo sciroppo ed unire il tutto.
Su fiamma media, mettere un pentolino con l'acqua e lo zucchero, e lasciate bollire per circa 10 min: in questo modo, lo zucchero si scioglierà ed avrete ottenuto lo sciroppo. Siccome sarà bollente, lasciatelo raffredare per circa 30: divenuto freddo, vi basterà unirlo con il succo derivato della spremitura delle bacche di mirto e con l'alcool residuo della macerazione.
Versate il tutto nella bottiglia e lasciatelo riposare per due mesi prima di gustarlo.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se comprate le bacche, scegliete quelle fresche e non quelle confezionate che si trovano nei banchi dei supermercati.
  • Se scegliete di raccogliere voi stessi le bacche, accertatevi che sia effettivamente l'albero di mirto e non una pianta simile. Inoltre, raccogliete i frutti uno per uno e non strappate i rami per far prima, perché danneggiate gli alberi.
  • Mettetene un po' in una bottiglia da congelatore e gustatelo anche ghiacciato.
  • Aggiungete in macerazione qualche foglia di mirto bel lavata per raccogliere quelle proprietà volatili.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Come preparare la crema di mirto

Molti di voi conosceranno il mirto, un liquore sardo a base di bacche di mirto, ma forse non tutti conoscono la crema di mirto. Si tratta di un liquore solitamente servito in accompagnamento a gelati, oppure come post dinner. Alla base della crema di...
Vino e Alcolici

Come preparare il mirto sardo

Il mirto sardo è sicuramente uno dei prodotti più conosciuti e più amati della Sardegna. In commercio ne esistono tanti, ma i veri estimatori lo preparano in casa. Ogni famiglia ha la sua tradizione, e ogni sardo vi assicurerà che il mirto preparato...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore alla mela

Ideale da gustare a fine pasto, come rinfrescante digestivo o anche prima del pasto come aperitivo ghiacciato, il liquore alla mela non è particolarmente difficile da preparare. Il gusto delicato ma non invadente della mela lo rende anche perfetto per...
Vino e Alcolici

Come preparare liquore di vaniglia

Le bacche di vaniglia rappresentano un valido rimedio per lo stress e l'insonnia. Hanno, infatti, un potere antiossidante per le cellule e sono anche un ottimo afrodisiaco. Perché, allora, non usare questo ingrediente dalla mille qualità, per preparare...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore allo zenzero

Lo zenzero è molto usato nella cucina italiana. Dai primi piatti ai dolci, offre un sapore aromatico molto simile a quello del limone. Un uso molto particolare dello zenzero è quello che lo vede protagonista in un liquore dal gusto forte e deciso, quello...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore al melograno

Il melograno è un frutto che si presta molto bene ad essere consumato fresco, sia per preparare deliziosi piatti a base di carne, ma anche per realizzare dei liquori molto buoni. Se siete interessati a volete preparare un buon liquore con le vostre mani,...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore alla panna e fragole

Per concludere un buon pranzo o una buona cena, generalmente si offre ai propri ospiti un buon liquore che aiuta la digestione delle pietanze appena consumate. Esistono moltissimi tipi di liquori e generalmente in questi casi preferiamo acquistarli già...
Vino e Alcolici

Come preparare un liquore di carrube

Le carrube, tipiche del mediterraneo, sono dei baccelli scuri simili ai fagiolini che si ottengono dall'albero di carruba. Al loro interno contengono dei semini che vengono principalmente impiegati per produrre farina ma, non tutti sanno che, possono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.