Come preparare le crespelle di San Martino

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Le crespelle di San Martino sono dei dolcetti di origine siciliana molto apprezzati anche nel resto delle regioni italiane. Esse sono piuttosto facili da preparare e non necessitano di troppi ingredienti. Nella seguente guida pertanto verrà spiegato, in pochi e semplici passaggi, come preparare le crespelle di San Martino.

25

Occorrente

  • 550 grammi di farina di grano duro, 1 cubetto di lievito di birra, poca acqua, poco zucchero, semi di finocchio e olio per friggere
35

Preparare l'impasto

Innanzitutto prendete un contenitore capiente e cominciate a sciogliervi dentro il lievito con un po' di acqua tiepida. Quando il lievito si sarà sciolto, aggiungete lo zucchero ed i semi di finocchio. Mescolate ancora ed aggiungete lentamente a pioggia la farina. Impastate bene il tutto con le mani fino ad ottenere un composto di consistenza media, molto più morbido di quello che si usa per l'impasto della pizza. Quando l'impasto risulterà ben amalgamato, coprite il contenitore con un canovaccio umido e mettetelo a lievitare per un paio d'ore circa in un luogo riparato da correnti d'aria.

45

Friggere in padella

Trascorso il tempo necessario per la lievitazione (l'impasto dovrà raddoppiare di volume), prendete una padella e versateci dentro abbondante olio per friggere. Quando l'olio risulterà caldo, ma non bollente, aiutandovi con un cucchiaio prendete un po' del composto lievitato e fatelo scivolare lentamente nella padella. Mettete nell'olio pochi pezzi per volta per evitare di abbassare troppo la temperatura e compromettere così la giusta cottura delle frittelle. Friggete in questo modo fino ad esaurimento di tutta la pasta, girando di tanto in tanto le crespelle per evitare che si brucino. Toglietele dall'olio quando si saranno colorate uniformemente di un bel colore ambrato e poggiatele su di un piatto rivestito con carta assorbente per far assorbire l'unto in eccesso. A questo punto mettete in una ciotola dello zucchero vanigliato e rotolatevi dentro le crespelle ad una ad una. Disponetele su di un piatto da portata e poi servitele subito.

Continua la lettura
55

Fare delle varianti

Questa è la ricetta originale siciliana ma ne esistono numerose varianti. C'è, ad esempio, chi usa unire all'impasto della buccia grattugiata di limone non trattato. Altri aggiungono al composto gocce di cioccolato fondente. Vi è poi chi incorpora nell'impasto dell'uva passa infarinata, dei pinoli o dei canditi. Ricordatevi infine di usare un piccolo accorgimento per preparare questi meravigliosi dolcetti: ungete con l'olio il contenitore in cui preparate il composto in modo tale che quando impastate con le mani, la pasta non si attacchi alle pareti di quest'ultimo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Dolci

Come preparare le frittelle di San Martino

Le frittelle di San Martino si preparano di solito per l'11 di Novembre e sono una ricetta tradizionale e povera che appartiene al passato. Era proprio all'inizio di Novembre che si usava consumare questo semplice dolce fritto da portare a chi lavorava...
Dolci

Come preparare il dolce di San Martino

In Italia, le feste tradizionali sono numerose e spesso legate alle singole regioni o città. Quella di San Martino è una festa tipica di Venezia: l'undici novembre i bambini girano per le calli della città armati di coperchi e pentole per chiedere...
Dolci

Ricetta: crespelle con marrons glacès

Oggi vi presentiamo la ricetta delle crespelle con marrons glacès, un dolce dal sapore delicato e relativamente facile da preparare. In effetti la parte più impegnativa consiste nella preparazione delle crespelle, mentre la parte più facile è quella...
Dolci

Crespelle calabresi

Farcite con acciughe, pomodorini, miele o ricotta e presentate sotto diverse forme (allungata per il ripieno all'acciuga o rotonde per quelle ripiene alla ricotta) il modo più tradizionale e semplice per preparare le crespelle è quello con farina, acqua,...
Dolci

Come preparare le frittelle di riso di San Giuseppe

Le frittelle di riso di San Giuseppe prendono questa denominazione per il fatto che, in Toscana, rappresentano una vera prelibatezza che generalmente viene gustata il 19 Marzo, giorno che coincide con la "festa del babbo". Si tratta di dolci fritti, preparati...
Dolci

Come preparare i biscottini di San Valentino con confettura di prugne

Con il San Valentino alle porte ci affligge il pensiero di cosa regalare al nostro partner. Evitare i soliti regali e creare qualcosa di gustoso può essere una soluzione. Infatti mettere dell'amore per realizzare una ricetta buona e dal bell'aspetto...
Dolci

Crespelle meringate: ricetta

Le crespelle meringate sono un dolce a base delle ben note crepes, pietanza ritenuta tipica della cucina francese. Le crespelle ben si prestano a preparazioni dolci e salate. Accompagnate da panna e creme o da salumi e formaggi, sulla tavola faranno sempre...
Dolci

Ricetta: crespelle di riso al miele

L'Italia è probabilmente uno dei paesi in cui si mangia meglio al mondo: la dieta mediterranea, i prodotti tipici e l'enogastronomia italiana in generale ricevono apprezzamenti da ogni parte del globo. Ciò che è davvero interessante è che ogni zona...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.