Come preparare il sidro di mele

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il sidro è una bevanda alcolica, il cui grado è tra il 2 e il 7%, che viene ottenuto dalla fermentazione alcolico della frutta. La sua origine risale al Medioevo, nella zona della Francia e della Normandia, ma la sua invenzione è antecedente; infatti, si hanno documentazioni archeologiche che collocano questa prelibatezza nella Spagna del III millennio a. C. Bevanda conosciuta in tutto il mondo e molto diffusa in Gran Bretagna, in Italia non è molto popolare tanto che è possibile trovarla nei pub in stile anglosassone. Per quanto riguarda la produzione di sidro, il 95% di essa è fatta con le mele e in questa breve guida vi spiegherò come preparare il sidro di mele, in modo semplice, in casa.

27

Occorrente

  • Setaccio a maglia fine
37

Acquistare gli ingredienti

La prima cosa da fare è acquistare gli ingredienti che occorrono per la preparazione. A tal proposito, vi serviranno 1 arancia, 10 mele di grandezza media, 3 stecche di cannella (o 1 cucchiaio di cannella in polvere) e 2 cucchiaini di chiodi di garofano. A scelta potete aggiungere 1/2 tazza di zucchero (100 gr circa) - se lo preferite dolce e 2 cucchiai di zucchero - se lo preferite più amaro e piccante.

47

Procedere alla preparazione

Dopo aver lavato e tagliato a spicchi le mele (ricordate di togliere il torsolo), posizionatele all'interno di una pentola con l'arancia sbucciata, le stecche (o la polvere) di cannella, i chiodi di garofano e lo zucchero. Aggiungete abbastanza acqua da coprire gli ingredienti e cucinate a fuoco basso per 6-7 ore o, in alternativa, a fuoco vivo per 3 ore. Trascorse le ore di cottura, vi accorgerete che i frutti saranno molto morbidi. A questo punto procedete, aiutandovi con un cucchiaio, a schiacciare la frutta in modo che essa possa rilasciare i suoi liquidi. Lasciate che il sidro cuocia, a fuoco basso, per un'altra ora. Trascorsa anche l'ultima ora di cottura, potete procedere col passare al setaccio il vostro composto. Passatelo più volte in modo da allontanare tutti i solidi presenti.

Continua la lettura
57

Servire e conservare

Il sidro di mele può essere servito caldo o, se riposto in frigo, riscaldato prima di essere assunto. Può inoltre essere bevuto anche freddo. Si conserva bene in frigo per un massimo di 5-7 giorni, tuttavia può essere congelato fino ai 3 mesi. Per scongelarlo, riporlo in frigorifero. Oltre ad essere buono, il sidro di mele permette il riequilibrio del ph dell'organismo e favorisce l'espulsione delle scorie responsabile della ritenzione. Ottimo sgonfiante, aiuta a mantenere sodi i tessuti. L'acido malico, responsabile della nota acidula, impedisce l'accumulo di acido urico e previene edemi, ritenzione idrica e cellulite.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Come preparare il vino di mele

Il vino di mele, meglio conosciuto come sidro, è una bevanda lievemente alcolica che affonda le proprie origini in tempi lontani. Nettare dolce e frizzantino tanto amato dalle popolazioni del Nord Europa, come i Bretoni e i Normanni, il vino di mele...
Vino e Alcolici

Come fare il sidro di pere

Il sidro o vino di pere è una bevanda alcolica molto antica, diffusa soprattutto nel Medioevo, in particolare, nei paesi della Normandia, dei Paesi Baschi della Germania, della Gran Bretagna, del Regno Unito e dell' Austria. Le origini di questa bevanda...
Vino e Alcolici

Come fare la birra di mele

Chi è appassionato di birra avrà sicuramente sentito parlare della birra di mele. Si tratta di una tipologia di birra piuttosto particolare, estremamente apprezzata per il profumo intenso e il gusto delicato. Nella seguente guida pertanto verrà spiegato,...
Vino e Alcolici

Come fare l'aceto di mele

L'aceto di mele è largamente usato nelle preparazioni culinarie. Fino a pochi decenni fa l'aceto di mele era conosciuto per la preparazione del sushi o per condire delle verdure in agrodolce ma adesso è impiegato con maggiore frequenza nelle cucine...
Vino e Alcolici

Come preparare un punch alcolico

Dopo un buon pasto, solitamente si va concludere con un ottimo drink che funga da digestivo. A tal proposito, esistono gustosi amari, o anche liquori alle erbe. Tra i digestivi figura anche il punch, un cocktail tipico dei paesi anglosasson che in italia...
Vino e Alcolici

Preparare la sangria di vino bianco

Le origini della sangria, bevanda caratteristica della penisola iberica, sono molto semplici: essa veniva preparata con del vino, spesso non di altissima qualità, nel quale veniva aggiunta della frutta per rafforzare la gradazione alcolica. Si tratta...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore alla mela

Ideale da gustare a fine pasto, come rinfrescante digestivo o anche prima del pasto come aperitivo ghiacciato, il liquore alla mela non è particolarmente difficile da preparare. Il gusto delicato ma non invadente della mela lo rende anche perfetto per...
Vino e Alcolici

Come preparare un Blu Margarita

Siete amanti dei cocktail fai da te? Non potete fare a meno di queste bevande alcoliche nel vostro dopocena? Allora prestate attenzione alla seguente guida, in cui vi diremo come preparare un Blu Margarita in un modo tanto semplice quanto quanto veloce:...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.