Come preparare la minestra di semolino

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La minestra di semolino è un piatto che risale a tempi antichi, quando ancora non esistevano i cibi liofilizzati, gli omogeneizzati, i surgelati. Questi ultimi hanno risolto il problema della pappa dei bambini, essendo prodotti che si preparano molto velocemente. In effetti come preparare la minestra di semolino è semplice, e non è affatto vero che è una pietanza adatta solo ai più piccini. Anzi, è un'alternativa assai valida per chi ama mangiare in maniera sana, semplice, e allo stesso tempo gustosa.

26

Occorrente

  • 250 grammi di semola, olio d'oliva, parmigiano, acqua
  • prezzemolo, sedano, carota, pomodoro, sale, cipolla
36

I procedimenti per preparare la minestra di semolino sono molteplici, e dipende da quello che si vuole ottenere. Si può scegliere tra il gusto delicato e il sapore più caratteristico. Se si desidera un risultato dal gusto morbido, si deve procedere mettendo a bollire un quarto d'acqua in una pentola. Raggiunto il grado di ebollizione, si aggiunge un pizzico di sale, a seconda dei gusti, e quaranta grammi di semolino. Bisogna fare attenzione a versarlo a pioggia, lentamente, altrimenti si possono facilmente formare dei grumi, a causa della consistenza della semola, che risulta essere di composizione densa e appiccicosa.

46

Si abbassa la fiamma al minimo, per non far attaccare il composto al fondo della pentola, e si gira continuamente, per renderlo cremoso e liscio. Il tempo di cottura è abbastanza rapido, si tratta circa di dieci minuti. Con queste dosi il composto è di media densità. In ultimo, non appena versato nel piatto, si condisce con un filo d'olio d'oliva e una spruzzata di parmigiano reggiano, un piccolo ciuffo di prezzemolo. Ideale accompagnamento è una bevanda leggermente alcolica.

Continua la lettura
56

La seconda variante ha un gusto più corposo, ed è adatta ai palati più esigenti, che amano sapori più decisi. Le dosi restano invariate, ma al posto dell'acqua semplice si deve utilizzare il brodo vegetale. Per la preparazione di quest'ultimo, mettere a bollire in una pentola mezzo litro d'acqua, un ciuffo di prezzemolo, una cipolla tagliata grossolanamente, un pomodorino di collina, una carota a pezzetti, del sedano, sale quanto basta, due cucchiai d'olio extra vergine d'oliva. Lasciare in ebollizione fino a che si riduce alla quantità di duecentocinquanta millilitri. Quindi far cadere lentamente il semolino e procedere come spiegato in precedenza, per la ricetta delicata. In alternativa, se non si ha tempo di preparare il brodo vegetale con gli ingredienti freschi, si può utilizzare il dado. Servire con un buon bicchiere di vino rosso.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Come preparare la minestra di piselli

La minestra di piselli è una di quelle pietanze che si consumano principalmente durante le fredde serate invernali. Si tratta di una ricetta davvero semplice da preparare e molto economica. Grazie alla presenza delle verdure, questa pietanza fornisce...
Primi Piatti

Ricetta: semolino

Il semolino può essere usato per cucinare diversi piatti, come budini, torte e gnocchi ad esempio, ma tradizionalmente viene utilizzato nella preparazione di minestre calde e nutrienti. È un alimento sano grazie alla quantità di proteine, potassio...
Primi Piatti

Come preparare la minestra di lattuga

Generalmente la lattuga viene considerata una fresca e gustosa insalata da mangiare cruda, da sola oppure in abbinamento con altri alimenti, con i quali è possibile preparare delle gustose insalate miste. Essa, inoltre, risulta essere particolarmente...
Primi Piatti

Come preparare la minestra di castagne e funghi

Con l'arrivo della stagione invernale aumenta la voglia di consumare cibi caldi, in grado di riscaldarci e farci sentire meno il freddo intorno a noi. Le zuppe costituiscono un primo piatto piuttosto diffuso in tutto il mondo. Tra di esse va annoverata...
Primi Piatti

Ricetta trentina: gnocchi di semolino

Tra i tipi di pasta più apprezati in Italia possiamo trovare gli gnocchi. Solitamente questo tipo di pasta viene realizzata con le patate, e condita con un buon sugo a base di carne che gli conferisce un sapore deciso. Ma gli gnocchi possono essere preparati...
Primi Piatti

Come preparare la minestra di ceci

Dopo una lunga giornata lavorativa non esiste miglior cosa che sedersi davanti ad un bel piatto fumante ed anche saporito, in grado di farci permettere di poter ritrovare nuovamente il perfetto livello di rilassamento e la ricarica di energie. È risaputo...
Primi Piatti

Ricetta: minestra di riso con porri e patate

La minestra è uno dei primi piatti più piacevoli da consumare soprattutto nei periodi invernali, quando le temperature tendono ad abbassarsi. Infatti, non esiste nulla di più sostanzioso e ricco di proteine vegetali di una calda e deliziosa minestra....
Primi Piatti

Ricetta: minestra di zucca porri e patate

La minestra è un'ottima soluzione per accontentare tutti a tavola, durante la stagione fredda. È un piatto che riscontra molti consensi e si può preparare in mille modi. Si passa all'accostamento con ortaggi, i legumi e le verdure di ogni genere. Tutto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.