Come preparare la vellutata di gamberi

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Come preparare la vellutata di gamberi

La vellutata di gamberi è una gustosa ricetta di origine francese; essa è abbastanza apprezzata anche alle nostre latitudini. È una minestra semplice da cucinare che richiede circa un'ora di tempo. Nel tutorial vengono dati alcuni utili consigli su come è possibile preparare la vellutata di gamberi in modo semplice e veloce, ottimizzando tempo ed energie. È opportuno seguire passo passo le indicazioni che vengono date; in questo modo si può ottenere un piatto davvero alla portata di tutti.

25

Preparazione degli ingredienti

La prima cosa da fare è quella di procurarsi tutte le materie prime che sono necessarie. Per una buona riuscita del piatto gli ingredienti devono essere freschi e di prima qualità. A questo punto bisogna togliete le teste ed i gusci ai gamberi; essi vanno messi da parte e si utilizzano successivamente per il brodo. Intanto si scalda l'olio in una pentola abbastanza larga, si aggiungono le teste ed i gusci dei gamberi e si cuoce il tutto a fiamma alta. Poi, si mescola accuratamente fino a quando cominciano a dorarsi. In seguito si abbassa la fiamma e si soffriggono per circa 5 minuti le cipolle, le carote ed il sedano. È consigliabile mescolare con cura fino a quando le cipolle cominciano ad ammorbidirsi.

35

Preparazione della ricetta

Arrivati a questo punto si aggiungono nella pentola l'acqua, il succo di limone, il concentrato di pomodoro e le erbe aromatiche. Quando il brodo giunge ad ebollizione si deve abbassare la fiamma, coprire e fare sobollire per circa 25 minuti. Dopo questo lasso di tempo bisogna filtrare il brodo. Adesso si deve sciogliere il burro a fiamma media in una pentola; poi, si aggiunge la farina e si mescola con cura. Successivamente si deve incorporare, a piccolo dosi, il Brandy al brodo di gamberi e si mescola con forza per renderlo omogeneo. Si lascia insaporire per qualche minuto ed in seguito si procede alla "riduzione".

Continua la lettura
45

Riduzione del brodo

Dopo aver atteso qualche minuto si comincia la riduzione della zuppa coprendola e facendola sobollire per 5 minuti circa, mescolando spesso. Si filtra la zuppa in un'altra pentola e si aggiungono la panna ed altro succo di limone per insaporire. Nella fase finale si versano anche i gamberi; poi, si serve il brodo accompagnato dai gamberi e da qualche foglia di prezzemolo. A questo punto è pronta una pietanza gustosa e salutare; essa può essere portata in tavola sia a pranzo che a cena. Inoltre, si può gustare durante tutto l'anno, magari accompagnata da qualche fetta di pane tostato e da un velo di olio extravergine d'oliva versato "a crudo".

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Come preparare la vellutata di piselli allo yogurt

Se vuoi portare il colore e il gusto della primavera sulla tua tavola, ecco per te la ricetta di un piatto raffinato e gustoso: la vellutata di piselli allo yogurt. Si tratta di una soffice crema di piselli arricchita dal profumo della menta, dalla croccantezza...
Primi Piatti

Come preparare il risotto ai funghi su vellutata di bietole

Il risotto ai funghi su vellutata di bietole è una vera golosità. È il primo piatto ideale da preparare quando sono previsti ospiti a cena che non sanno rinunciare ai piaceri della buona tavola. La consistenza cremosa della vellutata abbinata a quella...
Primi Piatti

Come preparare una vellutata di zucca light

Le vellutate sono dei piatti super veloci che si possono fare in mille modi. I prodotti base da utilizzare sono i legumi, le verdure e gli ortaggi. In quest'ultima categoria, la zucca figura ai primi posti. Tanto che viene adoperata per preparare vari...
Primi Piatti

Come preparare la vellutata di verdure miste

La vellutata di verdure miste può essere definita sia una zuppa che un primo piatto, ed in entrambi i casi come del resto si evince dal nome stesso, è una pietanza molto delicata e nel contempo raffinata. La ricetta tra l'altro è cremosa e colorata,...
Primi Piatti

Come preparare la zuppa di gamberi

La zuppa di gamberi è una saporita ricetta della tradizione italiana, semplice da portare in tavola, ma sempre deliziosa. Questa piatto da veri gourmet è adatto per stupire gli ospiti nelle occasioni speciali, grazie al suo intenso profumo di mare....
Primi Piatti

Come preparare una vellutata al cavolo viola

La vellutata con il cavolo viola è un primo piatto dal gusto delicato e raffinato. Realizzata con ingredienti semplici e genuini, è in grado di accontenate anche i palati più esigenti. Il gusto pieno del cavolo viola si attenua grazie alla cremosità...
Primi Piatti

Come preparare la vellutata di porri e funghi

La vellutata di porri e funghi è un piatto tipicamente invernale che rientra nella categoria dei cosiddetti comfort food perché con il suo calore ed i suoi profumi è in grado di regalarci la sensazione di un caldo abbraccio anche durante una fredda...
Primi Piatti

Come preparare la vellutata ai funghi porcini secchi

Ogni stagione si cerca sempre di preparare dei piatti, utilizzando prodotti del periodo. Questa è la migliore scelta perché risulteranno ancora più buoni. In autunno per esempio sono protagonisti alimenti che hanno il sapore di bosco. Tra i tanti troviamo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.