Come preparare il sidro di pere

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il sidro è una bevanda antica (risalente all'epoca del medioevo) a base di frutta spesso confusa con l'idromele, bevanda simile ma il cui ingrediente primario è il miele. Entrambe le bevande vengono prodotte utilizzando un processo (molto lungo) di fermentazione e stagionatura. Il sidro è molto popolare già da alcuni anni in Spagna, Francia, America, Canada, Austria ed infine Inghilterra (ove la sua produzione e consumazione è aumentata esponenzialmente), mentre in Italia solo negli ultimi anni ha iniziato a prendere piede nel settore della ristorazione (grazie alla sua capacità di abbinarsi a piatti molto particolari). Solitamente questa bevanda viene preparata con il succo delle mele, ma in questa pratica e semplicissima guida vi descriverò come preparare il sidro di pere.

25

Le proprietà

Le pere si distinguono per colore, grandezza e gusto. In Italia sono diffuse molte qualità, ma per la preparazione del sidro sicuramente la migliore è l'Abate caratterizzata dal collo allungato, dal colore della buccia giallo con puntini neri, dal sapore fruttato e molto aromatico. Le pere in generale (di qualsiasi qualità si tratti) sono ricche di: acqua, minerali, vitamine, carboidrati, proteine, zuccheri, potassio, magnesio, ecc.. Sono ricche di fibre, altamente digeribili (ottime per bambini, anziani e donne in gravidanza), aiutano contro la stitichezza e sono molto utili contro il colesterolo.

35

Il procedimento

Esistono svariati metodi per preparare il sidro di pere, il metodo classico è basato sulla fermentazione naturale della frutta (utilizzando una centrifuga si ricava il succo delle pera) o potete acquistare del succo di pere (senza zuccheri aggiunti) preconfezionato. Procuratevi una damigiana per fermentazione da 5 litri, inserite 4 litri di succo, una pasticca di acido ascorbico (in alternativa il succo di 2/3 limoni) ed un panetto di lievito di birra (precedentemente disciolto in una tazzina di acqua calda). Richiudete la damigiana applicando il tappo colmatore (gorgogliatore) e conservate il tutto in un luogo asciutto ad una temperatura di circa 20°gradi per 15 giorni (ricordate di scuotere con delicatezza una volta al giorno la damigiana per rimescolarne il contenuto).

Continua la lettura
45

Gli abbinamenti

Otterrete così una sana bevanda: dolce, leggermente frizzante, con un basso contenuto alcolico, dal profumo fruttato e abbastanza economica. Da poter abbinare in un aperitivo a vari formaggi, inoltre se degustato freddo, è ottimo l'abbinamento con i dolci (crostate o torte alla frutta) e frutta secca (noci castagne, ecc..), mentre riscaldato con: fette d'arancio e cannella, può essere degustato in versione brulé.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Come preparare il sidro di mele

Il sidro è una bevanda alcolica, il cui grado è tra il 2 e il 7%, che viene ottenuto dalla fermentazione alcolico della frutta. La sua origine risale al Medioevo, nella zona della Francia e della Normandia, ma la sua invenzione è antecedente; infatti,...
Vino e Alcolici

Come preparare un distillato di pere

Normalmente, quando sentiamo parlare di distillati, pensiamo subito a liquori come il whiskey o il brandy, ma è possibile ottenere un ottimo distillati anche con l'utilizzo della frutta. Se siamo dunque alla ricerca di un'idea unica, originale e allo...
Vino e Alcolici

Come preparare il vino di mele

Il vino di mele, meglio conosciuto come sidro, è una bevanda lievemente alcolica che affonda le proprie origini in tempi lontani. Nettare dolce e frizzantino tanto amato dalle popolazioni del Nord Europa, come i Bretoni e i Normanni, il vino di mele...
Vino e Alcolici

Come fare la birra di mele

Chi è appassionato di birra avrà sicuramente sentito parlare della birra di mele. Si tratta di una tipologia di birra piuttosto particolare, estremamente apprezzata per il profumo intenso e il gusto delicato. Nella seguente guida pertanto verrà spiegato,...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore alla mela

Ideale da gustare a fine pasto, come rinfrescante digestivo o anche prima del pasto come aperitivo ghiacciato, il liquore alla mela non è particolarmente difficile da preparare. Il gusto delicato ma non invadente della mela lo rende anche perfetto per...
Vino e Alcolici

Come preparare un liquore di carrube

Le carrube, tipiche del mediterraneo, sono dei baccelli scuri simili ai fagiolini che si ottengono dall'albero di carruba. Al loro interno contengono dei semini che vengono principalmente impiegati per produrre farina ma, non tutti sanno che, possono...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore al melograno

Il melograno è un frutto che si presta molto bene ad essere consumato fresco, sia per preparare deliziosi piatti a base di carne, ma anche per realizzare dei liquori molto buoni. Se siete interessati a volete preparare un buon liquore con le vostre mani,...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore alla panna e fragole

Per concludere un buon pranzo o una buona cena, generalmente si offre ai propri ospiti un buon liquore che aiuta la digestione delle pietanze appena consumate. Esistono moltissimi tipi di liquori e generalmente in questi casi preferiamo acquistarli già...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.