Come preparare il ponce alla livornese

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Per chi volesse conoscere un po' di storia sul ponce alla livornese, è bene sapere, che questo rinomato digestivo è una bevanda alcolica che nacque attorno al 1700. La leggenda narra che la nascita del ponce avvenne a causa dall'accidentale rottura di alcuni barili di rhum su alcune balle trasportanti chicchi di caffè. Tale incidente fece in modo che quel carico di caffè fu venduto ad un prezzo ribassato e così anche i portuali poterono acquistarlo e scoprire il gusto fantastico che il rhum attribuiva al caffè. Chiaramente il successo di tale bevanda fu quasi immediato, pronto da servire nelle taverne e nelle locande di un tempo come bevanda riscaldante, ma anche oggi è molto apprezzato nei locali e nei bar, oltre a serate in casa in compagnia di amici e parenti. L'ideale sarebbe quindi preparare il ponce alla livornese direttamente a casa propria e quindi vediamo come fare.

27

Occorrente

  • Zucchero, caffè, rhum, limone, mastice o cannella.
37

Il ponce date le sue origini ha comunque diverse rivisitazioni dovute alle varie modalità che si trasmettono da un paese all'altro. Ebbene nella guida verrà eseguita la ricetta originaria proprio quella riconosciuta dal marchio doc livornese. Per la sua preparazione occorrono pochi ingredienti ed inoltre una macchina da caffè espresso e dei bicchierini da whisky dal fondo largo che prendono il nome di gottini, che sono utili come unità di misura. Prendere come riferimento di misura i vari cerchi intagliati nel bicchiere.

47


Iniziamo la preparazione dal caffè che non deve essere eseguito nelle modalità classica: nella macchina da caffè espresso riscaldare la mistura con il vapore ed una volta calda aggiungere il caffè. Durante la produzione del caffè prendere un bicchiere ed aggiungete due cucchiaini di zucchero ed il rhum sino a raggiungere il livello di metà tazzina. Al termine unire il liquido al caffè e mescolare adeguamente: in questi modo si sarà ottenuto il ponce livornese, una bevanda ideale da servire in qualunque occasione.

Continua la lettura
57

Il ponce va bevuto necessariamente caldo, solitamente dopo i pasti e nella tradizione pare che abbia il merito di riscaldare dal freddo invernale. Ideale quindi da presentare dopo cene con amici come bevanda. Come già accennato vi sono anche un paio di varianti, legate principalmente al tipo di liquore da utilizzare. Al posto del solo rhum infatti può essere utilizzato un mix di rhum e cognac o di rhum e sassolino. Tali varianti sono da sempre state nominate "ponce nero", come bevanda non originaria rispetto all'originale.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Come preparare un liquore di carrube

Oltre che per ricavare la farina, le carrube si possono impiegare anche per preparare un liquore. Il liquore di carrube è un ottimo digestivo ed è l'ideale per accompagnare un dessert di fine pasto. Se servito freddo, il liquore è anche un piacevole...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore alla panna e fragole

Per concludere un buon pranzo o una buona cena, generalmente si offre ai propri ospiti un buon liquore che aiuta la digestione delle pietanze appena consumate. Esistono moltissimi tipi di liquori e generalmente in questi casi preferiamo acquistarli già...
Vino e Alcolici

Come preparare il cocktail Mint Julep

Il Mint Julep è un cocktail molto semplice e veloce da preparare, traducibile in Italiano come "giulebbo alla menta", sebbene ben poco conosciuto con tale nome. Si tratta di una bevanda molto dolce e fresca dal delicato aroma di menta e il forte impatto...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore al miele

Preparare i liquori in casa ha il beneficio di avere un prodotto di qualità, fatto con ingredienti di cui si conosce l'origine, oltre ad avere il grande vantaggio di poterseli fare soddisfacendo al meglio i propri gusti ed il proprio palato. Leggendo...
Vino e Alcolici

Come preparare il tè alla cannella

La cannella è una spezia famosa ed utilizzata in tutto il mondo in una miriade di ricette, dagli antipasti fino al dolce. Essa è conosciuta per il suo profumo unico, ma pochi sanno che è capace di abbassare, in modo naturale, la glicemia (ovvero i...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore di mirto

Il liquore di mirto è un tipico liquore della regione sarda, ottenuto a partire da una pianta arbustiva spontanea che ricopre gran parte del territorio naturale di questa regione: il mirto. Nei semplicissimi passi successivi di questa breve guida, in...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore alla liquirizia

La liquirizia è una pianta perenne, le cui proprietà digestive, diuretiche, antinfiammatorie, espettoranti e protettivi della mucosa gastrica sono conosciute fin dall'antichità. La virtù che ha maggiormente contribuito alla sua diffusione è rappresentata...
Vino e Alcolici

Come preparare un Gin Tonic

Quando arriva la stagione estiva non c'è niente di meglio che godersi un delizioso cocktail in compagnia per rinfrescarsi dal caldo afoso. Ne esistono al giorno d'oggi tantissimi tipi, ognuno dei quali ha il proprio sapore e i propri specifici ingredienti....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.