Come preparare la testa di turco

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il dolce che verrà presentato in questa guida ha origini da una storia che viene tramandata ormai come racconto. La storia narra delle battaglie del popolo siciliano di Scicli in provincia di Ragusa, contro l'impero turco che voleva presiedere il territorio. La leggenda narra che la battaglia si concluse con l'arrivo della Madonna delle Milizie, che sopraggiunse su un cavallo, cacciando via gli invasori. Per festeggiare la Santa Patrona che salvò la città, viene preparato un dolce particolare che prende il nome di testa di turco. Il motivo di tale nome è che si presenta con una forma molto simile a quella di un turbante, e si può preparare farcito di ricotta o di crema pasticceria. Vediamo attraverso questa guida come preparare questo dolce.

25

Occorrente

  • 350 gr. di farina 00; 100 gr. di strutto o burro; 300 gr. di ricotta ; 100 gr. di acqua; un pò di sale; zucchero q.b.
35

Prima di iniziare la preparazione del dolce assicuratevi di avere a disposizione tutti gli ingredienti necessari, fra cui uova e ricotta freschissima, in modo che il dolce, conservato in frigo, si possa mantenere anche 2-3 giorni. La ricetta originaria prevede l'uso di strutto, ma andrà bene anche del burro di ottima qualità.
Iniziate facendo sciogliere lo strutto con l'acqua, finché non si arriverà ad ottenere il bollore. Nel frattempo preparate, in una spianatoia, la farina a fontana, a cui aggiungerete le uova, un pizzico di sale e lo strutto diluito. Quindi iniziate a lavorare l'impasto fino a che non diventi fluido e omogeneo, cioè senza grumi.

45

Inseritelo in una sac à poche, con la punta a stella grande, e create così con l'impasto delle montagne, che andranno adagiate sulla placca del forno, in cui avrete disposto, precedentemente, della carta antiaderente. Infornate, in forno già caldo, per 30 minuti a 180°. Pan class="sub">È importantissimo non aprire il forno durante la cottura, perché ciò farebbe abbassare repentinamente la temperatura all'interno, e le teste di turco potrebbero afflosciarsi. A tal proposito è auspicabile, non uscire subito i dolcetti dal forno, quando sono cotti, ma spegnerlo e aspettare almeno 5 minuti prima di estrarli.

Continua la lettura
55

Durante la cottura delle basi della testa di turco, potrete procedere a preparare la crema. Se scegliete di fare la crema di ricotta dovrete mescolarla per bene insieme a qualche goccia di room per dolci. Pronto il dolce, e lasciato raffreddare un po', si può procedere a creare un foro e versare mediante sac à posh la crema di ricotta all'interno, oppure tagliare la testa di turco a metà per rendere l'operazione più semplice. Stessa identica procedura si può ripetere utilizzando la crema pasticcera bianca o al cioccolato.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Dolci

Come preparare il kebab al cioccolato

In questa guida verranno dati utili consigli su come preparare il kebab al cioccolato. Esso normalmente viene chiamato anche "choco kebab", ed è molto semplice da realizzare. Il piatto tradizionale e classico è a base di carne, tipicamente turco, che...
Dolci

Come preparare la torta fredda al mascarpone

I dessert risultano particolarmente graditi in qualsiasi momento della giornata. Tanto che, non esiste regola per poterli servire. Ma, il menù delle feste deve necessariamente contenerle. In questo caso vi propongo una buonissima torta fredda al mascarpone....
Dolci

Come preparare i biscotti fiammifero

I biscotti fiammifero non sono altro che dei deliziosi dolcetti realizzati con la pasta frolla. Anche se la loro preparazione è davvero facile, il risultato sarà oltremodo simpatico. Vengono utilizzati spesso e volentieri per le feste dei più piccoli,...
Dolci

Come preparare la marmellata di mandarini

Le marmellate sono dei particolari alimenti dolci realizzati mediante l'utilizzo di agrumi e zucchero. È opinione comune, infatti, che alla categoria "marmellate" si possano ascrivere tutte le confetture realizzate utilizzando frutti qualsiasi, ma in...
Dolci

Come preparare la marmellata di mango

Il mango è un frutto esotico chiamato anche "principe dei frutti" perché possiede delle caratteristiche molto raffinate. Nel nostro paese il mango viene venduto ancora acerbo mentre in America del sud e in Africa lo si può gustare maturo perché in...
Dolci

Come preparare la crostata con salsa di prugne al melograno fresco

In questa guida va darò dei consigli fondamentali per preparare la vostra crostata nel migliore dei modi. La crostata è da sempre considerata uno dei dolci più apprezzati dagli italiani e proprio per questo ancora oggi escono diverse ricette su come...
Dolci

Come preparare il migliaccio dolce con gli spaghetti

In cucina si possono preparare molteplici dolci, ma non solo. Infatti un piatto gustoso che non può mancare nella cucina degli italiani, è la pasta. La pastasciutta è un tipico piatto della tradizione culinaria italiana. Difatti gli spaghetti vengono...
Dolci

Come preparare i tartufini al liquore

La pasticceria consente di fare un infinità di dolci e pasticcini. Le ricette variano secondo gli ingredienti e le modalità di preparazione. Si possono creare torte classiche ed elaborate. Infine i piccoli e minuziosi dessert. Tra questi i tartufini...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.