Come preparare la polenta in carrozza

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La polenta è una preparazione ottenuta dalla cottura prolungata in acqua bollente della farina di cereali. È una ricetta povera, ma non per questo priva di proprietà nutritive; si accompagna molto bene a piatti, come le carni in umido, il cui sugo permetterà alla polenta stessa di ottenere un gusto unico.
Vediamo dunque, con questa guida, come preparare la polenta in carrozza in una versione che vede come ingrediente principale la mozzarella.

26

Occorrente

  • 250g di farina, preferibilmente a grana grossa
  • 1L di acqua
  • 2 uova
  • Salve, acciughe e pangrattato q.b.
  • Mozzarella tagliata a fette
36

Prima di iniziare a preparare la polenta in carrozza, scegliere preferibilmente la farina a grana grossa. Per prima cosa versare a pioggia la farina in circa 1 litro di acqua bollente leggermente salata, mescolando continuamente con un mestolo di legno o, in alternativa, con la frusta, per evitare l'eventuale formazione di grumi. Una volta terminato di versare la farina, abbassare la fiamma, continuando la cottura del composto per circa 40 minuti, sempre continuando a mescolare. Nel caso dovessero formarsi dei grumi prendere il mixer ed immergerlo nella polenta, azionandolo per qualche secondo.

46

Quando la polenta risulterà cotta stenderne uno strato in una teglia, livellandola ad un'altezza di circa 1 cm. Lasciarla raffreddare, quindi tagliarla in piccoli quadratini. Su ognuno di essi mettere una fetta di mozzarella e qualche pezzo di acciuga (da dissalare parzialmente), quindi ricoprire con un altro quadratino di polenta, schiacciando bene i lati per impedire al ripieno di uscire. Rompere le uova e sbatterle con poco sale all'interno di una terrina, versando in un'altra ciotola il pangrattato; passare la polenta prima nelle uova e poi nel pangrattato e trasferirla in una teglia da forno, precedentemente coperta con della carta forno. Dopo aver riempito uno strato con la polenta, versare un filo d'olio in superficie ed infornare per qualche minuto, per farla gratinare.

Continua la lettura
56

Per preparare la polenta in carrozza in una variante più costosa, aggiungere al ripieno, oltre alla mozzarella e all'acciuga, una fettina di pomodoro e una foglia di basilico. Se lo si desidera, può essere aggiunta anche una fetta di prosciutto cotto. Dopo aver chiuso i pezzi di polenta ripieni (per una miglior riuscita utilizzare dell'ulteriore polenta), passare i quadratini nella farina prima di immergerli nell'uovo e nel pangrattato. Per concludere friggerli in padella in abbondante olio bollente, quindi prelevarli con una schiumarola e trasferirli in un piatto sul cui fondo è stata posta della carta assorbente. Servire i quadratini caldi.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Come preparare la polenta taragna

Con l'arrivo del freddo un buon piatto di polenta è un toccasana da non sottovalutare. In particolare la polenta taragna è una specialità valtellinese e non solo. Il perfetto connubio tra la farina di mais e il grano saraceno. Il condimento più conosciuto...
Primi Piatti

Come preparare la polenta pasticciata

La polenta è un alimento sano e nutriente, un piatto considerato "povero" ma, al contempo, gustoso, molto versatile e che si presta a tantissime ricette diverse. In un'epoca in cui si è tornati alla ricerca dei piatti genuini, possiamo dire che la polenta...
Primi Piatti

Come preparare la polenta alla valdostana

La polenta, come ben sappiamo, si prepara con acqua e farina: è un piatto molto conosciuto e preparato nelle regioni del nord Italia ma, ormai, è diventata famosa in tutto il mondo. Può essere condita con varie salse o accompagnare pietanze a base...
Primi Piatti

Come preparare la polenta di castagne

La polenta di castagne è il piatto tradizionale dei piccoli paesi montani. È una pietanza preparata da secoli, un tempo pasto principale delle dieta dei contadini, oggi prelibatezza per coloro che apprezzano i sapori particolari. La polenta di castagne,...
Primi Piatti

Come preparare la polenta con verdure grigliate

Per riscaldare le serate autunnali non c'è niente di meglio che preparare una gustosa polenta con verdure grigliate. Si tratta di un ottimo piatto che può essere presentato in tavola anche quando si hanno ospiti celiaci oppure vegani. Questa specialità...
Primi Piatti

Come preparare la polenta agli spinaci con mozzarella

Se desiderate presentare in tavola un piatto unico tipicamente invernale, ecco a voi la polenta agli spinaci con mozzarella. Si tratta di una preparazione abbastanza semplice da realizzare che piace sempre a tutti. E’ ottima da gustare assieme a un...
Primi Piatti

Come preparare i canederli di polenta ripieni di formaggio

Se siete alla ricerca di un gustoso piatto autunnale da servire in tavola durante la prossima cena in famiglia, ecco a voi i canederli di polenta ripieni di formaggio. Questa specialità è adatta per scaldare le serate più fredde ed è ottima gustata...
Primi Piatti

Come preparare i cestini di polenta con funghi e formaggio

Se per una festa intendiamo arricchire il buffet con delle pietanze innovative, allora vale la pena preparare dei cestini di polenta ripieni di funghi e formaggio. Si tratta infatti, di una gustosa pietanza che sicuramente andrà a ruba, specie se servita...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.