Come preparare il tè arabo

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Come preparare il tè arabo

Abbiamo bisogno di bere sia in estate che in inverno, affinché possiamo idratare il nostro corpo eliminando nel contempo le tossine. Nei periodi freddi si preferisce una bevanda calda, mentre in estate ci si volge assetati verso le bibite fresche. Il tè, benefico e dissetante, è una gradevole soluzione per ogni momento. Quello arabo poi porta in modo particolare un tocco di novità. Come si può preparare?

27

Occorrente

  • Acqua;
  • chicchi di menta;
  • foglie di menta.
  • tè verde in foglie.
37

Il tè arabo non appartiene alla nostra cultura, ma si beve volentieri, che sia caldo o freddo. È una bevanda estremamente dolce e va usata dunque con parsimonia da parte di chi presenta problemi di intolleranza al glucosio o fruttosio, oppure se sta seguendo una dieta. Coloro che prdiligono il gusto amaro, possono, una volta preparato, diluirlo con dell'acqua. I primi consumatori di tè alla menta sono stati i beduini, che cercavano un po' ristoro dal caldo insopportabile, ma in seguito è diventata anche una tradizione marocchina. Per fare un vero tè arabo ci vogliono dei chicchi di menta. Di solito non si trovano facilmente nei nostri mercati, ma possiamo però reperirli nei negozi arabi.

47

Dopo averli risciacquati bene, ponete i chicchi di menta in un bricco per tè, preferibilmente in porcellana, dove avrete aggiunto acqua in precedenza, per pulirli ancor meglio. Lavate le foglie di menta a parte e poi aggiungetele. Unite qualche cucchiaio di tè verde. Mettete ora sul fuoco, portando ad ebollizione e lasciando bollire per circa cinque minuti, proprio come se preparassimo un normale tè.

Continua la lettura
57

Spegnete il fuoco e filtrate, servendo il tè arabo in tazze o bicchieri piccoli, esattamente come sono soliti fare i marocchini. Ognuno lo zucchererà a piacere, ma senza esagerare, a causa della già naturale dolcezza della bevanda. Ottimo da prendere in compagnia, si accompagna con dolci tipici arabi o con il pane non lievitato. La frutta secca si sposa bene con il tè arabo, oltre a fornire un ottimo spuntino.

67

In certi stati, come in Tunisia, sono anche soliti aggiungervi una pianta tipica del luogo, chiamata ?attarshìa?, molto simile al nostro geranio profumato. Per servirlo a dovere, bisognerebbe inoltre versarlo dall'alto nei bicchieri o nelle tazzine, in modo da ossigenarlo. Naturalmente, il tè arabo si può prendere anche dopo pranzo, come alternativa al caffè: è infatti un ottimo digestivo dalle proprietà depurative, aiutando l'organismo insieme a depurarsi e a metabolizzare meglio il cibo ingerito. Se viene consumato lontano dai pasti, il suo potere rinfrescante è davvero molto forte .

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Analcolici

Come preparare l'acqua di avena

L'avena sativa è una pianta annuale della famiglia delle Graminacee. Da essa si ricava una bevanda dalle molteplici proprietà: l'acqua di avena. Ottimo ricostituente, ricchissima di fibre e sostanze proteiche, questa bevanda è semplice da preparare...
Analcolici

Come preparare il latte di avena

Negli ultimi anni, con l'affermarsi e la diffusione di moltissimi tipi di alimentazione, dalla vegetariana, alla vegana e così via, sono entrati a gamba tesa, nell'elenco degli alimenti più consumati, molte alternative al classico e tradizionale latte...
Analcolici

Come preparare un aperitivo alla pesca

In quest' articolo andremo a parlare di drink. Nello specifico andremo a vedere come preparare un gustoso aperitivo alla pesca. Con questa guida impareremo a preparare un delizioso aperitivo alla pesca, sia in versione alcolica che analcolica, per soddisfare...
Analcolici

Come preparare un cool passion

La parola cocktail è di origine inglese e significa coda di gallo. Ma, non si conosce ben l'attinenza di questo termine. L'unica associazione si può fare ai colori. Infatti, come vengono mescolati tra loro le piume multicolori della coda del gallo,...
Analcolici

Come preparare una tisana al basilico

Al giorno d'oggi le tisane rappresentano sicuramente una delle bevande maggiormente salutari, motivo per cui sono molto diffuse ed apprezzate. Esse, infatti, aiutano a depurare l'organismo, ad eliminare i liquidi in eccesso e le tossine. Ma oltre a tutto...
Analcolici

Come preparare il chai indiano

Il chai indiano, è un tè aromatizzato con varie spezie e addolcito con latte e zucchero. La miscela di spezie utilizzata, viene chiamata masala. Questo infuso viene preparato in tutta l'India, tanto da poter essere considerato come la bevanda nazionale...
Analcolici

Come preparare un cocktail all'ananas

Se avete organizzato una festa oppure un rinfresco a casa è probabile che abbiate voglia di divertirvi un po’ all'angolo bar preparando deliziosi cocktail. Non preoccupatevi se non siete troppo esperti nelle preparazioni, le ricette di questa guida...
Analcolici

Come preparare il cocktail aperitivo Bicicletta

Il cocktail aperitivo Bicicletta è famoso ovunque in Italia, ma anche in altri paesi. Dicono che chi lo beveva, non riusciva più a tornare a casa sulla propria bicicletta. Il fatto era dovuto forse dalla sua bontà, in quanto molto fresco e gradevole....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.