Come preparare il pesto dietetico

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Il pesto è un sugo molto amato dagli amanti del buon cibo, ha un gusto intenso e saporito e non è difficile da fare. La preparazione classica lo rende un condimento calorico, soprattutto per la presenza di pinoli, parmigiano ed olio. Ne esistono però alcune varianti che lo trasformano in un alimento dietetico, adatto per persone che devono seguire una dieta ipocalorica. Se volete preparare un buon piatto di pasta al pesto, senza rinunciare al gusto, e cercando allo stesso tempo di diminuirne le calorie, seguite passo passo la ricetta, sia la vostra linea che il vostro palato ne saranno soddisfatti.

26

Occorrente

  • 30 gr di Parmigiano Reggiano, 20 gr di pecorino sardo, 1 spicchio di aglio, 100 gr di basilico, 10 gr di pinoli, 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva, qualche chicco di sale
36

Sbucciate uno spicchio d'aglio e mettetelo nel mortaio o nel frullatore. Lavate accuratamente il basilico e mettete le foglie nel mortaio, o se avete fretta, nel frullatore.
Quest'ultimo non è un grande amico del pesto, ed il motivo è semplice: gli oli essenziali del basilico sono custoditi nelle venature delle foglie, un pestello usato accuratamente (senza tranciare, ma pestando con movimento rotatorio) lascerà alle foglie il proprio odore facendo rilasciare la propria essenza, al contrario di ciò che accade utilizzando il frullatore.

46

Cominciate con il pestare aglio e basilico, senza eccedere, utilizzando un movimento rotatorio. Se avete scelto di usare il mortaio, come consigliabile, potete aggiungere un po' di sale grosso per facilitare l'operazione. Quando comincerete a vedere il basilico perdere la sua linfa verde, sarà il momento di aggiungere i pinoli, per rendere la salsa più compatta, omogenea e densa. Successivamente arriverà il momento del parmigiano e del pecorino sardo, continuando con il movimento ondulatorio del pestello, lasciate che anche i due formaggi si uniscano alla salsa. Aggiungete a filo il pochissimo olio consigliato nelle quantità della ricetta.

Continua la lettura
56

Il frullatore richiede l'utilizzo di molto olio, per questo avrete bisogno di un piccolo "trucco" per lasciare invariate le quantità di questa ricetta e fare un condimento ipocalorico. Prima di preparare il pesto, posizionate la pentola d'acqua sul fuoco, portate ad ebollizione e salate. Mettete nel frullatore aglio, basilico, pinoli, formaggi ed olio e cominciate a frullare a bassa velocità. Aggiungete infine piccole quantità di acqua calda salata preparata per la pasta, fino a raggiungere la cremosità desiderata. Il vostro pesto dietetico è pronto. Buon appetito!

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Preferire il mortaio al frullatore
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Come preparare il pesto di carote e mandorle

Un buon pesto a base di mandorle e carote può diventare un gustoso ed inusuale condimento per un buon primo piatto, insaporendo la pasta con il suo gusto delicato ma, al tempo stesso, squisito. Un pesto di carote e mandorle può trasformarsi anche in...
Primi Piatti

Come preparare il pesto di piselli

Il pesto di piselli è una variante sfiziosa del pesto al basilico. Preparare un piatto con il pesto di piselli significa portare in tavola bontà, leggerezza, salute e freschezza. Il procedimento è molto semplice. È un piatto che necessita la cottura...
Primi Piatti

Come preparare il pesto di ceci

Il pesto, è un condimento in grado di amalgamarsi benissimo ad ogni tipo di pasta sia corta che lunga. Cremoso, morbido, genuino e delizioso, il pesto riesce a creare un sapore davvero unico ad una semplice pasta corta o lunga o anche a delle sfiziose...
Primi Piatti

Come preparare il pesto alla calabrese

Da che mondo è mondo è noto che il pesto è una ricetta tipica genovese, ma non tutti sanno che possono esistere delle varianti in base all'arte culinaria di svariate regioni; infatti, per esempio troviamo anche il pesto calabrese molto facile da preparare....
Primi Piatti

Come preparare le tre paste al pesto

Uno dei condimenti più facili da preparare è il pesto. Questo è un condimento, che si può abbinare con tanti formati di pasta e fare in mille modi. Esistono le ricette tradizionali che contengono degli ingredienti precisi. Ma, che si possono fare...
Primi Piatti

Come preparare il pesto di mandorle

Un primo piatto veloce da realizzare ma che soddisfa sicuramente il palato è la pasta al pesto. Non esiste però solo il classico pesto alla genovese. L'arte culinaria italiana infatti offre molte varietà di pesto, come quello alle mandorle che è una...
Primi Piatti

Come preparare il pesto di salvia

Il pesto è uno dei condimenti più amati dagli italiani, ma non solo, pure il resto del mondo gradisce molto questa nostra invenzione. Il classico, quello legato alla nostra tradizione culinaria, è sicuramente il pesto alla genovese, ma nel tempo si...
Primi Piatti

Come preparare la pasta col pesto alla trapanese

Il pesto è uno dei condimenti più famosi fra i piatti tipici italiani. Il pesto più conosciuto è sicuramente quello genovese, realizzato con basilico, pinoli, parmigiano, pecorino e aglio, dal tipico colore verde acceso. Tuttavia esistono moltissimi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.