Come preparare la zuppa dolce norvegese

tramite: O2O
Difficoltà: facile
Come preparare la zuppa dolce norvegese
16

Introduzione

La zuppa dolce norvegese è una zuppa preparata utilizzando la frutta come ingrediente principale e può essere servita calda o fredda, a seconda della ricetta. Alcune di queste zuppe prevedono diverse varietà di frutta e bevande alcoliche come il rum, lo cherry e il kirsch (un distillato di frutta). La zuppa norvegese può essere servita anche come dessert, soprattutto durante la stagione calda; quella classica prevede l'impiego di frutta secca, come ad esempio le prugne secche e l'uva passa, potendo così essere preparata in qualsiasi periodo dell'anno. Questa zuppa può includere il latte o la panna, il succo d'uva, le spezie dolci e bevande alcoliche come il vino dolce, il vino bianco, il brandy o lo champagne. Ma ora vediamo come preparare la zuppa dolce norvegese.

26

Occorrente

  • 2,5 litri di acqua
  • 250 g di uva sultanina
  • 20 prugne secche
  • 20 chiodi di garofano
  • 1 stecca di cannella
  • 6 cucchiai di farina di tapioca
  • 1 litro di succo di uva
  • 200 g di zucchero semolato
  • Il succo di 2 limoni
  • Sale q.b.
36

Aiutandovi con la lama di un coltello, snocciolate accuratamente le prugne secche ed immergetele in una terrina colma di acqua fredda, insieme all'uva sultanina. Vi consigliamo di lasciare a bagno almeno per un paio d’ore, così che possano reidratarsi adeguatamente.
Spezzate il bastoncino di cannella, unitelo ai chiodi di garofano e posizionate il tutto al centro di un fazzoletto di cotone o di lino: chiudete i bordi del panno, così da formare un sacchetto, e mettetelo da parte.

46

In una pentola abbastanza capiente, versate 2,5 litri di acqua, immergetevi la frutta precedentemente reidratata ed il sacchetto delle spezie; fate bollire a fuoco moderato per circa 30 minuti. Aggiungete la farina di tapioca e mescolate accuratamente, per evitare la formazione dei grumi, continuando la cottura fino a quando la farina non si sia completamente disciolta, quindi unite il succo d’uva, lo zucchero semolato ed aggiustate di sale. Girate il tutto per un paio di minuti ancora; infine spegnete, togliete il sacchetto con le spezie e lasciate raffreddare bene.

Continua la lettura
56

Appena la zuppa sarà fredda, insaporite con il succo di limone e posizionatela all'interno del frigorifero per almeno un paio d’ore. Potete servire la pietanza in semplici piatti fondi, in coppette o in bicchieri da cocktail, magari costellandola con qualche cucchiaio di yogurt intero, semplice o alla frutta, ed accompagnandola con degli ottimi biscotti allo zenzero o al sesamo. In alternativa alle prugne, potete usare anche delle albicocche secche, seguendo sempre lo stesso procedimento di reidratazione sopra descritto. Vi suggeriamo di conservare la zuppa in frigorifero per non più di tre giorni.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Conservate in frigorifero al massimo per 2-3 giorni.
  • Potete sostituire le prugne secche con delle albicocche: il risultato sarà altrettanto gustoso.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucina Etnica

Come preparare la zuppa al curry

Siete in vena di sperimentare la cucina orientale? Se la risposta è sì, questa guida farà certamente al caso vostro. Infatti, nei passi a seguire, vi proporrò la ricetta di una gustosissima zuppa nella quale verrà utilizzato il curry, una miscela...
Cucina Etnica

Come preparare la zuppa di miso

La zuppa di miso (o misoshiru) è un piatto classico della cucina giapponese. Andrebbe servita calda, essendo una zuppa, e questo la rende adatta soprattutto all'inverno. Tuttavia potrete consumarla in qualsiasi stagione, a seconda del vostro gusto. La...
Cucina Etnica

Come preparare la zuppa cinese

Le ricette appartenenti alla cucina cinese sono davvero svariate, riguardanti specialmente zuppe e minestre. Per mera tradizione, questo piatto non viene mai servito come primo piatto ma, al contrario, sempre come seconda portata, preceduto da piatti...
Cucina Etnica

Zuppa di lenticchie alle 5 spezie

Per stare bene e in salute è necessario seguire una dieta sana ricca di proteine, vitamine e di alimenti sostanziosi. Sicuramente mangiare frutta, verdura, legumi e cereali può aiutare a far sentire l'organismo più vivo e pieno di energia. Se avete...
Cucina Etnica

Zuppa di cipolle alla persiana

In questa breve guida, ci occuperemo di fornire dei semplici ma validi suggerimenti per realizzare in breve tempo e nel migliori dei modi, la zuppa di cipolle alla persiana. Si tratta di una ricetta molto apprezzata e versatile che può essere gustata...
Cucina Etnica

Ricetta: zuppa di ceci all'indiana

Le ricette etniche iniziano ad attirare e soddisfare sempre di più i palati mediterranei. Buonissimi e molto speziati questi piatti sono in grado di rompere la solita routine culinaria quotidiana e darci degli spunti alternativi per personalizzare il...
Cucina Etnica

Come fare la zuppa fredda al tofu e alghe

La zuppa al tofu, alghe e miso, servita con riso e verdure in salamoia, è un tipico pasto quotidiano Giapponese. Le alghe, ricche di vitamine, fibre e proteine, sono comunemente usate nella cucina orientale, come nella coreana e la cinese, insaporiscono...
Cucina Etnica

Zuppa di ceci alle 5 spezie

La zuppa di ceci alle 5 spezie, il cui vero nome è "Harira", è una zuppa diffusa soprattutto in Marocco; tale pietanza viene degustata in occasione del periodo conclusivo del Ramadan, interrompendone, quindi, il digiuno.È un piatto composto prevalentemente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.