Come preparare la pizza alla marinara

tramite: O2O
Difficoltà: facile
Come preparare la pizza alla marinara
15

Introduzione

Realizzare la pizza in casa, è un qualcosa di molto bello e di appassionante, in particolar modo se realizziamo la nostra pizza con impegno, fantasia e creatività. Tuttavia, tra le numerose pizze che possiamo realizzare, ce ne sono alcune molto buone che spesso vengono sottovalutate, ad esempio, la pizza alla marinara. In questa guida infatti vedremo come preparare la pizza alla marinara.

25

Occorrente

  • un cubetto di lievito di birra
  • un cucchiaino di zucchero
  • un cucchiaio e mezzo di sale
  • acqua q.b.
  • 500 g di farina 0
  • 300 g passata di pomodoro
  • origano
  • 2 spicchi d'aglio
  • olio d'oliva
35

Per prima cosa, mettiamo all'interno di una bacinella di grandi dimensioni, un cubetto di lievito di birra, un goccio d'acqua, un cucchiaino di zuccero ed un cucchiaio e mezzo di sale mescolando il tutto fino a quando il lievito non sarà completamente sciolto. Ora, aggiungiamo all'interno della bacinella 500 g di farina 0 ed iniziamo ad impastare la pasta della pizza aggiungendo poco a poco dell'acqua tiepida. Quando la pasta della pizza avrà raggiunto una giusta consistenza, copriamo l'intera bacinella con un canovaccio o sigilliamola con della pellicola e poniamo la bacinella in un luogo ben asciutto della nostra cucina lontano dalle fonti di calore e dalle correnti d'aria.

45

Dopo circa un' ora, il nostro impasto è pronto per essere steso. Mettiamo due cucchiai d'olio in una telia di grandi dimensioni, distribuiamo l'olio alla perfezione su tutta la telia con un poco di carta forno e poi distribuiamo l'impasto nella telia aiutandoci con le mani, creando anche i bordi della nostra pizza. Ora, utilizzando un piccolo mortaio, schiacciamo leggermente due spicchi d'aglio e irroriamo tutta la nostra pizza con l'aglio. Aiutandoci con un cucchiaio, mettiamo la passata di pomodoro sulla pizza. Se vogliamo, al posto della passata di pomodoro, possiamo mettere sulla nostra pizza dei cubetti di pomodo fresco. Ora, non ci resterà altro che aggiungere sulla nostra pizza dell'origano.

Continua la lettura
55

Mettiamo la nostra pizza a cuocere in forno a 250 gradi per non meno di 25-30 minuti. La pizza sarà pronta quando il suo marmo avrà assunto un colore leggermente ambrato. Possiamo servire la pizza ai nostri ospiti ancora calda all'interno di eleganti piatti, magari accompagnandola con qualche patata fritta o con qualche patata arrosto. Questa pizza, è molto buona anche fredda e se è molto alta, può essere tagliata a metà e farcita con un poco di prosciutto, di speck oppure di salame. Nel caso avanzi della pizza, la pizza stessa, può essere conservata eccellentemente anche nel nostro congelatore dopo essere stata tagliata in piccole fette per un massimo di 2-3 mesi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pizze e Focacce

Come preparare la pizza alla norma

Di pizze ce ne sono per tutti e di tutti i gusti, da quelle semplici a quelle più elaborate o quelle tradizionali e tipiche regionali. In questa guida, con pochi e semplici passaggi, vi illustreremo come preparare la pizza alla norma, tipica ricetta...
Pizze e Focacce

Come preparare una pizza light

Tutti noi amiamo la pizza. Tuttavia, a volte potremmo pensare a rinunciarci, in caso in cui decidessimo di metterci a dieta o fossimo costretti a cambiare alimentazione. In realtà, potremmo continuare a portare avanti la nostra buona alimentazione, senza...
Pizze e Focacce

Come preparare la pizza com bordo ripieno

Essendo noi italiani, amanti della buona pizza, abbiamo pensato di proporre a tutti voi, una guida che riguardi proprio quest'argomento. Nello specifico vogliamo proporre un articolo, che spieghi, come poter preparare, in modo semplice e veloce, la pizza,...
Pizze e Focacce

Come preparare la pizza speck e patate

La pizza in Italia è una vera e propria istituzione da moltissimi anni. Come ben sappiamo, essa nasce a Napoli, in onore della regina Margherita. Da questo personaggio storico deriva il nome della celebre pizza a base di pomodoro, basilico e mozzarella....
Pizze e Focacce

Come preparare e conservare l'impasto per la pizza

In questo articolo cercheremo di preparare insieme una nuova ricetta e cioè quella della classica e famosa pizza. Nello specifico cercheremo d’imparare come poter preparare e conservare l’impasto per la pizza. Avere sempre a portata di mano, un impasto...
Pizze e Focacce

Come preparare la pizza funghi e patate

La pizza è uno degli alimenti più amati al mondo perché riesce a stuzzicare il palato di moltissime persone, grazie al suo sapore incredibilmente buono e alla sua consistenza morbida e gradevole. La pizza naturalmente può essere condita in svariati...
Pizze e Focacce

Ricetta: come preparare la pizza calabrese

Quando non si ha la minima idea di cosa mangiare, cosa c'è di meglio di una bella pizza fumante fatta in casa? Ebbene si, la pizza calabrese rappresenta, come la pasta, uno degli alimenti tipici della cucina italiana che ci rendono famosi in tutto il...
Pizze e Focacce

Come preparare la pizza con la frittura di pesce

La pizza con la frittura di pesce è una pietanza abbastanza atipica e bizzarra. Solitamente infatti la pizza e la frittura non si uniscono in un'unica ricetta. Eppure questo connubio non è per niente male. Ci sono soltanto alcune regole da seguire,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.