Come preparare il liquore di mirto

tramite: O2O
Difficoltà: facile
Come preparare il liquore di mirto
15

Introduzione

Il liquore di mirto è un tipico liquore della regione sarda, ottenuto a partire da una pianta arbustiva spontanea che ricopre gran parte del territorio naturale di questa regione: il mirto. Nei semplicissimi passi successivi di questa breve guida, in particolare, vedremo come fare per riuscire a preparare un gustosissimo liquore al mirto. In pochissimo tempo riusciremo a preparare questo liquore che potremo servire accompagnandolo con dolci ad amici e parenti che sicuramente apprezzeranno il suo sapore unico.

25

Occorrente

  • 1 kg di bacche di mirto
  • 1 l. di alcool per alimenti
  • 2 litri di acqua
  • 500-1000 g. di zucchero
35

La pulizia

Il liquore è ottenuto attraverso la macerazione alcolica di questi piccoli frutti e si presta molto bene sia come aperitivo che come digestivo di fine pasto oltre che come ingrediente di particolari prodotti della pasticceria tipica sarda. Come prima cosa dovremo reperire la materia prima ossia i frutti e per farlo potremo recarci presso dei fruttivendoli e ordinare la quantità necessaria di mirto per riuscire a preparare il nostro liquore. Dopo averli acquistati dovremo sciacquarli abbondantemente per eliminare ogni impurità, prima di procedere con la fase di macerazione!

45

Lo sciroppo

Noteremo subito che, dopo la macerazione, le bacche di mirto avranno aumentato il loro volume e quindi sarà necessario spremerle per ottenere un succo denso ed aromatico che raccoglieremo all'interno di un recipiente sterile o possibilmente ben pulito. Successivamente sarà necessario preparare uno sciroppo che potremo ottenere facendo bollire per circa 30 minuti l'acqua con lo zucchero semolato. Una volta prodotto basterà unirlo con il succo derivato della spremitura delle bacche di mirto e con l'alcool residuo della macerazione.

Continua la lettura
55

La macerazione

In conclusione ricordiamo che il passo più importante è rappresentato dalla macerazione durante la quale per ottenere 3 litri di liquore, ad esempio, dovremo impiegare 1 litro di alcool per alimenti. Mettiamo le bacche all'interno di un recipiente ermetico nel quale versare, in seguito, l'alcol fino a ricoprire tutti i frutti; il tutto andrà chiuso e lasciato in "infusione" per un periodo di almeno 60 giorni. In questo lasso di tempo assicuriamoci che l'alcol mantenga sempre un livello di guardia e che non scenda mai al di sotto dei frutti; qualora dovesse verificarsi una circostanza simile provvediamo immediatamente al suo reintegro. Al termine della macerazione sarà necessario estrarre tutti i frutti dal recipiente e scolarli per separarli dalla soluzione alcolica.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Come preparare la crema di mirto

Molti di voi conosceranno il mirto, un liquore sardo a base di bacche di mirto, ma forse non tutti conoscono la crema di mirto. Si tratta di un liquore solitamente servito in accompagnamento a gelati, oppure come post dinner. Alla base della crema di...
Vino e Alcolici

Come preparare il mirto sardo

Il mirto sardo è sicuramente uno dei prodotti più conosciuti e più amati della Sardegna. In commercio ne esistono tanti, ma i veri estimatori lo preparano in casa. Ogni famiglia ha la sua tradizione, e ogni sardo vi assicurerà che il mirto preparato...
Vino e Alcolici

Come preparare un liquore di carrube

Oltre che per ricavare la farina, le carrube si possono impiegare anche per preparare un liquore. Il liquore di carrube è un ottimo digestivo ed è l'ideale per accompagnare un dessert di fine pasto. Se servito freddo, il liquore è anche un piacevole...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore allo zenzero

Lo zenzero è molto usato nella cucina italiana. Dai primi piatti ai dolci, offre un sapore aromatico molto simile a quello del limone. Un uso molto particolare dello zenzero è quello che lo vede protagonista in un liquore dal gusto forte e deciso, quello...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore alla panna e fragole

Per concludere un buon pranzo o una buona cena, generalmente si offre ai propri ospiti un buon liquore che aiuta la digestione delle pietanze appena consumate. Esistono moltissimi tipi di liquori e generalmente in questi casi preferiamo acquistarli già...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore alla mela

Ideale da gustare a fine pasto, come rinfrescante digestivo o anche prima del pasto come aperitivo ghiacciato, il liquore alla mela non è particolarmente difficile da preparare. Il gusto delicato ma non invadente della mela lo rende anche perfetto per...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore alla banana

Il liquore è un alcolico molto forte che spesso si usa per accompagnare i dolci dopo cena. Proprio per la sua caratteristica di essere fortemente alcolico non è sempre gradito da tutti.Esistono moltissimi gusti di liquori e moltissime gradazioni. Ad...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore al melograno

Il melograno è un frutto che si presta molto bene ad essere consumato fresco, sia per preparare deliziosi piatti a base di carne, ma anche per realizzare dei liquori molto buoni. Se siete interessati a volete preparare un buon liquore con le vostre mani,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.