Come preparare la zuppa di cavolo nero al cotechino

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Quando arriva l'inverno inevitabilmente il freddo la fa da padrone. Quindi è fondamentale contrastare il freddo magari adoperandosi in cucina. A tal proposito possiamo prendere in considerazione l'idea di preparare ai fornelli qualcosa di caldo, così, oltre a gustare una pietanza deliziosa, abbiamo anche un'occasione per riscaldarci. Le zuppe possono fare al caso nostro e proprio in questa guida ne vedremo una davvero molto particolare. Per cui vediamo come poter preparare la zuppa di cavolo nero al cotechino in maniera molto semplice e rapida.

25

Occorrente

  • 100 g di cotechino già cotto o precotto
  • sale e pepe
  • 150 g di lenticchie in barattolo
  • grana padano grattugiato
  • burro
  • 8-10 foglie di cavolo nero
  • brodo vegetale
  • 1 scalogno
  • vino bianco secco
  • 1 bicchierino di brandy
  • 30 g burro
35

Dobbiamo prima di tutti preparare i nostri ingredienti. Quindi dobbiamo pulire e lavare il cavolo nero, in questa fase dobbiamo dividere i gambi dalle foglie. Quindi tagliamo entrambi gli elementi in piccoli pezzi. Successivamente possiamo spellare il cotechino in dadini abbastanza piccoli. Dopodiché possiamo sgocciolare per bene le lenticchie, quindi sciacquiamole sotto acqua corrente fredda. Infine dobbiamo spellare anche lo scalogno, quindi dobbiamo tritarlo accuratamente in maniera molto fine.

45

A questo punto possiamo dedicarci al soffritto. Per cui possiamo rosolare a fuoco molto basso i gambi del cavolo nero, lo scalogno e il burro all'interno di una casseruola. In questa fase è fondamentale porre molta attenzione a non bruciare gli ingredienti utilizzati per la preparazione del soffritto. Durante la cottura possiamo irrorare il tutto con del brandy, facendo attenzione ad eventuali fiamme. Quindi sfumiamo anche con un po' di vino per dare una maggiore decisione al gusto.

Continua la lettura
55

Abbassiamo a fine cottura la fiamma, quindi aggiungiamo due mestoli di brodo bollente e mescoliamo accuratamente. Continuiamo la cottura per circa dieci minuti, aggiungendo altro brodo caldo nel momento in cui quello aggiunto precedentemente è evaporato. Quindi continuiamo a mescolare volta per volta. Possiamo inserire le lenticchie sgocciolate e le foglie del cavolo nero e proseguiamo la cottura per circa sei/otto minuti. Contemporaneamente facciamo saltare il cotechino a fiamma piuttosto viva in una padella antiaderente per due/tre minuti, al termine dei quali possiamo spegnere la fiamma. Inseriamo il cotechino nella zuppa e quindi possiamo anche aggiungere del burro e del grana padano grattugiato. Aggiustiamo di pepe e sale, qualora ovviamente fosse necessari. Quindi lasciamo insaporire mescolando il tutto per non più di due/tre minuti, per evitare di bruciare la nostra zuppa.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Come fare la zuppa di cavolo nero

Il cavolo nero è una verdura che si caratterizza per le foglie di colore alquanto scuro e dotate di differenti bolle. Si distingue, inoltre, dagli altri tipi di cavolo perché non ha la consueta forma rotonda. È universalmente riconosciuto come fonte...
Primi Piatti

Ricetta: zuppa di cavolo nero

La zuppa di cavolo nero è uno dei piatti più antichi e gustosi dell'antica tradizione culinaria toscana. La preparazione di questa prelibatezza dal sapore rustico richiede circa tre ore e la presenza molte verdure e molti legumi da tenere in ammollo...
Primi Piatti

Come preparare gli spaghetti al cavolo nero

Il cavolo nero è una tipologia di verdura che contiene numerose sostanze nutrienti. Parecchio appropriato per le diete ipocaloriche, questo alimento ricco di sali minerali riesce ad insaporire in modo sapiente qualsiasi genere di piatto.Avete intenzione...
Primi Piatti

Come preparare il pesto di cavolo nero

Se volete realizzare una salsa davvero gustosa e dal sapore originale potete senza dubbio orientarvi sul pesto di cavolo nero. Si tratta di una ricetta piuttosto comune che conferisce ai piatti un gusto unico e può essere utilizzata per la preparazione...
Primi Piatti

Come preparare la pasta col cavolo nero

La natura mette a nostra disposizione un'infinità di prodotti differenti che potremo utilizzare per preparare moltissime pietanze molto gustose e salutari, ma se siamo alle prime armi con il mondo della cucina, riuscire a combinare i vari ingredienti...
Primi Piatti

Ricetta: minestra di cavolo nero

Durante i periodi invernali è bene assumere i più svariati tipi di cibi, in modo tale da assicurarsi il giusto nutrimento quotidiano e, perché no, anche diverse proprietà e benefici. Non tutto quello che mangiamo, in effetti, contiene delle proprietà...
Primi Piatti

Ricetta: Bigoli al cavolo nero

Volete cucinare un primo piatto semplice, gustoso e nutriente? Se la risposta è sì, allora potreste cimentarvi nella preparazione della pasta al cavolo nero. Il cavolo nero è un ortaggio caratterizzato dalle numerose proprietà nutrienti e da un sapore...
Primi Piatti

Ricetta: risotto saporito con foglie di cavolo nero

Il cavolo nero è una varietà del cavolo coltivata soprattutto in Toscana. Si tratta di una pianta invernale costituita da lunghe foglie carnose e grinzose di colore verde scuro. Questo ortaggio è apprezzato non solo per il suo gusto, più dolce e meno...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.