Come preparare le frittelle alla polenta

tramite: O2O
Difficoltà: media
Come preparare le frittelle alla polenta
15

Introduzione

La polenta è una delle specialità italiane, e più precisamente delle zone alpine. Le ricette e le varianti che si possono realizzare con questo alimento sono davvero tantissime, per cui vale la pena leggere i passi successivi di questa guida per scoprire come preparare in modo semplice e veloce le frittelle alla polenta.

25

Occorrente

  • 400 gr. di polenta (già pronta e fredda) - 200 gr. di farina - 200 gr. di zucchero - 2 uova - 1 cucchiaio di olio di oliva - 1 bicchierino di grappa - la scorza di un limone - 100 gr. di uvetta - 1/2 bustina li lievito - sale
35

Preparare la polenta

Per iniziare bisogna preparare la polenta sul piano di lavoro, per cui appoggiate sul tavolo da cucina una spianatoia in legno, e su di essa cospargete la farina che vi servirà a tenere insieme tutti gli ingredienti. Proseguite e unite la farina alla polenta e girate bene con un cucchiaio, dopodichè unite lo zucchero, le uova, il latte e la buccia grattugiata di un limone.

45

Friggere le frittelle

Impastate adesso a dovere tutti gli ingredienti, e non dimenticatevi di aggiungere la bustina di lievito. Lavorate poi il composto fin quando non si presenterà completamente liscio ed omogeneo. Fatto ciò, lasciatelo riposare per alcuni minuti. Se invece preferite utilizzare un mixer, allora vi basterà mettere all'interno la polenta e frullarla, aggiungendo poi tutti gli altri ingredienti. Una volta pronta la pastella, versatela a cucchiaiate nella padella con l'olio di semi bollente, ovvero non appena quest'ultimo avrà raggiunto una temperatura abbastanza alta. Man mano che le frittelle risulteranno ben cotte ed avranno assunto un bel colore dorato da tutti i lati, scolatele dall'olio e adagiatele su un vassoio di ceramica che avrete già predisposto con della carta assorbente. Attendete che le frittelle si raffreddino, e poi spolveratele di zucchero a velo.

Continua la lettura
55

Aggiungere dell'uvetta

In alternativa al metodo precedente, potete mettere la polenta nel mixer e frullarla, per poi aggiungere in sequenza lo zucchero, la farina precedentemente mescolata con il lievito, le uova, il sale, l'olio di oliva, della grappa e la scorza grattugiata di un limone. Frullatela poi fino ad ottenere un impasto omogeneo, ed infine aggiungete dell'uvetta (precedentemente lavata e lasciata in ammollo in acqua tiepida), mescolando energicamente con un cucchiaio di legno. Se tuttavia non possedete un mixer, allora potete setacciare la polenta usando un colino oppure semplicemente passarla nello schiacciapatate. Alla fine le vostre originali frittelle di polenta, potete servirle in tavola accompagnate magari da un buon vino passito, che nello specifico è ideale con questi dolci, visto che vanno alla fine cosparsi di abbondante zucchero a velo anziché di sale.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Cucina

I 5 migliori street food vegetariani

La dieta vegetariana è diventata uno stile di vita sempre più diffuso: ormai sono noti i benefici che derivano dall'eliminare il consumo di carne e si è capito anche che una dieta vegetariana non è necessariamente meno gustosa o appagante di una dieta...
Primi Piatti

Come preparare la polenta affogata nella salsa di vino

La polenta affogata nella salsa di vino è una golosa specialità che può essere gustata con carni rosse brasate o con carni bianche in umido. È la pietanza ideale per riscaldare i primi freddi invernali durante le serate trascorse in famiglia. Questa...
Consigli di Cucina

Polenta: 5 ricette senza carne

La polenta, sopratutto quella a base di carne, è uno degli alimenti più nutrienti e sfortunatamente anche tra i più ricchi di calorie. Esistono tuttavia delle alternative alimentari alla polenta a base di carne, che ci possono permettere di non abbandonare...
Antipasti

Come preparare degli antipasti con la polenta

La polenta è un piatto tradizione della parte settentrionale dell'Italia e in particolare della Valtellina. Generalmente, la polenta viene definita il "piatto dei poveri" proprio perché è molto economico e formato da acqua e farina di cereali. A tal...
Primi Piatti

Come preparare la polenta taragna

Con l'arrivo del freddo un buon piatto di polenta è un toccasana da non sottovalutare. In particolare la polenta taragna è una specialità valtellinese e non solo. Il perfetto connubio tra la farina di mais e il grano saraceno. Il condimento più conosciuto...
Consigli di Cucina

Come condire la polenta

La tradizione gastronomica italiana si compone di differenti ricette, tutte tipiche di una particolare zona della nostra nazione. La polenta è uno di questi. In tempi lontani era il pasto di allevatori e contadini, che usavano farine di diversi cereali....
Primi Piatti

Ricetta: polenta al radicchio

La polenta è un alimento molto usato al Nord Italia. È un piatto basato principalmente su un composto di farina di mais, acqua e sale. Accompagnato con le salse a base di pomodoro, verdure o con i funghi è davvero un ottima pietanza che soddisferà...
Antipasti

Ricetta: polenta alla besciamella

La polenta è un piatto a base di farina di cereali, che viene cotta con acqua bollente fino a formare una crema compatta. Essa, una volta cotta, può servire da contorno alle carni, alle verdure oppure essere usata al posto del pane. La polenta alla...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.