Come preparare la pasta kataifi

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La pasta kataifi è una piatto di origine greca e mediorientale. Si tratta di fili sottilissimi di pasta fillo e il suo utilizzo versatile l'ha resa un ottimo alleato sia nelle cucine in cui è nata che nelle cucine occidentali. La pasta kataifi trova spazio anche in preparazioni di alti livelli. Può essere utilizzata sia per pietanze dolci, realizzando ad esempio gli omonimi dolcetti greci, sia per piatti salati, come nei gamberi in tempura di kataifi. Andiamo a scoprire come preparare la pasta kataifi. Le dosi fornite sono per 4 persone.

26

Occorrente

  • 270 gr di farina
  • Olio extravergine d'oliva q.b.
  • Acqua q.b.
  • Sale q.b.
  • Mattarello
  • Coltello a lama liscia
36

Preparate l'impasto e lasciatelo a riposo

Pulite bene il ripiano sul quale andrete a lavorare la pasta kataifi. Versate la farina sul ripiano e datele la forma di una fontana, così come fate per la preparazione di altri tipi d'impasto. Fate un buco al centro della fontana e aggiungete l'acqua e il sale necessari. Cominciate a lavorare la farina con energia e aggiungete dell'altra acqua se necessario. Il composto deve risultare morbido ed elastico. Una volta pronto, lasciate riposare l'impasto in una scodella per almeno 45 minuti.

46

Componete i dischi con tre sfoglie fino a finire l'impasto

Trascorso il tempo necessario per far riposare l'impasto, prelevatelo dalla scodella. Infarinate il ripiano e cominciate a staccare delle piccole porzioni di pasta. Lavoratele con il mattarello in modo da ottenere dei dischi. I dischi di pasta dovranno essere molto sottili, ma fate attenzione a staccare il mattarello per evitare di romperli. Fate in modo che i dischi di pasta abbiano più o meno la stessa dimensione. Sovrapponeteli a tre a tre spennellandoli con poco olio d'oliva per far aderire i dischi fra loro. Una volta che ne avrete sovrapposti tre, schiacciateli con il mattarello per farli aderire e teneteli da parte. Ripetete il processo fino a che avrete finito tutto l'impasto.

Continua la lettura
56

Arrotolate i dischi e tagliateli per ottenere gli spaghetti

Arrotolate su sé stessi tutti i dischi a tre sfoglie che avrete ottenuto, in modo da creare dei tubicini con una sezione a girella. Servitevi di un coltello a lama liscia e molto affilata e iniziate a tagliare questi tubicini di pasta in modo da ottenere sezioni di un millimetro. Srotolate le girelle così ottenute aiutandovi con la farina per separarle in tanti spaghetti. Evitate di schiacciarli fra loro e siate delicati per evitare di romperli. Ricordate di tenere le mani sempre infarinate per tutto il processo. Una volta che avrete finito con tutti i dischi di pasta, avrete ottenuto i vostri spaghetti di pasta kataifi. Siete pronti per utilizzarla per le ricette che più preferite. La pasta kataifi si presta bene sia per la cottura in forno, sia per le fritture.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se avete in casa una macchina per spianare la pasta, usatela al posto del mattarello per ottenere dischi ancora più sottili e uniformi
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucina Etnica

La ricetta della pasta brick

La pasta brick viene molto utilizzata nella cucina libanese, tunisina ed in quella nordafricana. In buona sostanza si presenta molto sottile, e con un gusto estremamente delicato oltre che saporito. Questa pasta si può condire sia con carne che con...
Cucina Etnica

5 tipi di pasta orientale

In questo periodo, va molto di moda andare a mangiare nei ristoranti orientali. Difatti, sempre più italiani preferiscono alla classica pizza un buon piatto di Ramen. Come biasimarli, dopotutto la cucina orientale è leggerissima oltre che davvero gustosa....
Cucina Etnica

Come preparare il burek al formaggio

Il burek è un piatto tipico della Turchia ma oggi è mangiato anche in Europa; infatti, si tratta di una sfoglia di pasta fillo, che può essere farcita con formaggio, carne, patate e spinaci a seconda dei propri gusti. Inoltre, è ideale da consumarsi...
Cucina Etnica

Come preparare i tamales messicani

I tamales messicani rappresentano un piatto nato e diffuso in Messico tantissimi anni fa. Appaiono come una sorta di panino, realizzato a base di pasta di mais, che viene successivamente cotta al vapore. All'interno di questi speciali "panini" ci si può...
Cucina Etnica

Come preparare il ramen giapponese

Il ramen è una zuppa ricca di sapori e aromi che richiamano l’oriente. Molto diffusa in Giappone, ha origini cinesi antiche e poco conosciute. Anche il significato della parola non è certo: le teorie più diffuse associano il termine ramen al tipo...
Cucina Etnica

Come preparare il coulibiac al salmone

In occasione di un pranzo speciale o in previsione di un ricco buffet, un'idea sfiziosa per portare sulle vostre tavole un'esplosione di sapori e di bontà è quella di dilettarsi nella preparazione di un delizioso coulibiac al salmone. Si tratta di una...
Cucina Etnica

Come preparare gli involtini primavera di carne

Gli involtini primavera sono un caposaldo della cucina cinese, come il pollo alle mandorle o il gelato fritto. Tradizionalmente, vengono serviti per il capodanno cinese, in primavera. Ne esistono diverse varianti, con carne o verdure fresche di stagione....
Cucina Etnica

Come preparare i nummora

Per terminare il vostro menù in modo diverso provate a preparare i nummora. Questi sono dolci tipici della tradizione araba. Sono facili da preparare e per farli basta poco tempo. Inoltre, si possono fare semplici o se preferite potete farcirli con qualsiasi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.