16

Come fare la marmellata in casa senza zucchero (e biologica)

tramite: O2O
Difficoltà: facile

Introduzione

La marmellata può essere preparata senza zucchero scegliendo la frutta adatta. Essa è meno calorica, ma ugualmente gustosa e genuina in quanto viene preparata senza conservanti o dolcificanti. La preparazione della marmellata senza zucchero è un modo per utilizzare quella frutta che si rischia di buttare. Infatti, vengono utilizzati frutti molto maturi, quindi zuccherini; si può anche aggiungere una mela ogni 500 grammi di frutta per dare una consistenza densa e cremosa alla marmellata. Leggendo il tutorial si possono avere alcuni consigli su come preparare un'ottima marmellata senza zucchero.

26

Occorrente

  • 500 g di frutta fresca molto matura
  • 1/2 bicchiere di acqua tiepida
  • il succo di mezzo limone
  • 1 mela tagliata a pezzetti
36

La preparazione della marmellata senza aggiungere zucchero o addensanti artificiali è un'operazione abbastanza facile da eseguire. Le varianti per preparare una marmellata sugar free sono infinite: albicocche, pere, mele cotogne, fragole, mele e uva sultanina. Si può anche scegliere di aggiungere altri ingredienti per dare quel ‘tocco in più’ alla marmellata. Occorre estro e fantasia culinaria; con cannella, zenzero, liquirizia o peperoncino è possibile sperimentare nuovi abbinamenti gastronomici.

46

Per la preparazione della marmellata bisogna lavare accuratamente la frutta sotto ad un getto di acqua. Successivamente si devono togliere eventuali parti di colore scuro; poi, dopo averla asciugata si versa la frutta in una terrina aggiungendo il succo di limone e la mela tagliata a fettine. Si fa macerare per 70/80 minuti ed in seguito si mettono gli ingredienti in una pentola dai bordi alti. Si fa cuocere a fuoco basso per 45 minuti, unendo mezzo bicchiere d'acqua e le eventuali spezie poco alla volta.

Continua la lettura
56

Non bisogna mescolare continuamente, basta girare delicatamente con il cucchiaio qualche volta per evitare che il composto si attacca al fondo della pentola. Se si preferisce una marmellata omogenea bisogna utilizzare un frullatore ad immersione per eliminare i pezzi di frutta. Quando è stato raggiunto il grado di densità prefissato si deve spegnere il fuoco e versare la marmellata con un mestolo nei barattoli di vetro, sterilizzati in precedenza. Si devono chiudere i coperchi, rovesciare i barattoli e lasciarli in questa posizione per 48 ore. La marmellata messa in un luogo fresco ed asciutto si mantiene senza problemi per circa 3 mesi.

66

La marmellata senza zucchero si può anche preparare senza la cottura. In questo caso si devono utilizzare come agente gelificante i semi di chia. La preparazione è veloce in quanto la frutta si deve versare nel mixer e poi si aggiungono 4 cucchiai di semi di chia, un paio di cucchiai di succo di limone ed un cucchiaino di miele. Si frullano gli ingredienti per un minuto ed in seguito si versa il tutto nei vasetti; dopo averli chiusi si mettono in frigorifero per 8 ore. Questa marmellata però deve essere consumata entro una settimana.

15

Come preparare una marmellata bio

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

È sempre bello preparare una marmellata bio fatta in casa, invece di comprarle già preparate al supermercato, senza sapere con che tipo di ingredienti viene fatta, e quale è la qualità delle materie prime utilizzate. Meglio ancora è quando si utilizzano dei prodotti a chilometro zero, che sono salutari e rispettano anche la natura. In questa guida vi illustreremo come prepararla.

25

Occorrente

  • 2 kili di frutta di stagione
  • 550 grammi di zucchero
  • Succo di un limone
35

Ingredienti

Il segreto di una marmellata biologica è la scelta degli ingredienti. Essi infatti sono la chiave del successo di una marmellata bio sana, gustosa e genuina. Scegliete sempre frutta di stagione poiché non è coltivata in serra, ma all'aperto, quindi ha molti principi nutritivi in più ed è estremamente ricca di vitamine ed antiossidanti. La scelta ricade su una frutta bio, poiché è stata coltivata senza l'uso di pesticidi chimici e concimata con concimi naturali. Consiglio, inoltre, di scegliere frutta ben matura e senza macchie, poiché meno tendente durante la cottura alla formazione di schiuma, che andrà via via rimossa. Per lo zucchero preferite lo zucchero di canna, migliore di quello raffinato, poiché ha più sapore e non è trattato chimicamente. Se volete spingervi oltre, vi consiglio vivamente l'utilizzo dello zucchero di canna integrale grezzo, dato che contiene molte fibre e molte più vitamine.

