Come preparare la polenta dolce

tramite: O2O
Difficoltà: facile
18

Introduzione

La polenta è uno tra i tanti piatti tipici del Trentino Alto Adige, anche se poi largamente conosciuto in tutto il nord Italia. Ne esistono diverse varianti, adatte a tutti i palati. Lo scopo della guida è come preparare la polenta dolce. Essa è un vero e proprio dessert e può essere gustato in ogni periodo dell'anno. È una ricetta facilmente realizzabile, molto sfiziosa. Vediamo insieme come prepararla in due maniere diverse.

28

Occorrente

  • 200 gr. di farina di mais.
  • Acqua.
  • Noci.
  • Miele.
  • Farina di castagne.
  • Uvetta.
38

Polenta con castagne

La prima ricetta per la polenta dolce è realizzata con le castagne.
Prendete una pentola e versate dell'acqua che farete cuocere fino a ebollizione. Dopodiché aggiungete gradualmente la farina di castagne, ricordandovi di mescolare con un cucchiaio di legno per evitare la formazione di grumi. Mescolate tutto il composto e cuocete per 40 minuti.
Trascorso questo tempo, la polenta è cotta e può essere versata in una zuppiera precedentemente bagnata con dell'acqua molto fredda.

48

Servire la polenta

La polenta deve essere servita ben calda, direttamente negli appositi contenitori o, per chi lo preferisce, versata su una spianatoia. In quest'ultimo caso sarà necessario affettarla. Si può affiancare ad altri alimenti oppure può fare da protagonista prendendo il posto di una vera e propria portata.

Continua la lettura
58

Polenta con noci

La seconda ricetta di polenta prevede l'utilizzo delle noci utilizzando questa volta la farina di mais. Prima di tutto bisogna far bollire l'acqua in una pentola. Come la ricetta precedente, sarà necessario aggiungere gradualmente la polenta mescolando onde evitare la formazione di grumi. È consigliabile macinarla poiché in questo modo risulterà più dolce. Potete aiutarvi mediante l'uso di una frusta elettrica in modo da amalgamare per bene il tutto.

68

Cottura della polenta

Quando il composto sarà ben amalgamato e non presenterà grumi, bisogna aggiungere il sale. Dopodiché fate cuocere la polenta per circa 40 minuti. Spegnete la fiamma e aggiungete l'uvetta. Le noci devono essere tritate, aggiungete il miele e mescolate insieme alla polenta.

78

Cottura in forno

Prendete adesso una teglia ben oleata. Versate la polenta all'interno di essa, nel frattempo fate riscaldare il forno a 180°. Infornate il tutto per circa 10 minuti. Una volta che il composto è cotto, si può togliere dal forno e servire nella maniera che si ritiene più opportuno.

88

Servire la polenta

Finalmente è possibile servire la polenta in tavola, ben calda. La scelta dell'una o dell'altra può variare in base agli ingredienti a disposizione oppure dei propri gusti. La preparazione è molto semplice e si potrà essere certi del suo buon risultato finale nel momento in cui verrà gustata dai propri commensali.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

Come scegliere la polenta e cucinarla

La polenta è una delle tantissime specialità della cucina italiana. Per chi non lo sapesse, non è altro che la farina di mais che viene cotta in acqua o brodo fino a quando non si addensa e i chicchi di farina diventano liquidi. La polenta può essere...
Antipasti

Ricetta: polenta al ragù di cinghiale

La polenta è un cibo entrato a far parte da tempo della cultura culinaria italiana sopratutto nei paesi del nord, ma si prepara in tutta Italia sopratutto nelle stagioni più fredde. Ancora di più è consumata in inverno col clima molto rigido servita...
Consigli di Cucina

Polenta: 5 ricette senza carne

La polenta, sopratutto quella a base di carne, è uno degli alimenti più nutrienti e sfortunatamente anche tra i più ricchi di calorie. Esistono tuttavia delle alternative alimentari alla polenta a base di carne, che ci possono permettere di non abbandonare...
Antipasti

Come preparare degli antipasti con la polenta

La polenta è un piatto tradizione della parte settentrionale dell'Italia e in particolare della Valtellina. Generalmente, la polenta viene definita il "piatto dei poveri" proprio perché è molto economico e formato da acqua e farina di cereali. A tal...
Primi Piatti

Come preparare la polenta taragna

Con l'arrivo del freddo un buon piatto di polenta è un toccasana da non sottovalutare. In particolare la polenta taragna è una specialità valtellinese e non solo. Il perfetto connubio tra la farina di mais e il grano saraceno. Il condimento più conosciuto...
Consigli di Cucina

Come condire la polenta

La tradizione gastronomica italiana si compone di differenti ricette, tutte tipiche di una particolare zona della nostra nazione. La polenta è uno di questi. In tempi lontani era il pasto di allevatori e contadini, che usavano farine di diversi cereali....
Primi Piatti

Ricetta: polenta al radicchio

La polenta è un alimento molto usato al Nord Italia. È un piatto basato principalmente su un composto di farina di mais, acqua e sale. Accompagnato con le salse a base di pomodoro, verdure o con i funghi è davvero un ottima pietanza che soddisferà...
Primi Piatti

Come fare la polenta al tartufo

La polenta è un companatico tipico della tradizione del Nord Italia. Buona e atta alla realizzazione di tantissime ricette la polenta può essere realizzata in diversi modi e con svariate consistenza a seconda del risultato che si vuole ottenere. In...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.