Come preparare la salsa al rafano per il bollito misto

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Volete preparare un bollito misto di quelli che lasciano in bocca un sapore unico e riconoscibile soprattutto per i palati più raffinati? Quello che ci vuole è senza alcun dubbio un condimento adatto alla ricetta del bollito e quindi non ci sono dubbi: dovete assolutamente preparare la salsa al rafano per il bollito misto. Non sapete da dove iniziare? Niente paura! Ecco come procedere.

27

Occorrente

  • 80 g di radice di rafano, 4 cucchiai di aceto di vino bianco, 2 cucchiai di zucchero, sale
37

Che cos'è esattamente il rafano? Si tratta di una pianta della stessa famiglia del cavolo, dei broccoli e della senape. La sua radice di forma rotonda viene impiegata in cucina per fare la salsa cren adatta sia per carni che per pesce ma soprattutto per il bollito misto. La pianta è detta anche barbaforte. La salsa cren è piccante e la radice si può anche grattugiare direttamente sulle carni da condire. Per preparare la salsa bisogna utilizzare soltanto la radice.

47

Per prima cosa lavate per bene sotto l’acqua corrente la radice di rafano, asciugatela e grattugiatela all'interno di un contenitore meglio se di ceramica. Una volta espletata questa operazione potete passare al condimento. Sappiate che questa radice ha un sapore molto piccante e che quando si affetta fa lacrimare gli occhi copiosamente come o peggio della cipolla quindi tenetevi distanti il più possibile mentre tagliate. Aggiungete l’aceto, lo zucchero e il sale, amalgamando per bene gli ingredienti fino a ottenere una sorta di composto omogeneo.

Continua la lettura
57

Adesso trasferite il tutto in un mixer e frullatelo fin quando non noterete che ha assunto una consistenza cremosa. A questo punto avete già completato la vostra ricetta e la salsa di rafano o cren è pronta all'uso. Esistono delle varianti. La più simile alla ricetta originaria perché l'unica differenza è che quando la servite in tavola, potete aggiungere delle fettine di rafano per abbellire il piatto. Una cosa molto importante è chiedere agli ospiti se gradiscono la salsa o se qualcuno vorrebbe farne a meno dato il suo particolarissimo aroma. Onde evitare che qualcuno possa rovinarsi il pasto, servitela in una ciotola a parte. Alcuni invece, potrebbero preferire di grattugiare il rafano direttamente sulla carne o sul pesce.

67

Se volete conservare la vostra salsa per vari mesi, potete trasformarla in una vera e propria conserva. Dopo averla preparata, mettetela in un barattolo di vetro, chiudete con il coperchio e bollite all'interno di una pentola a bordi alti con un canovaccio. In questo modo avrete sempre a disposizione la vostra salsa di rafano. Potete anche conservarla sott'aceto ma soltanto la radice.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per attenuare il sapore piccante della radice di rafano, aggiungete un po' di pangrattato

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Antipasti

Come preparare la frittata con il rafano

Tutte le persone che amano dilettarsi nell'arte culinaria sono alla costante ricerca di nuove ricette e preparazioni con cui misurarsi, non tralasciando inoltre il grande piacere di scoprire gusti e sapori sempre diversi. A questo proposito potrebbe essere...
Antipasti

Come preparare la salsa di tamarindo

Il tamarindo è un albero tropicale, originario dell'Africa Orientale, detto anche dattero dell'India per la sua somiglianza, soprattutto nel colore, al frutto di dattero. Questo frutto esotico è molto impiegato in Medio Oriente per la preparazione di...
Antipasti

Come preparare la salsa verde per le acciughe

Una ricetta tipica della tradizione piemontese è la salsa verde per le acciughe; composta principalmente da prezzemolo, si accompagna con tutti i tipi di carne, ma nello specifico è preferibilmente accostabile al bollito. Grazie al suo gusto delicato,...
Antipasti

Come preparare la salsa rosa

Le salse, sfiziose e aromatiche, sono l'accompagnamento ideale per esaltare il sapore di alcune preparazioni. La salsa rosa, o salsa cocktail, è molto apprezzata per il suo sapore delicato e vellutato. Perfetta per sottolineare piatti a base di crostacei...
Antipasti

Ricetta: antipasto gran misto vegetale

Ecco qui pronta per tutti i nostri lettori appassionati di cucina, una nuovissima ricetta, attraverso la quale poter preparare comodamente a casa propria, un ottimo antipasto tutto a base di verdure.Proprio così, cercheremo di dar vita ad un antipasto...
Antipasti

Come preparare la salsa di senape

La salsa di senape è un tipo di condimento sicuramente molto utilizzato, è anche molto amato e conosciuto ormai da centinaia e centinaia di anni. Questa salsa citata in precedenza ha anche un effetto analgesico, da sollievo, e quindi aiuta a sopportare...
Antipasti

Come preparare la salsa all'aglio con prezzemolo

La salsa all'aglio è molto diffusa come salsa soprattutto nei paesi orientali ed è usata molto come condimento per accompagnare diverse pietanze che vanno dall'antipasto al secondo. Ovviamente a questa salsa all'aglio fatta con prezzemolo è possibile...
Antipasti

Come preparare la salsa spagnola

La salsa spagnola è conosciuta anche come salsa bruna: questo secondo nome deriva dal suo colore scuro. I componenti basilari per la preparazione di questa salsa sono certamente il fondo di cottura bruno ed il roux. Il fondo di cottura bruno viene preparato...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.