Come preparare la frutta candita in casa

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La frutta candita, elemento fondamentale non solo dei classici dolci natalizi ma pure di altri dolci, si può preparare in casa seguendo con attenzione i semplici passaggi qui elencati. Per sapere come fare caramellare la frutta ed ottenere la frutta candita, occorre del tempo e gli ingredienti necessari, ma una volta pronta si può utilizzare per guarnire o farcire numerosi dolci e dessert.

25

Occorrente

  • Frutta a piacere
  • acqua
  • zucchero semolato
35

Selezionare la frutta da candire

Per fare della frutta candita, prima cosa si deve scegliere un frutto in particolare, come ad esempio l'arancia. Il frutto da candire dev'essere ben maturo, non trattata e sopratutto biologico. Per cui dopo aver scelto con cura le arance da candire, occorre lavarli bene e poi tagliare la buccia a spicchi di medie dimensioni. Dopo di ciò, le bucce d'aranciavanno immerse in una pentola piena d'acqua per ventiquattro ore, facendo attenzione a cambiare l'acqua almeno tre volte al giorno. Trascorse le ventiquattro ore, le bucce vanno sbollentate per circa quindici o venti minuti, al fine di eliminare la loro nota amarostica, poi vanno scolate e lasciate raffreddare. Una volta che le bucce di arancia saranno ben scolate e raffreddate, si possono infine pressare su di uno strofinaccio per asciugarle completamente.

45

Candire le frutta

Dopo aver preparato le bucce di arancia, occorre dosare la quantità di zucchero necessario e pesare le bucce d'arancia. Al fine di candire bene la frutta, occorre usare in genere per circa 1 kg di bucce di arancia circa 1,20 kg di zucchero. Per quanto concerne l'acqua, in genere occorre tenere conto che ogni kg di bucce utilizzate servono duecento centilitri d'acqua. A questo punto, dentro un tegame vanno uniti lo zucchero e l'acqua, in modo tale da ricavare una sorta di sciroppo che non va fatto troppo caramellare perché il composto deve restare liquido e bianco. Dopodiché occorre versare le bucce d'arancia preparate in precedenza nello sciroppo ottenuto e fare bollire per circa mezz'ora circa a fuoco basso mescolando con un cucchiaio di legno.

Continua la lettura
55

Ultimare le frutta candita

Nel frattempo, occorre riporre dentro un piatto dello zucchero semolato e stendere su un lato all'esterno del piatto un foglio di carta forno. Dopo di ciò, le bucce vanno tolte dal fuoco con l'aiuto di una pinza e vanno passate con cura nello zucchero ed adagiate sulla carta forno. Tale operazione va ripetuta per altre due volte, una volta caramellate le bucce vanno lasciate raffreddare e riposare per una giornata intera. Per finire, una volta che le bucce risultano essere dure vanno ripassate nello zucchero e conservate dentro dei barattoli di ermetici.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Dolci

5 regole per una perfetta frutta candita

La frutta candita è molto usata in pasticceria e, in particolare, diventa un ingrediente fondamentale per alcuni dei dolci più famosi della nostra tradizione italiana. I canditi sono presenti nella pasticceria siciliana (cassata, cannoli,..); nella...
Dolci

Come preparare la meringata di frutta

Tra i numerosi dolci estivi che potrete preparare per combattere il caldo, particolare attenzione va data alla meringata di frutta. Esso è un dolce a base di frutta da servire freddo.. È possibile creare una vasta varietà di tipologie di questo dolce....
Dolci

Come preparare la frutta sciroppata

La frutta sciroppata, così dolce e golosa, è un vero e proprio peccato di gola al quale è difficile resistere! Anche se la frutta è la vera protagonista di questa prelibatezza, resta comunque una preparazione classificabile come "dolce non grasso",...
Dolci

Come preparare il budino alla panna con frutta fresca

Se volete proporre in tavola un dessert goloso che possa soddisfare anche i palati più esigenti, ecco a voi la ricetta per preparare il budino alla panna con frutta fresca. È una ricetta particolarmente versatile perché si presta bene ad essere cambiata...
Dolci

Come preparare la bavarese alla frutta tropicale

La ricetta tradizionale della bavarese prevede che la sua crema, dolce e saporita, venga preparata al gusto di vaniglia. Questa guida, invece, propone una versione tropicale della bavarese, con gustosa frutta fresca. Ecco come due modi semplicissimi per...
Dolci

Come preparare il topping di frutta alla fragola

Lo zuccherato mondo della pasticceria è costellato di piccoli segreti golosi per portare in tavola preparazioni sorprendentemente buone e belle! Per guarnire una semplice panna cotta, una torta di frutta o per rendere ancora più sfiziosa una coppa di...
Dolci

Come preparare delle gelatine alla frutta

La gelatine alla frutta sono un ottimo piatto per i bambini da poter mangiare a merenda oppure la mattina verso le dieci come colazione, inoltre sono molto nutrienti e ricche di vitamine. Le gelatine possono essere realizzate in maniere differenti; si...
Dolci

Come preparare dei pasticcini alla frutta

I pasticcini alla frutta sono dei dolcetti che non devono mai mancare alle celebrazioni degli eventi più importanti. Oltre a ciò, sono ottimi dopo un pranzo o una cena, accompagnati magari da un buon caffè. Questi pasticcini si possono gustare in tutti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.