45

Preparazione

Pulite accuratamente la frutta sotto acqua corrente. Asciugatela bene con un panno e sbucciatela per bene. Tagliate a pezzi, rimuovendo eventuali noccioli o semi, e mette in una ciotola. Aggiungete lo zucchero e il succo di limone, filtrato con un colino. Mescolate bene gli ingredienti. Dopo aver coperto la ciotola con pellicola o carta stagnola, lasciate macerare la frutta per circa 12 ore in frigorifero. Mettete in una pentola bella ampia e portate ad ebollizione, ricordandovi di mescolare ogni tanto. Durante la cottura, è possibile che venga a formarsi della schiuma che sarà necessario rimuovere. Dopo circa 30 minuti, la marmellata dovrebbe essere cotta. Verificatene lo stato prendendo un piatto pulito e lasciandovi cadere una goccia: se questa resta compatta, allora è pronta, se è liquida e scivola via, sarà necessario continuare con la cottura. Una volta pronta, la marmellata può essere messa nei barattoli ancora calda.

Continua la lettura
55

Confezionamento

Dopo aver preparato la vostra marmellata bio è il momento di confezionarla. Prendete dei vasetti sterilizzati, in caso non fossero nuovi metteteli a contatto diretto con il vapore per igienizzarli.
Mettete la marmellata dentro i vasetti, chiudeteli e immergeteli in un grande pentolone pieno di acqua. Fate bollire il tutto e teneteli fino a che il tappo del vasetto non schiocca, poiché li avrete messi sottovuoto e si potranno conservare più a lungo senza usare conservanti. Versate la marmellata nei vasetti aiutandovi con un cucchiaio. Accertatevi di aver sigillato bene il tappo, poiché la marmellata si conserva per lunghi periodi solo se i barattoli sono ben chiusi e sterilizzati.

17

Come fare la marmellata fatta in casa

tramite: O2O
Difficoltà: facile

Introduzione

La frutta è un prezioso elisir di benessere, perfetta soprattutto per fare il pieno di vitamine e minerali! Per una colazione sana e golosa, o per farcire una fragrante crostata, perché non scegliere una fantastica marmellata homemade? Preparare una profumata marmellata casalinga è davvero molto semplice e il risultato saprà davvero sorprenderci! Andiamo allora a scoprire insieme come fare la marmellata fatta in casa.

27

Occorrente

  • 2 kg di fichi
  • 500 gr di zucchero
  • il succo di 2 limoni
  • scorze d'arancia
37

Proviamo a sperimentare la preparazione della marmellata fatta in casa utilizzando dei dolcissimi fichi! Iniziamo andando a eliminare la buccia dai frutti, quindi tagliamoli in quattro spicchi. Terminata l'operazione, prendiamo una terrina abbastanza capiente e poniamo al suo interno i fichi. Irroriamoli con il succo di limone e aggiungiamo anche delle scorzette di arancia. Lasciamo quindi macerare il tutto per circa un'ora. Quando il tempo di macerazione sarà trascorso, possiamo passare alla seconda fase, ovvero la cottura della marmellata!

47

Poniamo sul fuoco una pentola capiente e possibilmente antiaderente. Aggiungiamo quindi i fichi e facciamo cuocere, a fuoco dolce, per circa 10 minuti. Trasferiamo quindi i fichi semi cotti in un passaverdure. In questo modo andremo ad eliminare i semini presenti nei frutti. Quindi riportiamo tutto sul fuoco e aggiungiamo lo zucchero. Proseguiamo quindi la cottura per circa 45 minuti. È importante in questa fase mantenere la fiamma dolce e mescolare di tanto in tanto. Questo per evitare che la marmellata possa attaccarsi al fondo della pentola.

Continua la lettura
57

Mentre la nostra profumatissima marmellata di fichi casalinga cuoce, occupiamoci della sterilizzazione dei vasetti. Questo è un passaggio estremamente importante. La sterilizzazione infatti ci permette di ottenere un ambiente sterile e sicuro. Per farlo ci basterà immergere i vasetti di vetro in una pentola con acqua bollente. Ovviamente non dimentichiamo di sterilizzare anche i coperchi! Per una sterilizzazione perfetta, lasciamo i vasetti nell'acqua per circa 30 minuti. Terminato il tempo di cottura della marmellata, preleviamone un cucchiaino e versiamolo in un piatto. Lasciamo raffreddare la marmellata, quindi incliniamo il piatto. Nel caso la marmellata tenda a solidificare senza colare, allora è perfettamente pronta! Ora non ci resta che invasarla. Versiamo quindi la marmellata nei vasetti avendo l'accortezza di non riempirli fino all'orlo, ma lasciando un margine dal bordo di circa 3 centimetri. Quindi chiudiamoli, capovolgiamoli e lasciamoli raffreddare. La marmellata di fichi fatta in casa è una prelibatezza, perfetta da gustare anche con i formaggi e la carne.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Una volta aperta la nostra marmellata casalinga, conserviamola in frigorifero e consumiamola entro 15 giorni
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.