Come preparare il vino cotto di fichi

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

I fichi sono i frutti della pianta del fico, un albero molto amato fin dai tempi antichi soprattutto dai greci e dai romani. In realtà i fichi contengono un alto contenuto di zuccheri, proteine, lipidi, fosforo, calcio, oligo-elementi e vitamina A, B e C per cui vengono utilizzati nella composizione di alcuni medicinali, in particolare come sedativo per la tosse. I semi dei fichi hanno un forte potere lassativo. In cucina vengono usati per ricette molto golose prevalentemente dolci: marmellata, canditi, sciroppo o sotto spirito. Il vin cotto di fichi, originario della Puglia, è usato come glassa per arrosti, bollito, carne alla brace, pesce al forno, ecc. Si tratta di una ricetta facile ma con lunghi tempi di cottura. Vediamo come preparare il vino cotto di fichi.

26

Occorrente

  • 20 kg di fichi maturi e sani
  • acqua quanto basta
  • pentola antiaderente
  • cucchiaio di legno
  • bottiglie
36

Il lungo tempo di cottura

Il lungo tempo di cottura ridurrà il composto in una poltiglia: calcolate che il prodotto si dimezza.
Il prossimo passaggio previsto indica come passare il composto, ancora bollente, attraverso un colino o preferibilmente in un canovaccio di tela a trama fitta. Per facilitarvi il compito aggiungete poca quantità per volta e strizzate vigorosamente con le mani. In questo modo separerete la buccia e i semi dal liquido, che è la parte da conservare. Una volta terminato, il liquido dovrà nuovamente cuocere per circa due o tre ore, mescolandolo spesso, fino ad ottenere una consistenza simile a quella del miele.

46

Le testimonianze storiche

I fichi erano considerati sacri per Cerere dea delle messi. Alcune testimonianze storiche ci fanno sapere che anche gli antichi Egizi conoscevano la pianta di fico la quale viene nominata anche nella Bibbia poiché produceva i frutti simbolo della ricchezza della Terra. Sono necessari 20 Kg di fichi per ottenere circa 1 litri di vincotto. Bisogna lavarli molto attentamente sotto l'acqua corrente. Fate attenzione che essi siano perfettamente integri, sani e ben maturi. Successivamente è necessario dividerli a metà o in quattro parti, tagliandoli per lungo. Prendete una pentola antiaderente e riempitela con i fichi tagliati. Quando avrete finito aggiungete dell'acqua fino a coprirli totalmente. Lasciate cuocere i fichi per almeno cinque ore mescolandoli di tanto in tanto con un cucchiaio di legno.

Continua la lettura
56

Imbottigliamento

Quando è ancora caldo (ma non bollente), imbottigliatelo. Una volta raffreddato potrete chiudere le bottiglie. Ogni volta che avrete l'occasione potrete utilizzarlo come ingrediente speciale per insaporire dolci e biscotti, aggiungerlo nella preparazione delle torte oppure come salsa in cucina.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non bisogna aggiungere zucchero alla cottura, perché il contenuto zuccherino dei fichi è già molto elevato.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Come preparare il vino speziato medievale

Il vino è sin dai tempi antichi, una delle bevande più amate ed apprezzate per accompagnare i pasti e non solo. Anticamente e specialmente nel medioevo, il vino veniva preparato in maniera leggermente differente rispetto al vino odierno. Venivano infatti...
Vino e Alcolici

Come preparare il vino di mele

Il vino di mele, meglio conosciuto come sidro, è una bevanda lievemente alcolica che affonda le proprie origini in tempi lontani. Nettare dolce e frizzantino tanto amato dalle popolazioni del Nord Europa, come i Bretoni e i Normanni, il vino di mele...
Vino e Alcolici

Preparare la sangria di vino bianco

Le origini della sangria, bevanda caratteristica della penisola iberica, sono molto semplici: essa veniva preparata con del vino, spesso non di altissima qualità, nel quale veniva aggiunta della frutta per rafforzare la gradazione alcolica. Si tratta...
Vino e Alcolici

Come preparare il vino alla salvia

Nel tempo libero esistono una marea di attività da svolgere, ma ritengo che una delle più interessanti sia la preparazione di una ricetta. Gustarsi una propria produzione ci offre la possibilità di goderci i frutti del nostro lavoro, e questo ci fa...
Vino e Alcolici

Come fare la marmellata di vino

Quando si parla di marmellata si pensa sempre alle marmellate di frutta senza pensare che la marmellata può essere fatta anche con altri ingredienti, come per esempio i pomodori o le cipolle. Quella che vi proponiamo oggi è invece una marmellata speciale...
Vino e Alcolici

Ricetta: liquore al melograno e fichi

I liquori realizzati con la frutta sono sempre deliziosi perché uniscono alla forza dell'alcool l'aroma delizioso delle mele, dell'uva o degli altri prodotti della natura che vengono utilizzati. In questa utilissima guida vi insegno a confezionare uno...
Vino e Alcolici

5 piatti a base di vino bianco

Il vino bianco viene spesso impiegato in cucina per la preparazione di numerose ricette, soprattutto a base di carne o di pesce. Quando si cucina con il vino, molti tendono a preoccuparsi del grado alcolico, ma in realtà l'alcool inizia ad evaporare...
Vino e Alcolici

Come fare il vino con l'uva spina

Oggi vogliamo parlare del vino di uva spina, un vino molto particolare e dal sapore dolce e delicato. La preparazione di questo vino richiede un procedimento diverso da quello seguito comunemente per la produzione del vino comune. Il vino di uva spina...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.