Come preparare il tè alla cannella

tramite: O2O
Difficoltà: facile
Come preparare il tè alla cannella
15

Introduzione

La cannella è una spezia famosa ed utilizzata in tutto il mondo in una miriade di ricette, dagli antipasti fino al dolce. Essa è conosciuta per il suo profumo unico, ma pochi sanno che è capace di abbassare, in modo naturale, la glicemia (ovvero i livelli di glucosio) e la colesterolemia (ovvero i livello di colesterolo) nel sangue. In questa guida, in particolare, vi mostrerò come preparare in poche semplici mosse il tè alla cannella, un tè insolito e profumatissimo, da gustare in qualsiasi momento della giornata, come piacere ed anche come piccolo aiuto per la propria salute.

25

Preparare l'acqua per il tè

Innanzitutto per preparare un buon tè alla cannella come prima cosa, preparate l'acqua del tè. Ricordate come buona abitudine per qualsiasi tipo di tè di utilizzare acqua fresca; l'ideale sarebbe acqua minerale. Riempite il vostro bollitore in eccesso e scaldate l'acqua avendo cura di non farla bollire, poiché durante l'ebollizione si perde ossigeno necessario alla preparazione di un buon tè. A seconda del tè si decide l'ordine con cui si aggiungono gli ingredienti. Essendo la bacca della cannella dura e robusta, si aggiunge prima la bacca, successivamente le foglie di tè ed infine l'acqua. L'ordine di questi passaggi influisce notevolmente sul sapore finale del vostro tè. Successivamente coprite.

35

Tempo di infusione

Il tempo di infusione per ottenere un ottimo tè alla cannella dovrà essere di circa due o tre minuti. Durante il primo minuto infatti la bacca trasferirà quasi tutto il sapore all’ acqua, mentre a partire dai due minuti le foglie cominceranno a liberare tannini, che conferiranno un sapore leggermente aspro. Ricordate di scegliere le foglie del tè bianco, molto delicato, che in realtà sono foglie ancora chiuse, disidratate e naturali, non sottoposte quindi ad alcun tipo di fermentazione o ossidazione. Evitate di eccedere con i quantitativi di zucchero, poiché esso tende a cambiare notevolmente le proprietà e il sapore del tè. Quindi, se potete, cercate di gustarlo in modo naturale.

Continua la lettura
45

Consigli per gustare al meglio il tè alla cannella

Come consigli per gustare al meglio il vostro tè ricordate di versare un po’ di acqua calda nella teiera per sciacquarla ed anche nelle tazze. In questo modo eviterete la perdita di calore tra tazza fredda e tè caldo. In alcuni supermercati è reperibile della cannella in polvere ma è molto meglio utilizzare la bacca, perché è più naturale. La polvere spesso contiene anche altre sostanze chimiche e non è detto che sia tutta cannella al 100%. Ricordate di assaggiare questo tè anche freddo, vi sorprenderà.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Come preparare il vino speziato medievale

Il vino è sin dai tempi antichi, una delle bevande più amate ed apprezzate per accompagnare i pasti e non solo. Anticamente e specialmente nel medioevo, il vino veniva preparato in maniera leggermente differente rispetto al vino odierno. Venivano infatti...
Vino e Alcolici

Come preparare il Grog

Che cosa fare quando si sente molto freddo e non ci si riesce a scaldare? La soluzione è un bel grog caldo.Il Grog, per chi non lo conoscesse, è uno di quei cocktail così antichi che ha ormai innumerevoli varianti, tante che è quasi impossibile risalire...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore alla mela

Ideale da gustare a fine pasto, come rinfrescante digestivo o anche prima del pasto come aperitivo ghiacciato, il liquore alla mela non è particolarmente difficile da preparare. Il gusto delicato ma non invadente della mela lo rende anche perfetto per...
Vino e Alcolici

Preparare la sangria di vino bianco

Le origini della sangria, bevanda caratteristica della penisola iberica, sono molto semplici: essa veniva preparata con del vino, spesso non di altissima qualità, nel quale veniva aggiunta della frutta per rafforzare la gradazione alcolica. Si tratta...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore di mandorle

Per gli amanti dei liquori fatti in casa, o comunque per tutti quelli vogliono stupire i propri ospiti servendogli una deliziosa bevanda, non può mai mancare il liquore di mandorle. Provvedete voi stessi alla raccolta delle mandorle, anche se non vi...
Vino e Alcolici

Come preparare un punch alcolico

Dopo un buon pasto, solitamente si va concludere con un ottimo drink che funga da digestivo. A tal proposito, esistono gustosi amari, o anche liquori alle erbe. Tra i digestivi figura anche il punch, un cocktail tipico dei paesi anglosasson che in italia...
Vino e Alcolici

Come preparare il sidro di mele

Il sidro è una bevanda alcolica, il cui grado è tra il 2 e il 7%, che viene ottenuto dalla fermentazione alcolico della frutta. La sua origine risale al Medioevo, nella zona della Francia e della Normandia, ma la sua invenzione è antecedente; infatti,...
Vino e Alcolici

Come preparare il liquore di pesche

Il liquore di pesche è un ottimo digestivo o drink da gustare dopo cena per rilassarsi o durante l'estate per rinfrescarsi. Preparato con le pesche mature, lo si può gustare ghiacciato da solo oppure accompagnato a un semifreddo o a un gelato. È facile...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.