Come preparare in casa l'orzata

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Esistono tantissime bevande antiche, annoverate persino dai nostri antenati, come ad esempio l'orzata. Il nome effettivamente non inganna: si tratta di una preparazione che sfrutta gli aromi dell'orzo, almeno per quanto riguarda l'origine della ricetta. L'orzata più comune fa uso di mandorle, sia dolci sia amare. L'orzata è davvero molto antica ed è presente in tantissimi Paesi del mondo. In alcuni casi vi sono delle variazioni da ricetta in ricetta. Tuttavia il procedimento per preparare l'orzata in casa resta semplice. È un lavoro alla portata di tutti e sono necessari solamente pochi ingredienti e strumenti. Nei prossimi passi scopriremo insieme come fare.

26

Occorrente

  • 180 gr di mandorle dolci
  • 450 gr di zucchero
  • 14 mandorle amare
  • Mortaio con pestello
  • Panno da cucina pulito, a maglie non troppo strette
  • 250 ml di acqua
36

Acquistate il materiale necessario

Per una buona orzata è bene bilanciare le mandorle dolci con alcune mandorle amare. Entrambe le tipologie sono facilmente reperibili in commercio. Il risultato del lavoro darà una bevanda diversa dal latte di mandorla. Ciò che utilizzerete, infatti, non sono le mandorle nella loro interezza. Ricaverete tutti gli aromi e gli oli presenti nei frutti. Il gusto dell'orzata sarà dolce, senza essere nauseante. Partite proprio dalla lavorazione delle mandorle, che verserete in un mortaio. Trituratele con l'aiuto di un pestello il più possibile, fino a trasformarle in una poltiglia: è il modo più sicuro per ricavarne gli aromi.

46

Tritate le mandorle

Aggiungete nel mortaio circa 250 millilitri di acqua. Mescolate con cura il composto, in maniera tale che l'acqua assorba aromi e oli. Procuratevi un panno da cucina, assicurandovi che sia pulito e dalle maglie non troppo strette. Lo userete per filtrare i liquidi con i quali preparare la vostra orzata in casa. Perciò sceglietene uno adatto e trasferite il contenuto del mortaio su di esso. Prendete un pentolino e strizzate all'interno il panno con il composto di mandorle. Strizzate il più possibile per ottenere il massimo dei liquidi. Ripetete tutta questa procedura una seconda volta, poi mettetevi davanti ai fornelli.

Continua la lettura
56

Spegnete il fornello

Aggiungete successivamente lo zucchero al liquido per l'orzata e accendete il gas, a fiamma bassa. Portate ad ebollizione l'orzata, ricordando di mescolare di tanto in tanto. La cottura dell'orzata dovrà durare circa 15 minuti. Dopo un quarto d'ora spegnete il gas e mettete da parte l'orzata: dovrà raffreddare a temperatura ambiente. Preparate nel frattempo un contenitore adatto per conservarla in frigorifero. L'orzata infatti è ottima anche fresca, specialmente in questa stagione. Quando l'orzata raggiungerà una temperatura più mite, trasferitela nel contenitore. Riponete in frigo fino al momento di servire.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • E' possibile preparare l'orzata utilizzando soltanto mandorle dolci.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Vino e Alcolici

Come fare i cocktail digestivi

I cocktail digestivi sono una tipologia particolare di cocktail, dalla forte caratterizzazione alcoolica, nati come variante dei cocktail da aperitivo; spesso prevedono l'accostamento di creme e caffè con liquori e digestivi. Sono nati intorno agli anni...
Analcolici

5 cocktails analcolici estivi da preparare in casa

Voglia di estate, voglia di cocktail! Anzi, nel caso della nostra guida, voglia di cocktails analcolici!!I cocktails analcolici non hanno nulla da invidiare a quelli che contengono alcol. Freschi, esotici, colorati, i cocktail analcolici azzerano la sete...
Analcolici

Come preparare sciroppi alla frutta

Se in casa specie per il periodo estivo, intendete preparare dei rinfrescanti, gustosi e nutrienti sciroppi alla frutta, li potete realizzare sia con degli estratti che si possono acquistare nei supermercati, che a base della stessa frutta ma fresca....
Vino e Alcolici

Come preparare la tequila sunrise

Per chi ama preparare da se i cocktail, ecco la ricetta per realizzare a casa propria un ottimo Tequila Sunrise. Caratteristica fondamentale di questo long drink è la sua bassa gradazione alcolica, che lo rende gradito a molti, ma soprattutto il suo...
Cucina Etnica

Come preparare tre salse greche con pane pita

La pita è un pane dalla forma rotonda tipico della cucina greca e mediorientale. Nell'ambito culinario ellenico, la pita viene usata soprattutto per accompagnare saporite salse a base di verdure fresche ed erbe aromatiche. Nella sua semplicità, questo...
Dolci

Ricetta: cheesecake al tartufo

Voglia di qualcosa di nuovo e decisamente squisito? Ecco una ricetta che senza alcun dubbio vi regalerà molte soddisfazioni quando la preparerete perché i vostri ospiti l'apprezzeranno moltissimo: il cheesecake al tartufo. Per chi non l'avesse mai assaggiato...
Primi Piatti

Ricetta: pesto mandorle e pistacchi

Il pesto è un tipico condimento ligure, del quale possiamo trovare le prime semplici ricette a partire addirittura dall’800. La ricetta tradizionale, che fu elaborata proprio in quel periodo, ha mantenuto le stesse caratteristiche, almeno per quanto...
Pesce

Ricetta: merluzzo al pesto piccante

Il merluzzo è un pesce azzurro ricco di sostanze nutritive ed in particolare di Omega 3, per cui il consumo è vivamente consigliato a tutte le età. Le ricette che consentono di cucinarlo in modo gustoso e particolare sono tantissime, per cui in riferimento...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.