Come preparare la zuppa di pane con la ricotta affumicata

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Abbiamo comprato troppo pane e dopo qualche giorno non è più mangiabile perché ormai troppo duro. Buttarlo via ci pare proprio uno brutto spreco. Vorremmo quindi riutilizzarlo ma non sappiamo come. Le nostre nonne sapevano bene come riciclarlo, perché facevano delle zuppe davvero buone, spesso utilizzando anche altri avanzi. Se vogliamo dare nuova vita al pane raffermo possiamo preparare una buona zuppa calda, ottima soprattutto nei mesi invernali. Per dargli un sapore ancora più gustoso possiamo aggiungere altri ingredienti, come la ricotta affumicata.

26

Occorrente

  • pane casereccio raffermo 1 forma
  • carne per bollito 1 kg
  • osso da brodo 1
  • sedano 2 costole
  • carote 2
  • cipolla 1 grossa
  • erbe aromatiche 1 mazzetto
  • semi di finocchio 1 pizzico
  • ricotta affumicata 300 gr
  • burro 80 gr
  • pepe qb
  • sale qb
36

Laviamo sotto l'acqua corrente le verdure e mondiamole delle parti rovinate. Tagliamole a pezzettoni grossolani, senza preoccuparci di renderli tutti uguali. Prendiamo una pentola molto capiente e mettiamoci la la carne, l'osso, il mazzetto di erbe aromatiche, i semi di finocchio e mezzo cucchiaio raso di sale grosso. Versiamoci dentro 2 litri e mezzo di acqua fredda e mettiamo la pentola sul fuoco. È molto importante che l'acqua sia fredda perché in questo modo tutti gli ingredienti lasceranno meglio il loro sapore nel brodo. Quando raggiunge l'ebollizione togliamo la schiuma superficiale e copriamo con il coperchio. Lasciamo cuocere a fiamma media per circa un'ora e 20 minuti.

46

Preleviamo la carne dal brodo e teniamola da parte. Potremo infatti riutilizzarla per preparare altre ricette secondo il nostro gusto. Eliminiamo l'osso da brodo e filtriamo il brodo in un colino cinese ricoperto dalla carta assorbente da cucina. Versiamolo nuovamente nella pentola e portiamolo ad ebollizione. Intanto affettiamo il pane raffermo e facciamolo tostare leggermente dentro al forno già caldo a 210° C per alcuni minuti. Se è già molto secco, però, non occorre tostarlo ulteriormente.

Continua la lettura
56

Disponiamo uno strato di pane in una zuppiera dorata di coperchio. Grattugiamo la ricotta con un grattugia con i fori grossi. In alternativa passiamola molto brevemente dentro al mixer, in modo che la spezzetti un po' senza ridurla in poltiglia. Cospargiamone un terzo sul pane e pepiamo abbondantemente. Quindi irroriamo con 2-3 cucchiai di burro fuso in una padella. Ripetiamo l'operazione facendo altri due strati nello stesso modo. Versiamoci sopra circa un litro e mezzo di brodo. Poi irroriamo con il burro rimasto e lasciamo riposare per circa 10 minuti. In questo modo il pane si inzupperà per bene e un po' di brodo rimarrà sul fondo. Serviamo subito dopo ancora ben caldo.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Possiamo conservare la zuppa di pane in frigorifero per 2 giorni
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Primi Piatti

Come preparare la zuppa di pane alle cipolle

Sta arrivando l'inverno, e con l'arrivo della nuova stagione, cambia anche il nostro modo di portare il cibo in tavola. Le colorate insalatone estive vengono sostituite, infatti, da piatti più corposi e succulenti, e brodo e zuppe entrano a far parte...
Primi Piatti

Come preparare la zuppa di pane con cipolle al latte

La ricetta che presentiamo rientra a pieno titolo nella categoria del cosiddetto "comfort food", cibo che, particolarmente in questa stagione, nelle giornate più umide, fredde e piovose dell'inverno, può soddisfare il nostro appetito, deliziarci con...
Primi Piatti

Come preparare le quenelle di pane e ricotta

Le quenelle appartengono alla tradizionale cucina internazionale. La caratteristica forma ad uovo racchiude una farcia cremosa dalle numerose varianti. In base ai gusti, le quenelle si possono servire a crudo oppure dopo una breve cottura. Le quenelle...
Primi Piatti

Ricetta: zuppa con ricotta

La zuppa di ricotta è un piatto appartenente alla tradizione popolare Toscana, molto popolare sia in Maremma che sul Monte Amiata. Questo piatto, fa parte sicuramente dei piatti più poveri di questa cucina poiché è legato strettamente alla vita nomade...
Primi Piatti

Come preparare la zuppa toscana

La zuppa è il piatto per eccellenza che permette di riscaldarsi soprattutto durante la stagione fredda. Una delle preparazioni più famose è la zuppa toscana. Si tratta di una pietanza che prevede l'aggiunta del cavolo nero. Inoltre, la tradizione prevede...
Primi Piatti

Come preparare la zuppa di gamberi

La zuppa di gamberi è una saporita ricetta della tradizione italiana, semplice da portare in tavola, ma sempre deliziosa. Questa piatto da veri gourmet è adatto per stupire gli ospiti nelle occasioni speciali, grazie al suo intenso profumo di mare....
Primi Piatti

Come preparare le trofie con provola affumicata e noci

Le trofie sono una tipologia di pasta, solitamente fresca, che viene fatta attorcigliando su se stesso un filo di pasta. Sono ottime per trattenere qualunque tipo di sugo, ed ideali quindi per abbinarle a tanti tipi di ricette. Durante il periodo invernale...
Primi Piatti

Come preparare la zuppa di pesce al timo

La zuppa di pesce al timo è un piatto gustoso, amato da chi non sa resistere alla tentazione dei sapori del mare. Se avete una pentola a pressione a portata di mano, in soli trenta minuti riuscirete a preparare una deliziosa zuppa da accompagnare in...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.