Come preparare il liquore di pesche

tramite: O2O
Difficoltà: facile
Come preparare il liquore di pesche
17

Introduzione

Il liquore di pesche è un ottimo digestivo o drink da gustare dopo cena per rilassarsi o durante l'estate per rinfrescarsi. Preparato con le pesche mature, lo si può gustare ghiacciato da solo oppure accompagnato a un semifreddo o a un gelato. È facile capire come lo si può preparare. Il liquore di pesche va realizzato d'estate, quando abbiamo a disposizione il frutto in piena maturazione. Esistono tantissime varietà di pesche, ma quella che si presta maggiormente alla lavorazione è la pesca gialla, perché è la più succosa, dolce e con la buccia vellutata. Questo frutto, ricco di vitamine e sali minerali, è anche un ottimo antiossidante.

27

Occorrente

  • 1 kg di pesche gialle mature
  • 1 kg di zucchero
  • 1 lt di alcool a 90°
  • 1 stecca di cannella
37

Per prima cosa occorrono dei recipienti, per esempio dei vasi di vetro, con diametro ampio, che serviranno per far macerare il frutto, avendo cura di pulirlo bene prima. Sarà necessario lavare accuratamente le pesche sotto l'acqua corrente, assicurandosi che non rimangano tracce d'impurità sul frutto, perché le pesche non andranno sbucciate. Dopo aver lavato le pesche, si tagliano, una ad una, a metà, togliendo il nocciolo e facendo poi ulteriori pezzettini.

47

Si dovranno poi introdurre le pesche tagliate a pezzi, lo zucchero e l'alcool all' interno degli appositi contenitori. Occorre assicurarsi di immergere completamente le pesche nello zucchero e nel liquido alcolico. Si aggiunge poi una stecca di cannella tagliata in pezzettini più piccoli. La quantità di cannella presente nel composto potrà essere variata con cura e con calma, assaggiando e testando ogni volta anche l'odore del composto. Anche in base ai propri gusti.

Continua la lettura
57

Fatto questo, si chiudono i recipienti e si lasciano macerare per quaranta giorni circa. Di tanto in tanto, con una certa regolarità, è consigliabile scuotere e capovolgere il recipiente per evitare che lo zucchero si depositi troppo sul fondo e per farlo sciogliere meglio. Trascorso il tempo necessario per la macerazione, si apriranno i recipienti lasciando filtrare il liquido. Poi bisognerà rivestire un colino a maglie fitte con un panno di cotone e lasciare che il liquido passi attraverso le fibre e trattenga la polpa del frutto. Il liquore così ottenuto andrà travasato in bottiglie adatte per liquori e lasciato riposare lontano dalla luce per circa un paio di mesi. Dopo questo tempo, il liquore potrà essere messo in frigorifero e sarà pronto per essere gustato freddo, oppure servito a temperatura ambiente a seconda delle proprie preferenze. Come sempre, il consiglio, è quello di bere responsabilmente.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Scuotere regolarmente il recipiente per evitare addensamenti di zucchero
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Come preparare il liquore allo zenzero

Lo zenzero è molto usato nella cucina italiana. Dai primi piatti ai dolci, offre un sapore aromatico molto simile a quello del limone. Un uso molto particolare dello zenzero è quello che lo vede protagonista in un liquore dal gusto forte e deciso, quello...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore alla panna e fragole

Per concludere un buon pranzo o una buona cena, generalmente si offre ai propri ospiti un buon liquore che aiuta la digestione delle pietanze appena consumate. Esistono moltissimi tipi di liquori e generalmente in questi casi preferiamo acquistarli già...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore alla mela

Ideale da gustare a fine pasto, come rinfrescante digestivo o anche prima del pasto come aperitivo ghiacciato, il liquore alla mela non è particolarmente difficile da preparare. Il gusto delicato ma non invadente della mela lo rende anche perfetto per...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore di mirto

Il liquore di mirto è un tipico liquore della regione sarda, ottenuto a partire da una pianta arbustiva spontanea che ricopre gran parte del territorio naturale di questa regione: il mirto. Nei semplicissimi passi successivi di questa breve guida, in...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore alla banana

Il liquore è un alcolico molto forte che spesso si usa per accompagnare i dolci dopo cena. Proprio per la sua caratteristica di essere fortemente alcolico non è sempre gradito da tutti.Esistono moltissimi gusti di liquori e moltissime gradazioni. Ad...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore al melograno

Il melograno è un frutto che si presta molto bene ad essere consumato fresco, sia per preparare deliziosi piatti a base di carne, ma anche per realizzare dei liquori molto buoni. Se siete interessati a volete preparare un buon liquore con le vostre mani,...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore di more

Agli appassionati di liquori e grappe fatte in casa ecco l'ultimo ritrovato del gusto: il liquore di more. Forse non se ne è sentito parlare abbastanza negli ultimi tempi... Sarà perché è una novità, ma il suo gusto è sicuramente unico e prelibato....
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore di mirto bianco

La Sardegna è una regione che ha tanto da offrire, sotto ogni punto di vista: dai paesaggi incontaminati ai reperti archeologici, dall'ospitale folklore ad una enogastronomia ricca e variegata, non c'è persona al mondo che non possa amare un po' di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.