Come preparare in casa l'orzata

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Esistono tantissime bevande antiche, annoverate persino dai nostri antenati, come ad esempio l'orzata. Il nome effettivamente non inganna: si tratta di una preparazione che sfrutta gli aromi dell'orzo, almeno per quanto riguarda l'origine della ricetta. L'orzata più comune fa uso di mandorle, sia dolci sia amare. L'orzata è davvero molto antica ed è presente in tantissimi Paesi del mondo. In alcuni casi vi sono delle variazioni da ricetta in ricetta. Tuttavia il procedimento per preparare l'orzata in casa resta semplice. È un lavoro alla portata di tutti e sono necessari solamente pochi ingredienti e strumenti. Nei prossimi passi scopriremo insieme come fare.

26

Occorrente

  • 180 gr di mandorle dolci
  • 450 gr di zucchero
  • 14 mandorle amare
  • Mortaio con pestello
  • Panno da cucina pulito, a maglie non troppo strette
  • 250 ml di acqua
36

Acquistate il materiale necessario

Per una buona orzata è bene bilanciare le mandorle dolci con alcune mandorle amare. Entrambe le tipologie sono facilmente reperibili in commercio. Il risultato del lavoro darà una bevanda diversa dal latte di mandorla. Ciò che utilizzerete, infatti, non sono le mandorle nella loro interezza. Ricaverete tutti gli aromi e gli oli presenti nei frutti. Il gusto dell'orzata sarà dolce, senza essere nauseante. Partite proprio dalla lavorazione delle mandorle, che verserete in un mortaio. Trituratele con l'aiuto di un pestello il più possibile, fino a trasformarle in una poltiglia: è il modo più sicuro per ricavarne gli aromi.

46

Tritate le mandorle

Aggiungete nel mortaio circa 250 millilitri di acqua. Mescolate con cura il composto, in maniera tale che l'acqua assorba aromi e oli. Procuratevi un panno da cucina, assicurandovi che sia pulito e dalle maglie non troppo strette. Lo userete per filtrare i liquidi con i quali preparare la vostra orzata in casa. Perciò sceglietene uno adatto e trasferite il contenuto del mortaio su di esso. Prendete un pentolino e strizzate all'interno il panno con il composto di mandorle. Strizzate il più possibile per ottenere il massimo dei liquidi. Ripetete tutta questa procedura una seconda volta, poi mettetevi davanti ai fornelli.

Continua la lettura
56

Spegnete il fornello

Aggiungete successivamente lo zucchero al liquido per l'orzata e accendete il gas, a fiamma bassa. Portate ad ebollizione l'orzata, ricordando di mescolare di tanto in tanto. La cottura dell'orzata dovrà durare circa 15 minuti. Dopo un quarto d'ora spegnete il gas e mettete da parte l'orzata: dovrà raffreddare a temperatura ambiente. Preparate nel frattempo un contenitore adatto per conservarla in frigorifero. L'orzata infatti è ottima anche fresca, specialmente in questa stagione. Quando l'orzata raggiungerà una temperatura più mite, trasferitela nel contenitore. Riponete in frigo fino al momento di servire.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • E' possibile preparare l'orzata utilizzando soltanto mandorle dolci.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Analcolici

Come preparare l'acqua di avena

L'avena sativa è una pianta annuale della famiglia delle Graminacee. Da essa si ricava una bevanda dalle molteplici proprietà: l'acqua di avena. Ottimo ricostituente, ricchissima di fibre e sostanze proteiche, questa bevanda è semplice da preparare...
Analcolici

Come preparare un aperitivo alla pesca

In quest' articolo andremo a parlare di drink. Nello specifico andremo a vedere come preparare un gustoso aperitivo alla pesca. Con questa guida impareremo a preparare un delizioso aperitivo alla pesca, sia in versione alcolica che analcolica, per soddisfare...
Analcolici

Come preparare un cool passion

La parola cocktail è di origine inglese e significa coda di gallo. Ma, non si conosce ben l'attinenza di questo termine. L'unica associazione si può fare ai colori. Infatti, come vengono mescolati tra loro le piume multicolori della coda del gallo,...
Analcolici

Come preparare una tisana al basilico

Al giorno d'oggi le tisane rappresentano sicuramente una delle bevande maggiormente salutari, motivo per cui sono molto diffuse ed apprezzate. Esse, infatti, aiutano a depurare l'organismo, ad eliminare i liquidi in eccesso e le tossine. Ma oltre a tutto...
Analcolici

Come preparare il latte di avena

Negli ultimi anni, con l'affermarsi e la diffusione di moltissimi tipi di alimentazione, dalla vegetariana, alla vegana e così via, sono entrati a gamba tesa, nell'elenco degli alimenti più consumati, molte alternative al classico e tradizionale latte...
Analcolici

Come preparare il chai indiano

Il chai indiano, è un tè aromatizzato con varie spezie e addolcito con latte e zucchero. La miscela di spezie utilizzata, viene chiamata masala. Questo infuso viene preparato in tutta l'India, tanto da poter essere considerato come la bevanda nazionale...
Analcolici

Come preparare un cocktail all'ananas

Se avete organizzato una festa oppure un rinfresco a casa è probabile che abbiate voglia di divertirvi un po’ all'angolo bar preparando deliziosi cocktail. Non preoccupatevi se non siete troppo esperti nelle preparazioni, le ricette di questa guida...
Analcolici

Come preparare il cocktail aperitivo Bicicletta

Il cocktail aperitivo Bicicletta è famoso ovunque in Italia, ma anche in altri paesi. Dicono che chi lo beveva, non riusciva più a tornare a casa sulla propria bicicletta. Il fatto era dovuto forse dalla sua bontà, in quanto molto fresco e gradevole....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.