17

Arista di maiale: al forno, alla bolognese, alle mele

tramite: O2O
Difficoltà: facile

Introduzione

L'arista è il taglio di maiale che comprende parte della schiena e del lombo. Nella tradizione culinaria toscana, il pezzo di carne viene preparato allo spiedo insieme a rosmarino, aglio e pepe. L'arista può inoltre essere cucinata in forno, dando modo di preparare un secondo a base di carne semplice e molto gustoso. È certamente possibile servire questo secondo piatto assieme a un contorno di patate, cotte in forno insieme alla carne. Gli ingredienti per la preparazione della ricetta sono piuttosto facili da reperire e la sua realizzazione non è molto dispendiosa. Vediamo quindi insieme come preparare l'arista al forno.

27

Occorrente

  • 1 kg di arista di maiale.
  • 1 rametto di rosmarino.
  • 2/3 cucchiai di olio d'oliva.
  • 1 carota
  • 1 costa di sedano
  • 1 cipolla
  • Vino rosso
  • Spago o retina
37

Legate l'arista con lo spago

Come prima cosa comprate il pezzo di carne dal vostro macellaio di fiducia. Al momento dell'acquisto controllate sempre il colore del pezzo di carne: non deve essere mai scuro e tendente al marroncino, ne troppo chiaro con patine biancastre, ma deve avere un colore vivido e lucente tra il roseo e il rosso. Fate attenzione anche all'odore: questo non deve essere mai particolarmente acre o acidulo. Fatto questo, procedete legando l'arista con lo spago o una retina da cucina. Proprio questo permette al pezzo di carne di restare compatto durante la cottura. È consigliabile legare il rametto di rosmarino alla carne, per evitare la fuoriuscita degli aghetti nel sughetto.

47

Trasferite il tutto su una teglia da forno

A questo punto preparate un trito di carote, sedano e cipolle e fatelo soffriggere all'interno di un tegame con due o tre cucchiai di olio extravergine d'oliva. Se non avete voglia o tempo di preparare il trito, potete benissimo sciogliere un dado vegetale nell'olio. Adagiate l'arista nel tegame e fatelo rosolare in modo uniforme su entrambi i lati, per circa dieci minuti. Aggiungete un po' di vino o di acqua per creare il sughetto. Dopo aver rosolato la carne, trasferite il tutto su una teglia da forno e lasciate cuocere per circa un'ora a duecento gradi centigradi.

Continua la lettura
57

Servite la pietanza

Ricordatevi di controllare e girare l'arrosto di tanto in tanto. Per evitare che la carne risulti essere eccessivamente stopposa, abbiate cura di non farla cuocere oltre i sessanta minuti. Una volta che la cottura sarà ultimata, spegnete il forno e lasciate raffreddare la carne per una ventina di minuti; non appena l'arista sarà raffreddata a sufficienza, eliminate lo spago che l'avvolge, aiutandovi con un paio di forbici e tagliate la carne in fettine sottili. Adagiate le fettine su di un piatto da portata, ricopritele con il sughetto preso dalla teglia e servite la vostra pietanza. Buon appetito!

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Al momento dell'acquisto controllate sempre il colore del pezzo di carne: non deve essere mai scuro e tendente al marroncino, ne troppo chiaro con patine biancastre, ma deve avere un colore vivido e lucente tra il roseo e il rosso.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.