Come preparare la gelatina di lamponi

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La gelatina di lamponi si accompagna benissimo ai dolci al cucchiaio, come ad esempio la panna cotta, o alla tradizionalissima cheesecake. Prepararla è semplicissimo: l'unica accortezza che dobbiamo avere, è quella di reperire lamponi freschi e di ottima qualità o con pazienza coltivarli direttamente noi. Vediamo allora come preparare la gelatina di lamponi.

26

Occorrente

  • Ingredienti: 500 gr di succo di lampone
  • 375 gr di zucchero
  • 100 gr di acqua
  • il succi di un limone
36

Lavaggio dei lamponi

Laviamo accuratamente i lamponi, controlliamo che non ve ne siano di rovinati, nel caso semplicemente togliamoli e buttiamoli via, se sono marci altrimenti possiamo anche preparare una macedonia e consumarli al momento. Una volta lavati mettiamoli su di un canovaccio pulito. Posizioniamo il canovaccio su di una ciotola, in modo che il succo che filtrerà attraverso venga raccolto. Lasciamo i lamponi sul telo per una giornata. Badiamo bene però che il succo di lamponi macchia i tessuti irrimediabilmente, perciò evitiamo di utilizzare il migliore che abbiamo.

46

Cottura

Trascorse le 24 ore, pesiamo il succo che abbiamo raccolto, e preleviamone la quantità necessaria (500 gr). Intanto, in un pentolino mettiamo lo zucchero e l'acqua; accendiamo il fuoco fino a quando non arriva a bollore. A questo punto, aggiungiamo il succo di lamponi ed il succo di un piccolo limone (preferibilmente biologico) e lasciamo bollire fino a quando il composto avrà la consistenza di una gelatina. Se ne avanza un po', possiamo conservarla in vasi di vetro sterilizzati e chiusi ermeticamente. Tuttavia, se vogliamo che abbia una maggiore consistenza, possiamo aggiungere della colla di pesce, che avremo precedentemente messo in ammollo.

Continua la lettura
56

Test del cucchiaio

Per determinare quando la miscela forma un gel, si può fare il test del cucchiaio: immergere un cucchiaio di metallo nella miscela calda, sollevarlo immediatamente e, lontano dal vapore, girarlo orizzontalmente. All'inizio del processo di cottura, il liquido scende in gocce chiare e sciroppate. Riprovare un minuto o due dopo, quando le gocce saranno più pesanti. L'addensamento avviene quando le gocce sono molto spesse e bon si uniscono prima di cadere dal cucchiaio. Il lungo processo di adeensamento è dovuto al fatto che non viene aggiunta la pectina, la quale accelera tale processo ma necessita di più zucchero, che altera il sapore naturale del frutto. Fare l'addensamento senza aggiunta di pectina richiede sicuramente una cottura più attenta, ma lo sforzo supplementare viene ripagato con un prodotto deliziosamente fruttato e naturale.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • usiamo le foglie dei lamponi per fare un decotto, sarà un toccasana per il nostro organismo
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Antipasti

Come fare la gelatina di vino

Recuperare il vino non più gradevole al gusto del nostro palato è possibile: può essere sfruttato in maniere alternative per fare, ad esempio, la gelatina. Con la gelatina di vino si può pensare a molti abbinamenti come ad esempio i formaggi, i salumi,...
Antipasti

Ricetta: insalata con avocado e lamponi

Quando arriva la stagione calda è sempre bene portare a tavola piatti freschi e leggeri. Per questo motivo, la cucina estiva deve contenere piatti a base di verdure, insalata e frutta. Ovviamente, cercando di farli non troppo elaborati o ricchi si sughi...
Antipasti

Come preparare l'aspic con salmone e aneto

Quando si decide di invitare ospiti a cena, il dilemma è sempre quelle di scegliere che cosa cucinare. Tantissime sono le ricette che è possibile preparare con l'obiettivo di sorprendere i nostri ospiti e deliziare il loro palato. Una buona soluzione...
Antipasti

Come preparare il patè alle noci

Secondo la cucina classica, i patè sono preparazioni costituite da un involucro di pasta (brisée, frolla o sfoglia) farcito di carne, soprattutto selvaggina, pesce o verdure. Oggi, altrettanto comuni sono, però, quelli non in crosta, spesso avvolti...
Antipasti

Come preparare l'aspic estivo alle uova

Essere fantasiosi in cucina è molto importante: senza un pizzico di fantasia non possono nascere delle interessanti e gustose ricette. Oltre alla fantasia, anche un pizzico di voglia di sperimentare potrà aiutarvi nel vostro entusiasmante hobby. Vi...
Antipasti

Come preparare l'aspic di gamberi e porri

Per le strade profumate di legna, già si iniziano a percepire i delicati sentori natalizi. Le prime timide luci iniziano a fare capolino nelle vetrine e sugli scaffali dei supermercati già troviamo panettoni e pandori. Perché allora non testare qualche...
Antipasti

Come preparare la crema di piselli alla panna acida

La crema di piselli alla panna acida è un piatto molto economico e semplice da preparare. Potete realizzarlo adoperando sia piselli freschi che surgelati a seconda di quello che avete a disposizione. Il gusto acidulo della panna si sposa alla perfezione...
Antipasti

Come preparare i bignè al prosciutto glassati

I bignè al prosciutto glassati sono un goloso antipasto da presentare in tavola durante le occasioni speciali. Sono abbastanza semplici da realizzare e chi ha un po’ più di abilità in cucina, può preparare da solo i bignè da farcire. In caso contrario...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.