Come preparare la pastella al nero di seppia

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La pastella è un alimento molto facile e veloce da realizzare. Questo ingrediente è un elemento indispensabile in cucina se si ha intenzione di preparare dei piatti a base di frittura. Esistono diverse tipologie di preparazione della pastella, è possibile per esempio utilizzare le uova, il latte, l'acqua frizzante, birra e tantissime altri ingredienti come le verdure tritate e il pesce. Queste, possono essere utilizzate per la preparazione di moltissime ricette come per esempio le zucchine pastellate, il baccalà e gli anelli di cipolla fritti. La pastella inoltre si rivela la ricetta ideale sopratutto se il vostro intento è quello di preparare dei piatti digeribili e non troppo ricchi di olio. Una delle pastelle più gustose che può essere preparata in cucina è quella al nero di seppia. Per preparare la pastella al nero di seppia, vi basterà procurarvi gli ingredienti necessari all'elaborazione del piatto. Scopriamo insieme come preparare la pastella al nero di seppia.

25

Occorrente

  • 500 gr di farina
  • 5 uova
  • 3 bustine di nero di seppia
  • Sale
35

Setacciare la farina

Per preparare la vostra pastella al nero di seppia dovrete innanzitutto passare al setaccio la farina e disporla a sorgente. Nel frattempo, fate sciogliere il nero di seppia in un pentolino con dell'acqua.
A questo punto dovrete prendere le uova e unirle al centro della farina, dopodiché aggiungete il nero di seppia e mescolate il tutto servendovi di una forchetta.

45

Lavorare l'impasto

A questo punto dovrete passare a lavorare l'impasto. Procedete impastando il composto utilizzando la punta delle dita e continuate finché gli ingredienti non si saranno amalgamati a dovere. Una volta conclusa la prima fase di impasto, dovrete dare una seconda impastata con le mani, fin quando non avrete ottenuto un impasto nero, liscio e dal colore uniforme.

Continua la lettura
55

Preparare una pasta fresca con il nero di seppie

Se la vostra intenzione è quella di invece di preparare una pasta fresca utilizzando il nero delle seppie, dovrete raccogliere il nero di seppia in un recipiente da cucina, dopodiché aggiungere qualche goccia di vino bianco, un po' di sale e mescolare il tutto abbondandemente. Una volta mescolato il tutto, dovrete aggiungere il composto insieme a tre uova in 400 grammi di farina e poi impastare a dovere. Ricordate inoltre di avvolgere in una pellicola trasparente l'impasto della pasta fresca al nero di seppia e di farlo riposare per circa un'ora prima di andare a stenderlo. Infine, è utile sapere che la pastella, una volta preparata andrebbe usata entro le 24 ore, poiché, se non consumata in tempi brevi, potrebbe perdere in lievitazione. Non vi resta che utilizzare la vostra pastella preparata in casa per realizzare tantissime ricette.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Antipasti

Come preparare le polentine al nero di seppia

Il nero di seppia è un alimento ricco di melanina, proteine e ferro, inoltre è stato scoperto da alcuni studi scientifici che rallenta significativamente le cellule tumorali. Questo particolare liquido si estrae in modo molto semplice da una piccola...
Antipasti

Come preparare i filetti di baccalà in pastella

I filetti di baccalà in pastella sono una tipica pietanza della cucina laziale. È un piatto gustoso che richiede pochi ingredienti e una semplice preparazione.È uso comune mangiare il baccalà come antipasto per la cena della vigilia di natale oppure...
Antipasti

Come preparare i funghi fritti in pastella

Per iniziare una cena o un pranzo al quale avete invitato parenti e amici, non c'è niente di meglio che un antipasto a base di funghi fritti in pastella. Esistono tanti tipi di pastella nel mondo e moltissime varietà di funghi: questa ricetta prevede...
Antipasti

Come preparare i gamberi in pastella

Se stiamo pensando di organizzare un pranzo o una cena molto speciale con tutti i nostri amici e parenti dovremo, prima di tutto, cercare di preparare delle pietanze molto particolari che possano soddisfare tutti i nostri invitati. Se siamo alle prime...
Antipasti

Come preparare i gamberi in pastella al sesamo

I gamberi per le loro caratteristiche nutritive e gustative sono molto spesso alla base di svariate preparazioni culinarie. In particolare i gamberi in pastella al sesamo, ideali da essere inseriti in un buffet e da servire come finger food in una cena...
Antipasti

Come preparare la pastella per i fritti

È ormai risaputo che l'alimentazione giornaliera deve essere sempre varia, ricca di frutta, verdura, pesce e carne. Anche il fritto ricopre un ruolo importante nel metabolismo umano. Non bisogna però abusarne, in quanto la frittura è ricca di colesterolo,...
Antipasti

Come preparare le cozze in pastella

Sono numerose le ricette gastronomiche che riguardano le cozze. Non bisogna mai dimenticare che è pericoloso mangiare le cozze crude. Anche se condite con aceto o limone, le cozze non vanno mai mangiate crude. È fondamentale che avvenga sempre una cottura...
Antipasti

Come preparare gli anelli di calamari in pastella

Molto simile al totano, il calamaro si distingue da esso per il colore bianco-rosato punteggiato di rosso o di bruno e dalla forma delle pinne poste nella parte terminale che, il più delle volte, oltrepassano la metà del corpo. Il calamaro viene pescato...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.