Come preparare la pizza alla marinara

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
Come preparare la pizza alla marinara
17

Introduzione

Fare la pizza in casa, metterci impegno, creatività, usare la propria fantasia, è un lavoro manuale che garantisce molte soddisfazioni; mettere alla prova le proprie capacità con qualcosa che appartiene alla nostra tradizione e che tutto il mondo ci invidia è davvero molto bello e appassionante.
La pizza alla marinara è un classico tra i gusti della pizza, forse un po’ sottovalutato, spesso messo da parte in favore di condimenti più elaborati o semplicemente più esotici o magari di qualche nome più fantasioso buttato lì per attirare l’attenzione. Tuttavia, il gusto che questa pizza è capace di regalare è davvero intenso e non sminuisce affatto il vostro lavoro se decidete di dargli fiducia e proporlo in tavola. Con questa guida, attraverso spiegazioni semplici e pochi passaggi, vedremmo come preparare in casa un’ottima pizza alla marinara. Ecco la ricetta da seguire passo passo.

27

Occorrente

  • Un cubetto di lievito di birra
  • Un cucchiaino di zucchero
  • Un cucchiaio e mezzo di sale
  • Acqua q.b.
  • 500 g di farina 0
  • 300 g passata di pomodoro
  • Origano
  • 2 spicchi d'aglio
  • Olio d'oliva
37

Come preparare l’impasto

Per prima cosa mettete all'interno di un recipiente che abbia dimensione adeguate per poter impastare comodamente, un cubetto di lievito di birra, un goccio d'acqua, un cucchiaino di zucchero e un cucchiaio e mezzo di sale. Mescolate bene il tutto fino a quando il lievito non si sarà completamente sciolto. Aggiungete all'interno del recipiente 500 g di farina 0 e iniziate a impastare con le mani aggiungendo dell’acqua tiepida poco a poco. Quando l’impasto avrà raggiunto la giusta consistenza, copritelo con un canovaccio oppure utilizzate della pellicola trasparente. Riponete il recipiente in un luogo ben asciutto della vostra cucina lontano dalle fonti di calore, dall’umidità e dalle correnti d'aria.

47

Come preparare la pizza

Dopo circa due o tre ore (il tempo è comunque variabile a seconda della temperatura dell’ambiente dove l’impasto è stato conservato) il nostro impasto è pronto per essere steso. Spennellate d’olio una teglia che abbia dimensioni adeguate a contenere una pizza. Fate attenzione a distribuire l'olio alla perfezione su tutta la superficie della teglia. Adesso distribuite l'impasto nella teglia aiutandovi con le mani; con cura create i bordi della pizza. Ora, utilizzando un piccolo mortaio o comunque un utensile adeguato allo scopo o ancora premendo con forza con il palmo della mano, schiacciate leggermente due spicchi d'aglio e disponeteli sulla superficie della pizza. In alternativa l’aglio si potrebbe anche tritare, ma in questa scelta molto dipende dai gusti dei vostri commensali. Per un risultato ottimale sarà bene che prima vi informiate sui gusti personali. Aiutandovi con un cucchiaio, mettete la passata di pomodoro sulla pizza, uniformandone la distribuzione su tutta la superficie con il dorso del cucchiaio stesso. In alternativa, se vogliamo creare una pizza dal sapore più fresco, al posto della passata di pomodoro pronta, possiamo mettere sulla nostra pizza dei cubetti di pomodoro fresco. Ora non resta che aggiungere l’origano sulla nostra pizza e il condimento è pronto.

Continua la lettura
57

Come cuocere e presentare la pizza

Cuociamo la nostra pizza in forno a 250 gradi per almeno 25-30 minuti. Fate bene attenzione durante la cottura, la buona riuscita di una pizza dipende molto da questo passaggio. Possiamo considerarla pronta, quando la superficie e il bordo avranno assunto un colore leggermente ambrato.
Per quanto riguarda l’impiattamento molto dipende dall’atmosfera a tavola. Se siete fra amici, se si tratta di una cena molto conviviale e molto informale allora anche una presentazione rustica, visto anche il gusto della pizza, è molto azzeccata; magari con un accompagnamento di patate fritte da servire su un cartoccio insieme a delle salse e della birra da bere. In caso contrario potreste optate per piatti eleganti e creare in generale un’atmosfera un po’ più raffinata: non esagerate in questo senso però, la pizza è comunque un piatto che ispira giovialità.
Questa pizza è molto buona anche fredda e se è molto alta, può essere tagliata a metà e farcita con un poco di prosciutto, di speck oppure di salame. Nel caso di avanzi, la pizza può essere conservata eccellentemente anche nel nostro congelatore per un massimo di 2-3 mesi dopo essere stata tagliata in piccole fette.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Informatevi bene sui gusti dei vostri comensali, per molti l'aglio può essere un condimento sgradito da ingerire è dovrà essere quindi possibile rimuoverlo fisicamente dalla pizza (pur conservandone il sapore).
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pizze e Focacce

Come preparare la pizza alla norma

Di pizze ce ne sono per tutti e di tutti i gusti, da quelle semplici a quelle più elaborate o quelle tradizionali e tipiche regionali. In questa guida, con pochi e semplici passaggi, vi illustreremo come preparare la pizza alla norma, tipica ricetta...
Pizze e Focacce

Come preparare una pizza light

Tutti noi amiamo la pizza. Tuttavia, a volte potremmo pensare a rinunciarci, in caso in cui decidessimo di metterci a dieta o fossimo costretti a cambiare alimentazione. In realtà, potremmo continuare a portare avanti la nostra buona alimentazione, senza...
Pizze e Focacce

Come preparare la pizza com bordo ripieno

Essendo noi italiani, amanti della buona pizza, abbiamo pensato di proporre a tutti voi, una guida che riguardi proprio quest'argomento. Nello specifico vogliamo proporre un articolo, che spieghi, come poter preparare, in modo semplice e veloce, la pizza,...
Pizze e Focacce

Come preparare la pizza speck e patate

La pizza in Italia è una vera e propria istituzione da moltissimi anni. Come ben sappiamo, essa nasce a Napoli, in onore della regina Margherita. Da questo personaggio storico deriva il nome della celebre pizza a base di pomodoro, basilico e mozzarella....
Pizze e Focacce

Come preparare e conservare l'impasto per la pizza

In questo articolo cercheremo di preparare insieme una nuova ricetta e cioè quella della classica e famosa pizza. Nello specifico cercheremo d’imparare come poter preparare e conservare l’impasto per la pizza. Avere sempre a portata di mano, un impasto...
Pizze e Focacce

Come preparare la pizza funghi e patate

La pizza è uno degli alimenti più amati al mondo perché riesce a stuzzicare il palato di moltissime persone, grazie al suo sapore incredibilmente buono e alla sua consistenza morbida e gradevole. La pizza naturalmente può essere condita in svariati...
Pizze e Focacce

Ricetta: come preparare la pizza calabrese

Quando non si ha la minima idea di cosa mangiare, cosa c'è di meglio di una bella pizza fumante fatta in casa? Ebbene si, la pizza calabrese rappresenta, come la pasta, uno degli alimenti tipici della cucina italiana che ci rendono famosi in tutto il...
Pizze e Focacce

Come preparare la pizza con la frittura di pesce

La pizza con la frittura di pesce è una pietanza abbastanza atipica e bizzarra. Solitamente infatti la pizza e la frittura non si uniscono in un'unica ricetta. Eppure questo connubio non è per niente male. Ci sono soltanto alcune regole da seguire,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.