Come preparare il vino speziato medievale

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Il vino è sin dai tempi antichi, una delle bevande più amate ed apprezzate per accompagnare i pasti e non solo. Anticamente e specialmente nel medioevo, il vino veniva preparato in maniera leggermente differente rispetto al vino odierno. Venivano infatti inserite diverse spezie particolari al suo interno, per renderlo ancora più aromatizzato, saporito e molto spesso anche molto più digeribile. Esistono parecchie ricette che si sono tramandate nel tempo, per preparare il vino speziato medievale nella maniera più corretta e se avete voglia di scoprire come continuare a tramandare la tradizione di questa bevanda, ecco cosa dovrete fare.

27

Occorrente

  • 2 g di zenzero in polvere
  • 2 g di cannella
  • 2/3 foglie di alloro
  • 100 g di miele
  • Mezzo litro di vino rosso
  • 1 l di succo di more
37

Preparare l'Ippocrasso

L'Ippocrasso, è uno dei vini della tradizione medievale più conosciuti per il suo gusto inconfondibile e per la grande quantità di spezie racchiuse al suo interno. Si tratta di un vino rosso, preferibilmente asciutto, che dovrete condire con una determinata dose di spezie ricercate. Scegliete un vino rosso secco e corposo che non supera i 12° e sciogliete tutto il miele richiesto all'interno di una grande bacinella, mescolandolo insieme al vino. Lasciate riposare il vino dopo averlo mescolato per almeno 4/5 ore e successivamente, aggiungete anche lo zenzero in polvere, la cannella in polvere e qualche foglia di alloro intera. Lasciate riposare nuovamente il vino per un paio d'ore e prima di inserirlo all'interno di una bottiglia, filtratelo con un colino.

47

Preparare il Moretum

La preparazione dell'Ippocrasso può anche variare leggermente. Potete infatti decidere di preparare un'altra variante di vino speziato, ovvero il Moretum. Questo vino speziato, può essere creato utilizzando del succo di more e qualche altro ingrediente. In una grande ciotola, mescolate un vino abbastanza aspro che non supera i 10° insieme a del miele. In questo caso, il vino dovrà essere successivamente versato all'interno di una capiente pentola e dovrà bollire per un po'. Lasciate raffreddare il vino e aggiungete al suo interno il succo di more. Mescolate il tutto e prima di inserirlo all'interno di una o più bottiglie di vetro, filtratelo per bene.

Continua la lettura
57

Conservare il vino nel modo corretto

Per preparare un ottimo vino speziato simile a quello dei tempi del medioevo, è importante sempre ricordarsi che non tutti i vini speziati devono necessariamente essere preparati a freddo e che per un'ottima conservazione, è opportuno conservare le bottiglie al buio e lontane da luoghi eccessivamente umidi. Seguendo questi consigli, otterrete dei risultati ottimali.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Utilizzate solo bottiglie di vetro sterilizzate per la conservazione del vino speziato.
  • Non tutti i vini speziati vanno preparati a freddo o vanno fatti bollire.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Preparare la sangria di vino bianco

Le origini della sangria, bevanda caratteristica della penisola iberica, sono molto semplici: essa veniva preparata con del vino, spesso non di altissima qualità, nel quale veniva aggiunta della frutta per rafforzare la gradazione alcolica. Si tratta...
Vino e Alcolici

Come preparare il vino alla salvia

Nel tempo libero esistono una marea di attività da svolgere, ma ritengo che una delle più interessanti sia la preparazione di una ricetta. Gustarsi una propria produzione ci offre la possibilità di goderci i frutti del nostro lavoro, e questo ci fa...
Vino e Alcolici

Come fare la marmellata di vino

Quando si parla di marmellata si pensa sempre alle marmellate di frutta senza pensare che la marmellata può essere fatta anche con altri ingredienti, come per esempio i pomodori o le cipolle. Quella che vi proponiamo oggi è invece una marmellata speciale...
Vino e Alcolici

Come preparare il vino cotto di fichi

I fichi sono i frutti della pianta del fico, un albero molto amato fin dai tempi antichi soprattutto dai greci e dai romani. In realtà i fichi contengono un alto contenuto di zuccheri, proteine, lipidi, fosforo, calcio, oligo-elementi e vitamina A, B...
Vino e Alcolici

5 piatti a base di vino bianco

Il vino bianco viene spesso impiegato in cucina per la preparazione di numerose ricette, soprattutto a base di carne o di pesce. Quando si cucina con il vino, molti tendono a preoccuparsi del grado alcolico, ma in realtà l'alcool inizia ad evaporare...
Vino e Alcolici

Come fare il vino con l'uva spina

Oggi vogliamo parlare del vino di uva spina, un vino molto particolare e dal sapore dolce e delicato. La preparazione di questo vino richiede un procedimento diverso da quello seguito comunemente per la produzione del vino comune. Il vino di uva spina...
Vino e Alcolici

Come fare il vino al melograno

L'Italia è uno dei maggiori esportatori di vino. La nostra penisola vanta in tutto il mondo la qualità dei vini, grazie al loro gusto sopraffino e alla loro delicatezza. Vengono dedicate intere mostre alla scoperta di un ingrediente che spesso viene...
Vino e Alcolici

Come scegliere un buon vino bianco

Il vino è la bevanda preferita da noi italiani, ma anche dal resto del mondo. Non è solo il nostro paese ad essere un gran produttore di vino, ma anche paesi come la Francia ne producono di ottimi. Questo fa sì che il mercato ormai sia pieno di diverse...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.