Come preparare il platano fritto

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il Platano è un frutto tropicale, parte della famiglia delle banane e ingrediente tipico della cucina Brasiliana. Nel Sud America e in Venezuela viene consumato giornalmente e si cucina in decine di modi differenti. È commestibile in ogni fase della sua maturazione. Quando la buccia del platano è di color verde o giallo, non può essere consumato crudo e deve essere cucinato. Quando raggiunge il color nero è possibile nutrirsene appena colto. Grazie all'alto contenuto di amido, è un alimento altamente nutriente. Contiene un'alta fonte di potassio e vitamine A-C. È ricco di fibre e non contiene colesterolo. In questa guida vi sarà spiegato chiaramente come preparare il platano fritto, un modo gustoso e sfizioso per inserirlo nella dieta.

26

Occorrente

  • Platano
  • olio di semi di girasole
36

Rimuovete la buccia

Il platano ha l'aspetto di una banana ma il sapore e la consistenza sono decisamente differenti. Quando la buccia è verde il sapore è neutro, mentre con quella gialla è più simile alla banana. Il primo passo consiste nello sbucciare il frutto. Bisogna incidere la buccia servendovi di un coltello e toglietela proprio come se fosse una normale banana. L'esterno del platano è più coriaceo perciò eliminarlo sarà più difficile. Una volta completato il procedimento ed estratta la buccia, bisogna tagliare il platano per la frittura. Potete decidere per fettine di qualche millimetro e in questo modo verranno leggere e croccanti come delle normali patatine fritte. Potete inoltre optare per pezzi di qualche centimetro, da gustare con la forchetta o a morsi.

46

Scaldate la padella

A questo punto scaldate l'olio di semi (o strutto se preferite) in una padella abbastanza larga. Una volta caldo, mettete le fette di platano in un singolo strato. Per le fette sottili basteranno trenta secondi prima di girarle, per quelle più grandi occorrerà un minuto. Una volta girate e rosolate per bene, abbassate la fiamma al minimo e cuocete per cinque minuti. Circa due per lato, girando di tanto in tanto. In questo modo risulteranno croccanti e dorati. I succhi naturali del frutto favoriranno la caramellazione sulla superficie.

Continua la lettura
56

Asciugate il platano dall'olio

Una volta pronti, scolateli dall'olio e asciugate le fette di platano con della carta assorbente. Potete schiacciare il frutto con l'aiuto di un pesta carne e passarlo nuovamente nell'olio. In questo modo sembreranno esattamente delle patatine fritte. Una volta completato il processo, si possono servire con una spolverata di sale grosso o con un dolce a piacere. Il platano fritto si mangia come antipasto o alla fine della cena, accompagnato dal gelato. Buon appetito.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Una volta completato il processo, si possono servire con una spolverata di sale grosso o con un dolce a piacere.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucina Etnica

Ricetta: riso fritto con ananas e anacardi

Se siete stanchi delle solite ricette e desiderate provare un piatto inconsueto, la pietanza che vi proponiamo oggi potrebbe fare al caso vostro. In questa guida, vi spiegheremo infatti come preparare il riso fritto con ananas e anacardi, un piatto tipico...
Cucina Etnica

Ricette tipiche venezuelane

La cucina venezuelana è caratterizzata da una grande varietà e quantità di alimenti. Per questo motivo trova molti punti di contatto con altri tipi di cucina sudamericana, poiché in molti altri Paesi di tale continente i piatti sono assai variegati....
Cucina Etnica

Come preparare le uova nel pane

Le uova sono un alimento molto gustoso, oltre che nutriente e proteico, ideali per iniziare la giornata. Infatti, esse sono utilizzate (soprattutto all'estero ed in particolare nei paesi anglosassoni) come piatto centrale di ogni colazione. Proprio per...
Cucina Etnica

Come preparare le seppie in tempura al pepe

Il pesce come tutti sanno, è un ingrediente dalle grandi proprietà, dal sapore piacevole e dal gusto raffinato, soprattutto se viene preparato nella maniera giusta. Esistono molte ricette che prevedono la cottura del pesce in olio bollente, che regalano...
Cucina Etnica

Come preparare gli involtini primavera di carne

Gli involtini primavera sono un caposaldo della cucina cinese, come il pollo alle mandorle o il gelato fritto. Tradizionalmente, vengono serviti per il capodanno cinese, in primavera. Ne esistono diverse varianti, con carne o verdure fresche di stagione....
Cucina Etnica

Come preparare tre salse greche con pane pita

La pita è un pane dalla forma rotonda tipico della cucina greca e mediorientale. Nell'ambito culinario ellenico, la pita viene usata soprattutto per accompagnare saporite salse a base di verdure fresche ed erbe aromatiche. Nella sua semplicità, questo...
Cucina Etnica

Come preparare i falafel

Il falafel è un piatto tipico della tradizione mediorientale; sfizioso e nutriente è un alimento caratterizzato da prodotti di prima qualità e che andrà ad arricchire il vostro menù casalingo. Se volete stupire i vostri ospiti con qualche pietanza...
Cucina Etnica

La cucina tradizionale dell'Ecuador

La cucina tradizionale dell'Ecuador è abbastanza varia, nonostante sia un piccolo Paese, e cambia di zona in zona. L'Ecuador è una Repubblica del Sud America che comprende diverse tipologie geologiche e climatiche ognuna delle quali ha tradizioni culinarie...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.