Come preparare il panforte di Siena

tramite: O2O
Difficoltà: media
Come preparare il panforte di Siena
17

Introduzione

Il panforte, dolce tipico di Siena e della cucina toscana, affonda le radici delle sue origini agli inizi del XIII secolo: agli originali ingredienti (farina, acqua e miele), sarebbe stata aggiunta in seguito la frutta e questo avrebbe fatto ammuffire il dolce, rendendolo acido. Da quel momento, lo chiamarono panforte, in quanto, in latino, "fortis" vuol dire proprio acido. Per preparare questa specialità occorre un po’ di tempo ed un pizzico di pazienza, ma non è affatto complicato. In questa guida, potrete apprendere come preparare il panforte di Siena in casa.

27

Occorrente

  • 450 gr di mandorle non pelate
  • 150 gr di farina 00
  • 350 gr di zucchero
  • 120 gr di miele
  • Mezzo cucchiaino di noce moscata grattugiata
  • Mezzo cucchiaino di cannella in polvere
  • 350 gr di frutta candita mista
  • Zucchero a velo
  • 3 chiodi di garofano
  • 40 gr di cialde
  • 5 gr di semi di coriandolo
  • 10 gr di pepe nero macinato
37

Tagliare la frutta candita a cubetti

Per prima cosa, versate le mandorle in una padella antiaderente e mettetele sul fuoco a fiamma viva fino a che non inizieranno a colorirsi. Quando saranno ben tostate, versatele su un piano di lavoro e lasciatele raffreddare per bene. Nel frattempo, prendete la frutta candita e tagliatela a cubetti molto piccoli dopodiché, in un tegame non troppo grande, amalgamate il miele e lo zucchero semolato, mettetelo sul fuoco e scaldate il tutto a fiamma molto bassa. Mescolate continuamente con un cucchiaio di legno per non far attaccare il composto sul fondo. Non appena lo zucchero si sarà completamente sciolto, unite le mandorle tostate e la farina. Mescolate energicamente, poi unite le spezie macinate, i chiodi di garofano, i semi di coriandolo ed i canditi a pezzetti.

47

Cuocere il panforte

Mescolate fino a quando non otterrete un composto liscio ed omogeneo. Adesso, con una cialda, ricoprite accuratamente il fondo di uno stampo a cerniera e versatevi sopra l’impasto appena preparato, che dovrà avere uno spessore minimo di 2 centimetri. Livellatelo accuratamente con una spatola lunga oppure con la lama non seghettata di un coltello. Successivamente, preriscaldate il forno a 150°C e, non appena avrà raggiunto la temperatura indicata, infornate il panforte e cuocetelo per almeno 30 minuti, dopodiché sfornatelo e lasciatelo raffreddare completamente.

Continua la lettura
57

Servire il dolce

Prima di servire il panforte, toglietelo con delicatezza dallo stampo senza romperlo ed adagiatelo su un piatto da portata. A questo punto, spolverizzatelo con abbondante zucchero a velo e portatelo in tavola. Potete servirlo sia intero che tagliato a cubetti più o meno grandi, a seconda dei vostri gusti personali. Il panforte senese può essere preparato con largo anticipo e conservato per quattro mesi in un ambiente asciutto e fresco. È meglio chiuderlo in una scatola di latta piuttosto che avvolgerlo nella pellicola trasparente, poiché ha bisogno di aria per mantenere intatte tutte le sue proprietà organolettiche senza sviluppare muffe.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Il panforte può essere accompagnato con un bicchiere di vino dolce fermo liquoroso come il Vin Santo.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Frutta secca: 10 ricete per utilizzarla

Un ingrediente che si può utilizzare per poter realizzare qualsiasi tipo di ricetta è la frutta secca. Quest'ultimo è un alimento ricco di caratteristiche benefiche per l'organismo. Si tratta di frutta essiccata, attraverso un processo che la priva...
Consigli di Cucina

5 utilizzi del miele in cucina

Se siete abituati ad utilizzare il miele solo come dolcificante di infusi e tisane, allora possiamo dirvi che state veramente perdendo il meglio che questo prodotto può offrire. Non a caso, in passato ma talvolta ancora oggi, esso è soprannominato "il...
Dolci

Come preparare i ricciarelli di Siena

Ogni festività ha un dolce tipico che la rappresenta: la colomba per Pasqua, il pandoro o il panettone per Natale, le lenticchie per Capodanno e così via. Ogni regione, inoltre, sviluppa delle tradizioni particolari. È il caso di un dolce tipicamente...
Dolci

Come fare i biscotti calenzani

I biscotti calenzani, di tradizione toscana, con la sua natura di sapori schietti ed ingredienti genuini, sono dei dolcetti di pasta secca che, per esaltare il loro sapore, vanno inzuppati nel classico Vin Santo. Se nel caso voleste provarli con un'altra...
Consigli di Cucina

Week end nel Chianti: cosa fare

La Toscana è notoriamente una regione ricca di storia, arte e cultura, non a caso rappresenta una delle mete più ambite ed apprezzate dai turisti di tutto il mondo. La straordinarietà di questo luogo è decisamente legata alle attrattive monumentali...
Dolci

Ricetta: tiramisù al pistacchio

Il tiramisù è un dessert conosciuto praticamente ovunque e amato da grandi e piccini per la sua cremosità ed il suo gusto unico. Con tutta probabilità il dessert nacque in Italia, ma la ricetta assunse forme e varianti diverse a seconda delle tradizioni...
Primi Piatti

Ricetta: tagliatelle al ragù bianco di cinta senese

La grande varietà del patrimonio gastronomico italiano rende la nostra cucina tra le migliori al mondo. Siamo capaci di realizzare piatti per tutti i gusti, dalle ricette più semplici alle portate più elaborate. Molta di questa esperienza arriva dalle...
Primi Piatti

Come preparare i fusilli con nocciole tostate e montasio

I fusilli con nocciole tostate e Montasio rappresentano un piatto molto aromatico, in cui il profumo intenso delle nocciole si unisce ad un delizioso formaggio a pasta semidura tipico del Friuli e del Veneto. Si tratta di una ricetta originale ed assolutamente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.