Come preparare la vellutata di patate al tartufo nero

tramite: O2O
Difficoltà: media
Come preparare la vellutata di patate al tartufo nero
16

Introduzione

Senza dubbio le patate rivestono un ruolo determinante nella cucina italiana. Per la loro versatilità e facilità di accostamento, sono presenti in molte ricette, sia dolci che salate. In qualsiasi modo si vogliano cucinare, i tempi di cottura sono abbastanza brevi e, in poco tempo si possono preparare dei contorni e degli antipasti, mantenendo intatto il loro sapore. Quella di cui parleremo oggi è la vellutata di patate. Generalmente si presenta come una crema e può essere gustata sia a pranzo che a cena, in particolar modo, nelle serate fredde invernali, per riscaldarsi. È una pietanza che può essere arricchita con diverse verdure o con l'aggiunta di un ingrediente che ne esalti il sapore, come per esempio il tartufo nero, un fungo capace di rendere unico qualsiasi piatto. Basterà usarne pochi grammi, giusto per impreziosire le nostre portate. Dilettiamoci a leggere i passi di questa guida, per attingere delle utili informazioni su come preparare la vellutata di patate al tartufo nero.

26

Occorrente

  • Zenzero
  • Patate
  • Limone
  • Finocchietto selvatico
  • Tartufo nero
  • Cipolla bianca
  • Olio,
  • Sale e pepe q.b
  • Dado vegetale
36

Come prima cosa pelate le patate e, con l'aiuto di un coltello ben affilato, tagliatele a cubetti non troppo precisi, perché verranno frullate in seguito. Una volta che avrete preparato le patate, passate allo zenzero. Rimuovete la parte esterna di quest'ultimo e realizzate delle fette abbastanza grandi da poter poi rimuovere, perché dovrà cuocere per infusione. Prendete quindi la cipolla bianca e tagliatela a fettine sottili. Procuratevi una casseruola di medie dimensioni e aggiungete l'olio extravergine di oliva e la cipolla bianca, lasciandola imbiondire a fuoco basso.

46

Non appena la cipolla comincerà a diventare trasparente, aggiungete le patate, lo zenzero, il finocchietto e un piccolo tartufo nero tagliato a dadini. A parte prendete una pentola, inserite al suo interno dell'acqua e un dado vegetale, poi mettetela suo fuoco. Sciolto il dado, spegnete il fuoco aggiungete il brodo così preparato nell'altra casseruola. Mettete a questo punto il coperchio e lasciate cuocere quindi o venti minuti a fuoco basso.

Continua la lettura
56

Quando le patate saranno diventate morbide, potete rimuovere lo zenzero, che avrà già sprigionato le sue proprietà balsamiche. Adesso frullate le patate con la cipolla e il finocchietto, servendovi di un frullatore ad immersione. La vellutata è pronta. Mettetela su di un piatto da portata, aggregando un trito di finocchietto e scorza di limone non trattato, scaglie di tartufo nero e un pizzico di sale e pepe. Buon appetito.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per una buona degustazione del piatto, è consigliabile servire la vellutata ancora fumante.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

3 ricette di primi con tartufo

Quando si lavora ai fornelli è molto importante dare una certa ventata di freschezza e novità al proprio modo di cucinare. Questo ci consente di ottenere non solo delle ricetta sempre e nuove e gustose, ma anche di evitare di cadere nell'oblio della...
Primi Piatti

Come preparare un risotto al tartufo

Se in occasione di una cena importante, desiderate portare in tavola una pietanza davvero speciale, allora potrete preparare un delizioso risotto al tartufo, che è sicuramente l'ideale per ottimizzare il risultato. Si tratta di un primo piatto molto...
Primi Piatti

10 primi a base di tartufo

Il tartufo, è un alimento molto pregiato, che si utilizza come ingrediente aggiuntivo a pietanze davvero speciali. Esistono varie modalità di utilizzo di questa prelibatezza e vengono anche preparati diversi tipi di olio contenente questa specialità....
Carne

10 secondi a base di tartufo

I tartufi sono una specie di funghi ipogei molto rari, perché la loro crescita è condizionata molto dal clima. Il maggior produttore mondiale ed esportatore di tartufi è l'Italia, che possiede tutte le specie di tartufo utilizzate in gastronomia. Il...
Primi Piatti

Ricetta: fusilli alla crema di tartufo

Il tartufo è un particolare fungo sotterraneo. Cresce sottoterra a stretto contatto con querce e lecci. Il tartufo è una vera e propria prelibatezza della cucina mondiale. Ne esistono di svariati tipi e gusti. Alcuni raggiungono prezzi esorbitanti per...
Consigli di Cucina

5 piatti a base di tartufo

Molti chef si riferiscono a loro come il 'diamante della cucina', altri, appena odorano l'aroma che questi gustosi tesori emanano, iniziano a sognare. Pensate che uno che pesava più di 4 chili e aveva le dimensioni di un pallone da football americano...
Consigli di Cucina

5 modi di utilizzare il tartufo

Il tartufo viene spesso, e non a torto, definito il diamante del mondo culinario. Classificati principalmente in base al loro aspetto, profumo e gusto, i tartufi sono particolarmente apprezzati per merito delle loro qualità aromatiche in grado di conferire...
Primi Piatti

Tortellini al tartufo

Per un'occasione importante o una ricorrenza festiva, ecco un primo piatto delizioso ed accattivante: i tortellini al tartufo. Con questa pietanza, di semplice esecuzione, si riscuoterà certamente un gran successo in tavola. La difficoltà maggiore potrebbe...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.