Come preparare il pane cafone napoletano

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Quella del pane cafone è una ricetta proveniente dal territorio napoletano. Esso vanta una lunga tradizione, tanto da essere stato inserito fra i prodotti agroalimentari tradizionali italiani. Questo speciale pane napoletano è realizzato con un perfetto mix di farine e una lunga lievitazione. La tradizione vuole che il pane venga fatto lievitare tutta la notte, ed essere infornato la mattina dopo. Si chiama pane cafone perché rappresentava l'alimento principale dei contadini che a quel tempo venivano indicati con questo termine. Vediamo insieme come preparare questa delizia per il palato.

27

Occorrente

  • primo impasto: 70 gr. di lievito madre, 80 gr. di farina 0, 50 ml di acqua.
  • secondo impasto: 90 gr. di farina 0, 50 ml di acqua.
  • ultimo impasto: 400 gr. di farina di semola rimacinata di grano duro, 450 gr. di farina 0; 550 ml di acqua; 25 gr. di sale.
37

Per la realizzazione del pane cafone è indispensabile utilizzare il lievito madre, che potete preparare voi stessi, oppure richiederlo in un panificio. Prendete la giusta proporzione di lievito madre e scioglietela nell'acqua. Aggiungete la farina 0 e impastate questi ingredienti fino ad ottenere un impasto compatto. Formate una palla e riponetela all'interno di una ciotola per farla lievitare all'incirca tre ore. Trascorso il tempo necessario riprendete nuovamente l'impasto e scioglietelo in acqua, aggiungendo dell'ulteriore farina 0. Ripetete l'operazione precedente: impastate il composto di farina, acqua e lievito madre fino ad ottenere una palla omogenea, riponetela nella ciotola infarinata e lasciate lievitare per altre tre ore.

47

Per facilitare la lievitazione potrete riporre l'impasto nel forno spento ma con la luce accesa. Trascorse le tre ore necessarie potrete procedere alla realizzazione del pane cafone napoletano. Versate successivamente il composto lievitato su una spianatoia infarinata e aggiungete metà dell'acqua, al fine di sciogliere l'impasto. Unite la farina di semola rimacinata e la farina 0, il sale disciolto nell'acqua restante e iniziate ad impastare con le mani, utilizzando più forza con i pugni.

Continua la lettura
57

Quando l'impasto risulterà abbastanza omogeneo e corposo, potete passare a piegarlo su se stesso più volte al fine di aiutare la lievitazione. Fatelo riposare venti minuti e ripetete l'operazione. Adesso potete dare al composto la forma che più preferite. Ad esempio dividerlo a metà e formare due filoni, o un'unica pagnotta. Il pane dovrà continuare la sua lievitazione per circa dieci ore, avvolto in canovacci. Quindi andrà infornato a duecentoquaranta gradi per venti minuti, trascorsi i quali dovrete abbassare la temperatura a duecento gradi e far continuare la cottura per altri venti minuti. Quando sarà ben cotto, sfornatelo e lasciatelo raffreddare prima di tagliarlo.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Il pane dovrà continuare la sua lievitazione per circa dieci ore, avvolto in canovacci.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pizze e Focacce

Come preparare il casatiello napoletano

Il casatiello è un rustico tipico della tradizione napoletana. Viene realizzato in grandi quantità soprattutto durante le festività pasquali in quanto ne rappresenta il significato. Gli ingredienti riflettono inoltre, i simboli della pasqua secondo...
Pizze e Focacce

Come preparare il pane carasau

Il pane carasau appartiene alla tradizione gastronomica sarda. Si compone di ingredienti poveri e facilmente reperibili. Il segreto per preparare l'autentica "carta da musica", sta nella lavorazione e nella cottura, elementi indispensabili per conferire...
Pizze e Focacce

Come preparare il pane alla zucca con mandorle

Il pane alla zucca con mandorle è molto semplice da preparare e può essere gustato in sostituzione del pane tradizionale oppure al mattino dopo averlo tostato e spalmato con confettura. Ha un gusto delicato tendente al dolce che si sposa alla perfezione...
Pizze e Focacce

Come preparare il pane di Kamut

In cucina, durante l'arco della giornata, vengono preparate molte ricette prelibate. Infatti partendo dalla mattina iniziamo a preparare la colazione. Quindi una buona tazza di latte accompagnato ai biscotti, o magari un caffè e una fetta biscottata...
Pizze e Focacce

Come preparare il pane pita integrale

Il pane pita è un tipo di pane tipico della cucina Egiziana. Esso si prepara con la farina di grano tenero, ed è di forma piatta e tonda. Il pane pita, anche noto "pane arabo", è molto morbido e grazie a tale sua caratteristica, si arrotola molto semplicemente....
Pizze e Focacce

Come preparare il pane con feta e olive

Tostato, morbido, imbottito, farcito o ripieno, il pane è sempre uno degli alimenti che accompagna la vita quotidiana di tutti in ogni momento. Il pane può essere gustato per accompagnare qualsiasi pietanza, per essere inzuppato in un sugo succulento...
Pizze e Focacce

Come preparare il pane indiano (Naan)

Oggi parleremo di come preparare il pane Naan, ovvero quel pane di tipo indiano, basso, che si può trovare nei ristoranti indiani o in posticini un po' etnici. A noi piace tantissimo e abbiamo pensato di mostrarvi la ricetta. Dopo aver dato una rapida...
Pizze e Focacce

Come preparare il pane alla zucca

Il pane è uno degli alimenti che maggiormente caratterizzano la dieta mediterranea. Spesso proposto in alternativa alla pasta, può essere preparato o accompagnato in svariati modi. Un abbinamento davvero originale è quello con la zucca. In questa guida...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.